mare del Nord

formazione del mare del nord

Uno dei mari più giovani conosciuti è il mare del Nord. È uno specchio d'acqua salata considerato un mare marginale all'interno dell'Oceano Atlantico. Si trova ad ovest del continente europeo tra Regno Unito, Germania, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Danimarca, Svezia e Norvegia, ha una forma rettangolare che copre un'area approssimativa di 570,000 km2 e un volume di 54,000 -94,000 km3.

In questo articolo vi parleremo di tutte le caratteristiche, la formazione, la biodiversità e le minacce del Mare del Nord.

caratteristiche principali

È un mare marginale dell'Oceano Atlantico la cui lunghezza totale È stimato a circa 960 chilometri e la sua parte più ampia è di 580 chilometri. È un mare che si collega con il resto dell'Oceano Atlantico attraverso il Pas de Calais e il Canale della Manica, e con il Baltico attraverso lo Stretto di Skagerrak e il successivo Stretto di Kattegat. In questo mare ci sono un gran numero di isole come le Isole Frisone, Farne, altre piccole isole e isolotti vicino alla costa.

I fiumi che alimentano principalmente questo mare sono il Reno, il Gloma, l'Elba, il Weser, il Drammen, l'Ätran, il Tamigi, il Trent e l'Ems. Essendo un mare di età abbastanza giovane è poco profondo. Nella parte settentrionale è un po 'più profondo ma raggiunge solo alcune zone con una profondità di 90 metri. La profondità massima stimata è di 700 metri e la parte settentrionale si trova nella regione norvegese. Sono acque o temperature molto basse che a volte gelano. A volte si vedono banchi di ghiaccio galleggiare sulla superficie.

La cosa più normale è che durante l'inverno le acque della superficie del Mare del Nord raggiungano in media i 6 gradi, mentre in estate la temperatura sale a 17 gradi. Il flusso di salinità più alto proviene dall'Atlantico e l'acqua con la temperatura più bassa e la salinità più bassa proviene dal Baltico. Come prevedibile, le zone meno salate di questo mare sono quelle situate nelle zone prossime alle foci dei fiumi.

Le coste del Mare del Nord sono diverse a seconda della regione in cui ci troviamo. Soprattutto nella parte settentrionale e lungo la costa della Norvegia sono comuni fiordi, scogliere, spiagge di ciottoli, valli e spiagge con dune di sabbia. Tutti questi ecosistemi sono tipici della zona costiera norvegese. Tuttavia, nelle aree orientali e occidentali altre con rilievi regolari e alcune aree ripide contrastano.

Formazione del mare del nord

Come accennato prima, è uno dei mari più giovani del mondo. Ha solo circa 3.000 anni nella zona costiera. Iniziò a crescere dalla separazione del super continente Pangea poiché questa separazione stava aprendo grandi masse di terra che si alimentavano con le foci dei fiumi sopra menzionati. All'inizio del Era cenozoica, il supercontinente si separò e l'Atlantico si era già formato.

Si può dire che questo mare sia stato formato in parte da alcuni mutamenti avvenuti a livello geologico. Durante il periodo Triassico y Giurassico si formarono un gran numero di case e faglie che lasciarono l'intera regione dove oggi sono in piena formazione le zone più alte. Questo fa sì che alcune aree abbiano più acqua. Durante questo periodo di formazione la crosta terrestre si era sollevata e le isole britanniche non si erano formate.

Successivamente, durante l'epoca dell'Oligocene, il centro e l'ovest del continente europeo erano già emersi dalle acque. Quasi tutte le acque che separavano l'Oceano Teti erano emerse. Solo circa 2.6 milioni di anni fa, durante il periodo di Pliocene il bacino del Mare del Nord era già a sud della Dogger Bank, faceva parte dell'Europa e il Reno si svuotava nelle sue acque salate. A causa delle diverse ere glaciali verificatesi nel tempo, le calotte glaciali si stavano formando e ritirando durante il Pleistocene.

Solo 8.000 anni fa il ghiaccio scomparve completamente e il livello del mare iniziò a salire. A causa del contributo dell'acqua dei fiumi e della scomparsa del ghiaccio, il mare potrebbe iniziare a formarsi completamente. Inoltre, l'innalzamento del livello del mare ha causato l'allagamento del ponte terrestre tra la Gran Bretagna e la Francia e il collegamento tra il Canale della Manica e il male del Nord.

Biodiversità del Mare del Nord

mare del Nord

Come prevedibile, questo mare è ricco di biodiversità e non è solo una residenza per molti animali, ma anche un'area di visita per gli animali migratori. Troviamo un gran numero di mammiferi come la foca comune, la foca dello zoccolo, la focena comune, la foca dagli anelli, la balena franca e molte altre specie di mammiferi. Per quanto riguarda il pesce, abbiamo più di 230 specie diverse tra i quali troviamo il merluzzo, il pesce piatto, lo spinarolo, il broncio e le aringhe. Tutta questa grande varietà di pesci è favorita dalla grande quantità di nutrienti forniti dai fiumi e dall'esistenza del plancton.

Troviamo anche un gran numero di ecosistemi adatti che offrono habitat perfetti per la nidificazione e la residenza di alcuni uccelli marini e migratori. Questi estuari sono perfetti per ospitare numerose specie. Tra gli uccelli marini che si rifugiano in questi estuari abbiamo svassi, alche, pulcinelle di mare, sterne e fulmini boreali. Nei tempi antichi il Mare del Nord era molto più conosciuto per la sua biodiversità di quanto non lo sia oggi. Nel corso dei secoli la biodiversità in questa zona è diminuita notevolmente.

minacce

L'essere umano è presente nella maggior parte delle minacce di tutti gli oceani e i mari del mondo. Come ci si potrebbe aspettare, questo caso non è diverso. A seguito della scoperta delle riserve di petrolio e gas naturale che esistono sotto questo fondale marino, il Mare del Nord è stato oggetto di un intenso sfruttamento commerciale. Tutti i paesi del Mare del Nord stanno sfruttando sempre più le risorse di combustibili fossili e le coste si arricchiscono grazie all'estrazione di sabbia e ghiaia.

A causa di queste attività economiche, la biodiversità marina è diminuita a causa del introduzione di macchinari negli habitat naturali e alti tassi di inquinamento e pesca eccessiva. Alcune specie sono scomparse, come i fenicotteri e l'alca gigante. Quest'ultima specie è estinta in tutta la Terra.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Mare del Nord e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.