oceano Artico

oceano Artico

Tra gli oceani del pianeta, il oceano Artico è il corpo d'acqua più piccolo e più settentrionale. È anche considerato l'oceano più freddo del nostro pianeta poiché la maggior parte delle sue acque sono coperte da un'enorme massa di ghiaccio durante tutto l'anno. Al suo interno la vita si adatta a queste condizioni ostili di un clima freddo. Tuttavia, è uno degli oceani più colpiti dagli effetti negativi del cambiamento climatico e del riscaldamento globale.

In questo articolo vi racconteremo tutte le caratteristiche, l'evoluzione, la flora e la fauna dell'Oceano Artico.

caratteristiche principali

Caratteristiche dell'Oceano Artico

La principale differenza che ha con il Oceano Antartico è che ha una piattaforma continentale su cui si trova il ghiaccio. Nel caso in cui lo scioglimento dei ghiacci continui a questa velocità, sarà il Polo Sud ad aumentare il livello del mare. L'Oceano Artico non ha una piattaforma continentale, ma solo acqua ghiacciata. Questo fa sì che le macerie congelate galleggino nelle acque centrali. Queste grandi masse di ghiaccio sono circondate dall'intero mare durante i mesi estivi e invernali, Man mano che l'acqua si congela, il suo spessore aumenterà.

Si trova nell'emisfero settentrionale nella regione più vicina al Circolo Polare Artico. Limita nelle regioni vicine ad Asia, Europa e Nord America. Attraversa le acque con lui Oceano Atlantico attraverso lo Stretto di Fram e il Mare di Barents. Confina anche con l'Oceano Pacifico attraverso lo stretto di Bering e l'intera costa litoranea dell'Alaska, del Canada, del Nord Europa e della Russia.

La sua profondità principale è compresa tra 2000 e 4000 metri. Ha una superficie totale di circa 14.056.000 chilometri quadrati.

Formazione e clima dell'Oceano Artico

Ghiaccio che si scioglie

Sebbene la formazione di questo oceano non sia ben compresa, si pensa che si sia formato molto tempo fa. Ci sono condizioni ambientali estreme che rendono difficili gli studi su questo oceano. È abitato da popolazioni eschimesi da circa 20.000 anni. Queste persone hanno saputo adattarsi alle condizioni meteorologiche estreme riscontrate in questi luoghi. Di generazione in generazione hanno saputo tramandare le conoscenze necessarie per potersi adattare e abituare alla vita in questi luoghi.

In questo oceano sono stati trovati fossili che indicano prove di vita organica che è permanentemente congelata. Si stima che faccia approssimativamente circa 70 milioni di anni fa aveva le stesse condizioni che ha oggi il Mar Mediterraneo. Ed è che in alcuni tempi e periodi di tempo geologico questo oceano è stato completamente scoperto senza ghiaccio.

Temperature medie durante l'inverno in questo l'oceano scende a valori di -50 gradi, il che rende la sopravvivenza in questo posto un'odissea. Il clima polare è uno dei più freddi del pianeta, il che fa sì che abbia temperature annuali più o meno persistenti e molto basse. Si divide principalmente in due stagioni di circa 6 mesi ciascuna. Analizzeremo le due stazioni che si trovano nell'Oceano Artico:

  • estate: Durante il mese estivo le temperature oscillano intorno a 0 gradi e c'è luce continua dal sole 24 ore al giorno. Sono presenti anche nebbie continue e nevose che impediscono al ghiaccio di sciogliersi completamente. Dall'ora legale ci sono anche deboli cicloni con pioggia o neve.
  • inverno: la temperatura raggiunge valori di -50 gradi e c'è una notte perpetua. In questo periodo dell'anno il sole non si vede mai. Il cielo è sereno e le condizioni meteorologiche sono stabili. Questo perché non c'è influenza dalla luce solare.

Non possiamo dimenticare che la ragione principale per cui esistono fenomeni meteorologici è a causa dell'azione della luce solare. Pertanto, durante i mesi invernali ci sono condizioni meteorologiche molto stabili. A causa degli effetti del cambiamento climatico e del riscaldamento globale, le temperature dei mesi estivi stanno aumentando sempre di più, provocando uno scioglimento quasi completo dell'intero Oceano Artico.

Flora e fauna dell'Oceano Artico

Sebbene questo oceano sia in condizioni estreme, ci sono numerosi mammiferi che si sono adattati a questi ambienti. La maggior parte di loro ha una pelliccia bianca che funge da mimetizzazione e protezione dal freddo. Puoi contare più o meno circa 400 specie di animali e si sono adattati al freddo intenso di questa regione. Tra le più conosciute abbiamo 6 specie di foche e leoni marini, balene di vario tipo e l'orso polare, essendo il più conosciuto.

Ci sono anche molluschi microscopici noti come krill che svolgono un ruolo vitale nella piramide ecologica marina. La vegetazione è molto più scarsa, formata a malapena da muschi e licheni.

Le calotte polari che si formano nell'Oceano Artico sono grandi masse ghiacciate. La superficie non acquatica cresce di dimensioni doppie durante l'inverno e sono circondate da acqua ghiacciata in estate. Questi tappi di solito raggiungono uno spessore di circa 2 o 3 metri e sono costantemente mossi dalle acque e dai venti che provengono dalla Siberia. Alla fine possiamo vedere alcuni pezzi di ghiaccio che entrano in collisione tra loro e si fondono completamente. Questo crea una cresta di depressione che è più di tre volte lo spessore dei cappucci inizialmente formati.

Si può dire che la salinità di questo oceano è la più bassa dell'intero pianeta. Ciò è dovuto al fatto che l'evaporazione è molto bassa e l'acqua di fusione, che è dolce, la influenza.

Situazione attuale

Si stima che in questo oceano Si trova il 25% di tutte le riserve mondiali di petrolio, gas naturale, stagno, manganese, oro, nichel, piombo e platino. Ciò significa che il disgelo consente l'accesso a queste risorse come una zona energetica e tattica di vitale importanza per il futuro. Questo oceano è la più grande riserva naturale di acqua dolce del mondo. Il suo disgelo ne sta causando la morte imminente.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'Oceano Artico.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.