Fauna dell'Olocene

Fauna dell'Olocene

Il tempo in cui ci troviamo oggi è noto come Olocene. Questo è l'ultimo periodo che compone il Era cenozoica e questo iniziò circa 12.000 anni fa. In questo periodo è soprattutto lo sviluppo dell'umanità dai costumi nomadi fino ad oggi. In tutto questo tempo la fauna ha subito grandi cambiamenti a livello globale. Pertanto, analizzeremo la fauna dell'Olocene.

In questo articolo vi racconteremo tutte le caratteristiche, l'evoluzione del Fauna dell'Olocene.

Contesto generale

mammut

Per spiegare la fauna dell'Olocene dobbiamo introdurre un contesto in cui ci troviamo oggi. In tutto questo tempo siamo stati in grado di osservare lo sviluppo dell'essere umano, che include tutte le pietre miliari dell'umanità dalla creazione dei primi gruppi sociali e civiltà, lo sviluppo della scrittura, viaggi di esplorazione e grandi progressi culturali. E intellettuali.

Da quando l'essere umano era nomade fino ad oggi c'è stata molta evoluzione. Come previsto l'essere umano è un tassello fondamentale nella ripercussione che ha sulla fauna dell'Olocene. La fauna ha subito vari cambiamenti influenzati dall'uomo e dagli adattamenti che hanno dovuto sviluppare. Ed è che lo scenario come lo conosciamo è stato cambiato molte volte dallo sviluppo della tecnologia e delle popolazioni umane.

Gli spazi naturali stanno diventando sempre meno e l'inquinamento fa parte di questo ecosistema. Animali e piante hanno dovuto adattarsi a condizioni diverse in un periodo di tempo molto più breve del normale. Prima dell'esistenza dell'essere umano, c'erano cambiamenti nella flora e nella fauna a livello globale ma avevano un periodo di tempo molto più lungo. Per quali specie si sono evolute e si adatteranno a nuovi ambienti potrebbero passare milioni di anni. Tuttavia, come possiamo vedere oggi, l'essere umano ha cambiato l'intero paradigma. Le specie devono adattarsi solo in periodi di secoli e sempre meno.

La fauna dell'Olocene ha subito una massiccia estinzione in cui è possibile osservare un processo continuo. Non solo la fauna ma anche la flora stanno vivendo un'estinzione globale causata dall'azione degli esseri umani. Molti specialisti hanno catalogato questo processo di estinzione come il più lungo nella storia della terra per il periodo di cui sopra. Ed è che le cause di questa estinzione non sono i cambiamenti nei fattori ambientali ma dall'azione dell'essere umano.

Il contesto in cui ci troviamo nell'Olocene è un'epoca interglaciale. Questa era è iniziata al termine di un periodo inizialmente intenso e si prevede che in un futuro non troppo lontano si verificherà un'altra era glaciale.

Fauna dell'Olocene

Umano e fauna dell'Olocene

Come abbiamo accennato prima, gli animali non sono variati molto durante questo periodo ma hanno dovuto adattarsi a numerosi cambiamenti. Tutte le specie che sono riuscite a mantenersi nel tempo non hanno subito cambiamenti o evoluzioni apprezzabili. Quelle specie che si sono accentuate e prolungate nel tempo sono quelle che sono riuscite a sopravvivere a questa estinzione sia di specie terrestri che marittime. L'azione degli esseri umani e il loro desiderio di conquistare il pianeta è ciò che sta mettendo in pericolo sia gli animali che le piante.

Elencheremo quegli animali che esistevano all'inizio dell'Olocene e che si sono già estinti:

  • mammut: sono specie molto simili agli elefanti che abbiamo oggi e appartengono alla stessa famiglia. La sua caratteristica principale era quella di avere un tronco i cui lati sporgevano enormi zanne. Il corpo era ricoperto di peli poiché era un adattamento per poter sopravvivere alle basse temperature. La dimensione del mammut era variabile e sono stati raccolti fossili di alcuni esemplari più grandi degli attuali elefanti. Ci sono altre specie di dimensioni più piccole e sono state chiamate specie di mammut nani.
  • dodo: era una specie di uccello endemica delle Mauritius. Erano di dimensioni molto piccole e pesavano circa 12 chili. Poteva raggiungere un metro di altezza anche se non aveva la capacità di volare. L'aspetto del suo corpo era piuttosto paffuto. Alcuni specialisti di questo uccello lo definiscono un esempio emblematico dell'estinzione di una specie per azione dell'uomo. Ed è che questa specie è stata in grado di vivere nel suo habitat e svilupparsi bene fino all'arrivo dell'uomo su quest'isola all'inizio del XVI secolo. Dopo l'arrivo degli esseri umani nel loro habitat, le loro popolazioni sono state drasticamente ridotte fino alla loro estinzione.
  • Moa: è un'altra specie di uccello che abita o in Nuova Zelanda fino al XV secolo. È qui che si è estinto a causa degli umani. In apparenza era molto simile allo struzzo. Può misurare fino a 3 metri e mezzo e pesare circa 275 chili. Come previsto, l'essere umano ha iniziato a cacciare questa specie per il consumo. L'invasione dei cacciatori Maori nel loro habitat naturale è stata la ragione principale dell'estinzione di questa specie.

Fauna dell'Olocene in pericolo di estinzione

Attualmente esiste un organismo internazionale che si occupa di valutare le specie in base al loro grado di minaccia e alla loro possibilità di estinzione. Questo organismo è noto come l'unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). Questo organismo ha stabilito diverse categorie a seconda della riduzione delle popolazioni e dell'effetto sui suoi ecosistemi. Possiamo trovare categorie da vulnerabile, pericolo di estinzione, pericolo critico di estinzione, estinto in natura, estinto, non minacciato, di minore preoccupazione e senza informazioni sufficienti.

Attualmente elenchiamo alcune delle specie che sono in imminente pericolo di estinzione e che sono le più conosciute:

  • Lince iberica
  • Cammello selvatico
  • Orangutan
  • Antilope asiatica
  • Avvoltoio dal becco delegato
  • Albatro dalle sopracciglia nere
  • Patto o blu
  • Cavalluccio marino dalla coda di tigre

Tutte queste specie appartengono alla fauna dell'Olocene e sono in grave pericolo di estinzione. Tale è il loro graduale processo di estinzione che viene dichiarata la sesta grande estinzione. La cosa più allarmante è che questo periodo di tempo è molto breve per il gran numero di specie che si stanno estinguendo.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla fauna dell'Olocene.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.