Cos'è il tempo geologico e come viene misurato?

Origine temporale geologica della Terra

In numerose occasioni potresti aver letto nei miei post l'espressione "Tempo geologico". La scala su cui siamo abituati a lavorare non può essere usata per parlare della geologia e dell'evoluzione della Terra o dell'universo. Tieni presente che la scala umana in cui lavoriamo normalmente è di circa 100 anni per individuo. Tuttavia, il tempo non significa nulla per i processi geologici. È qui che dobbiamo parlare del tempo geologico.

Lo studio della Terra deve avere una scala più ampia in cui possa comprendere tutti i processi geologici così come sono avvenuti nella realtà. Pertanto, oggi parleremo del tempo geologico. Vuoi sapere come i geologi datano e datano gli eventi geologici sul nostro pianeta?

Definizione di tempo geologico

Scala geologica

Per comprimere tutte le informazioni geologiche utilizziamo questo tempo geologico. Quando parliamo, ad esempio, della formazione di rocce sedimentarie, parliamo della compattazione dei materiali mediante la forza della pressione. Questa formazione non avviene in giorni, settimane o mesi. È più, Non succede tra 100 anni. Il processo di formazione di una roccia sedimentaria come un'arenaria richiede migliaia di anni. Gli esseri umani non sono nemmeno un piccolo battito di ciglia nella storia geologica della Terra.

Per introdurre tutti i processi geologici su una scala su cui possiamo lavorare, utilizziamo gli Eoni, le Ere Geologiche, i periodi e le epoche. A differenza del tempo normale con cui siamo abituati a lavorare, il tempo geologico non ha una durata fissa. Questo perché ci sono tratti nella storia della Terra in cui si sono verificati eventi più significativi. Questi eventi sono riassunti in lformazione di montagne, erosione, estinzioni di massa, ecc.

Con tutte queste caratteristiche e linee guida, possiamo definire il tempo geologico come il periodo di tempo che va dalla formazione e dallo sviluppo della Terra (circa 4,5 miliardi di anni fa) ad oggi. Insomma, è come se fosse il calendario della Terra.

Scala ed eventi geologici

Tempo geologico riassunto

Questa scala temporale è ampiamente utilizzata da geologi e altri scienziati. Grazie a lei Possono assegnare ora e date agli eventi più importanti sulla Terra. All'interno delle rocce troverai maggiori informazioni su ciò che è accaduto sul nostro pianeta in questi 4,5 miliardi di anni.

Fino al XVIII secolo, si pensava che la Terra avesse solo poche migliaia di anni. La vera conoscenza terrestre è arrivata con la scoperta della radioattività da parte di Marie Curie nel XX secolo. Grazie a ciò è stato possibile datare le rocce della crosta terrestre e la caduta di meteoriti.

Se vogliamo parlare di tempo geologico, non possiamo usare unità di tempo come decenni o secoli. Il modo più utile è dividere il tempo per i principali eventi geologici. In breve, si tratta dei grandi cambiamenti subiti dalle rocce e dagli esseri viventi sin dall'origine del nostro pianeta.

Divisioni geologiche

Origine della vita sulla terra

In tempo geologico, la più grande unità di tempo utilizzata è l'eone. Questo eone è diviso in ere, periodi, epoche e fasi. L'intera storia della Terra è divisa in due grandi Eoni di tempo. Il primo è il Precambriano, dove la Terra si è formata circa 4,5 miliardi di anni fa. È terminato circa 570 milioni di anni fa. Siamo ora nell'Eone del Fanerozoico. Questi due eoni sono troppo grandi, quindi abbiamo bisogno di scale temporali più piccole.

Approfondiremo ogni unità di misura del tempo geologico:

Eone

Divisione Pangea

È il più grande di tutti sulla scala temporale. Viene misurato ogni 1.000 miliardo di anni. Il passaggio dal Precambriano al Fanerozoico è dovuto alla disgregazione del supercontinente chiamato Pannotia. Fanerozoico significa "vita visibile". C'era già vita prima dell'inizio di questo eone, ma è qui che sono più complessi ed evoluti.

epoca

Eri geologico

L'era non è un'unità esatta. Raggruppa importanti cambiamenti geologici o biologici subiti dal pianeta sin dalla sua formazione. Ogni epoca inizia con un evento importante. Ad esempio, il Mesozoico inizia con la comparsa dei primi uccelli e mammiferi.

Le età del tempo geologico sono: Azoico, arcaico, proterozoico, paleozoico (vita antica), mesozoico (vita intermedia) e cenozoico (vita recente). Poiché le ere sono troppo grandi nel tempo, le divisioni devono essere ridotte per una maggiore precisione.

periodo

Era Paleozoica

Si tratta della suddivisione delle epoche. Ogni periodo segna un evento geologico o l'apparizione di un essere vivente che funge da segno. Ad esempio, nel periodo Cambriano il supercontinente chiamato Pangea si disgrega.

tempo

L'epoca è la divisione del periodo. In ogni epoca gli eventi geologici vengono registrati su scala minore. Ad esempio, nel Paleocene c'è la separazione tra Europa e Nord America. Sebbene in molte mappe del tempo geologico l'ultima volta che viene scritta sia l'Olocene, la Terra lo ha già superato. Ci troviamo ora nell'Antropocene. Si tratta della prima epoca definita dall'azione dell'uomo.

Antropocene

Antroprocene

È indiscutibile che l'essere umano abbia avuto grandi conseguenze sulla Terra. Soprattutto, dalla rivoluzione industriale ad oggi, la trasformazione del pianeta è stata totale. Gli ecosistemi naturali non modificati dall'uomo sono scarsi. L'essere umano è stato in grado di entrare e modellare il terreno in quasi ogni angolo del pianeta.

Grandi cambiamenti su scala globale, come il cambiamento climatico, sono causati dalle emissioni di gas a effetto serra delle nostre attività. Come per lo strato di ozono, che è rimasto stabile, siamo riusciti a ridurlo quasi in pochi decenni. Si tratta di uno sviluppo esponenziale avvenuto in poco più di 300 anni. La popolazione mondiale nell'anno 1750 non ha raggiunto il miliardo di abitanti. Tuttavia, oggi, siamo più di 7,5 miliardi. Si prevede che entro il 2050 saremo quasi 10 miliardi.

Come puoi vedere, le scale geologiche sono molto necessarie per datare i fossili e per capire meglio l'origine del nostro pianeta. E tu, sapevi del tempo geologico?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   FERNANDO GRANADOS GUZMAN suddetto

    LA DISINTEGRAZIONE DEL PIANETA TERRA È GIÀ ALL'INTERNO DI TUTTI E DI TUTTI!

  2.   Marta Rodriguez suddetto

    Recentemente ho sentito un commento in televisione a cui vorrei chiedere di fare qualche ricerca in più. Ho sentito che c'era una relazione tra la frequenza delle onde cerebrali e la percezione soggettiva del tempo umano con un cambiamento in qualche movimento della Terra, non so se fosse "nutazione" o quell'altro movimento che è un'oscillazione di i poli, o se fosse qualcosa di "magnetico" del nostro pianeta.
    La domanda che vorrei chiarire è quale fenomeno fisico, di movimento o magnetico del nostro pianeta possa avere questo rapporto con la sensazione che ora il tempo passi più velocemente. Grazie in anticipo.

  3.   Pedro Sibaja suddetto

    La prima immagine che divide i tempi geologici appartiene a te, se sì, in che anno è stato pubblicato questo lavoro?