Pliocene

Pliocene

All'interno Cenozoico è a Periodo neogene e che è diviso in più epoche. Oggi parleremo dell'ultimo periodo di questo periodo noto come Pliocene. Il Pliocene è iniziato circa 5.5 milioni di anni fa e si è concluso 2.6 milioni di anni fa. Questa volta può essere abbastanza importante dal punto di vista antropologico poiché in questo periodo sono stati scoperti i primi fossili del Australopithecus. Questa specie è il primo ominide che è esistito nel continente africano.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sul Pliocene.

caratteristiche principali

Australopithecus

Questa epoca è stata culminata con cambiamenti piuttosto significativi in ​​termini di biodiversità, sia in termini di flora e fauna, che di essere umano. Questi cambiamenti erano dovuti al fatto che animali e piante inizieranno a trovarsi in aree più diverse che erano limitate dalle condizioni climatiche. Questi luoghi in numerose specie sono rimasti fino ad oggi.

Questa epoca dura da quasi 3 milioni di anni. Ci sono alcuni cambiamenti a livello degli oceani. In tutto il Pliocene ci furono cambiamenti profondi e significativi nei corpi idrici. Uno dei più noti è l'interruzione della comunicazione che esisteva tra l'Oceano Atlantico e l'Oceano Pacifico. Questa è stata una conseguenza dell'emergere dell'istmo di Panama. Proprio come sono avvenuti i cambiamenti in questi oceani, anche il bacino del Mar Mediterraneo è stato riempito con l'acqua proveniente dall'Oceano Atlantico. Questo pose fine alla cosiddetta crisi del sale messiniana.

Una delle caratteristiche più sorprendenti dell'epoca del Pliocene è l'apparizione del primo ominide bipede. Questa informazione è disponibile grazie a un gran numero di fossili che sono stati raccolti da questo periodo. Il primo ominide apparso su questo pianeta è stato nominato Australopithecus. Era trascendentale nell'origine della specie umana come la conosciamo da quando hanno avuto origine i primi esemplari del genere Homo.

Geologia del Pliocene

Geologia del Pliocene

Durante questo periodo non c'era una grande attività orogenica. Il Deriva dei continenti Continua a spostare e spostare i continenti nelle posizioni in cui si trovano attualmente. Durante questo periodo il movimento dei continenti fu molto lento sia attraverso i mari che gli oceani. Avevano praticamente la stessa posizione che hanno oggi. Erano solo a pochi chilometri di distanza.

Una delle pietre miliari più importanti della geologia del Pliocene è stata la formazione dell'istmo di Panama. Questa formazione è ciò che tiene insieme il Nord e il Sud America. Questo fenomeno era trascendentale poiché aveva anche influenze sul clima dell'intero pianeta. Con questo istmo, tutte le comunicazioni che esistevano tra gli oceani Pacifico e Atlantico furono chiuse.

A livello dei poli, sia le acque antartiche che quelle artiche hanno subito un forte calo delle temperature, diventando le temperature più fredde del pianeta. Ci sono informazioni che sono state raccolte da specialisti che dicono che durante questo periodo c'è stato un famigerato calo del livello del mare ed è perché il numero di calotte polari e glaciali è aumentato. Ciò ha avuto conseguenze che hanno fatto emergere pezzi di terreno attualmente sommersi. Ad esempio, c'è il caso del ponte terrestre che collega la Russia con il continente americano. Questo ponte è attualmente sommerso e occupato dal modo in cui è conosciuto con il nome di Stretto di Bering.

Clima pliocenico

Ecosistema pliocenico

Durante questo periodo durato quasi 3 milioni di anni, il clima era piuttosto vario e fluttuante. Secondo i dati raccolti dagli specialisti del clima, ci sono stati momenti in cui la temperatura è aumentata notevolmente. Ciò è stato contrastato in alcuni periodi, soprattutto alla fine del Pliocene, quando le temperature sono scese in modo significativo.

Tra le caratteristiche climatiche più importanti di questo periodo c'è il clima stagionale. Cioè, presentano le stagioni, due delle quali sono molto marcate. Uno è l'inverno in cui il ghiaccio si è diffuso su gran parte dell'intero pianeta. L'altra è stata l'estate in cui il ghiaccio si è sciolto e ha lasciato il posto a un paesaggio piuttosto arido.

In generale, si può dire che il clima alla fine del Pliocene era piuttosto arido a causa dell'aumento delle temperature di cui abbiamo discusso in precedenza. Inoltre, ha acquisito un aspetto piuttosto secco e ha provocato la modifica dell'ambiente e la trasformazione da foreste a savane.

biodiversità

La fauna si diversificò ampiamente durante il Pliocene e arrivò a colonizzare diversi ambienti. La flora ha però subito una sorta di regressione stagnante perché le condizioni climatiche non erano troppo favorevoli. Con l'esistenza di un inverno in cui il ghiaccio occupava la maggior parte del pianeta e un'estate piuttosto secca e arida, non c'erano le condizioni necessarie per lo sviluppo o la diversificazione delle piante.

Flora

Flora fossile

Le piante che proliferarono maggiormente durante l'epoca del Pliocene furono le praterie. Questo perché sono piante in grado di adattarsi abbastanza facilmente alle basse temperature che hanno prevalso durante il Pliocene. Esisteva una certa vegetazione tropicale, specialmente nelle giungle e nelle foreste, ma è limitata solo alla regione equatoriale. È in questa zona che esistevano le condizioni climatiche per prosperare e diffondersi.

I cambiamenti climatici avvenuti in questo periodo fecero apparire vaste aree di terra scarsamente popolate con caratteristiche di deserto. Alcune di queste zone sono ancora prevalenti oggi. Per quanto riguarda le aree più vicine ai poli, è stata istituita la stessa tipologia di flora che abbonda oggi. Sono conifere. Questo perché hanno una grande resistenza al freddo e sono in grado di svilupparsi a basse temperature.

Fauna

Come abbiamo accennato in precedenza, una delle pietre miliari riguardanti l'essere umano sorse in questo momento. Anche i mammiferi hanno sperimentato grandi radiazioni evolutive provocandone la diffusione su un gran numero di ambienti diversi.

Con queste informazioni potrai saperne di più sul Pliocene e su tutte le sue caratteristiche principali.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.