Calotte polari

Calotte glaciali antartiche

Sul nostro pianeta ci sono grandi masse di ghiaccio che coprono i poli nord e sud. Questo ghiaccio non è solo nel mare, ma si trova anche nelle catene montuose. Queste masse di ghiaccio sono note come ghiacciai. Quando questi ghiacciai raggiungono una magnitudine così grande da coprire di solito aree intere ed estese, vengono chiamati calotte polari.

In questo articolo vi racconteremo tutte le caratteristiche, l'importanza, la dinamica di queste calotte polari e cosa succederebbe se tutte queste masse di ghiaccio finissero per sciogliersi.

Formazione di ghiacciai

ghiacciai

Per far posto alle calotte polari, è prima necessario sapere come si formano i ghiacciai in modo che possano diffondersi in modo tale da costruire alla fine una calotta polare. Tutta la copertura di ghiaccio che si è diffusa durante l'ultima glaciazione o era glaciale costituiscono i ghiacciai. Questi ghiacciai sono di grande importanza come agenti erosivi e costruttori di rilievo, suolo e paesaggio.

Un altro motivo per cui sono importanti è perché costituiscono una grande fonte di acqua dolce sul pianeta. Sono molti gli esseri viventi che approfittano dello scioglimento estivo dei ghiacciai per sopravvivere, riprodursi o farne il loro habitat naturale.

Questi ghiacciai si formano accumulando, anno dopo anno, la neve che cade sui fondali e sui pendii delle valli. Si trovano in zone di alta montagna. Lo spessore può raggiungere una proporzione elevata se la neve che si perde a causa del disgelo estivo è inferiore a quella che si accumula durante la stagione nevosa.

La massa compatta di questa neve si produce perché ogni nevicata viene compressa su quella precedentemente depositata. Se il calore dello scioglimento riesce a sciogliere il ghiaccio, lo farà addensare e inizierà a spostarsi verso il fondovalle.

La densità della neve di solito aumenta con la profondità in quanto vi è una maggiore quantità di neve per unità di superficie, essendo più compatta. Questo odore che hanno è alla base del ghiacciaio e scorre come se fosse un liquido. All'interno del ghiacciaio si muove più velocemente delle zone laterali, quindi sono spesso presenti rotture, tensioni e stiramenti che rendono visibili fessure superiori.

Dinamica glaciale

Ghiacciaio Perito Moreno

Il ghiacciaio si sta muovendo e sta sradicando le rocce che sono proiezioni che si trovano sul suo cammino. I frammenti rocciosi che derivano da questo movimento dei ghiacciai sono noti come morene. L'area alla fine del ghiacciaio è dove si forma il disgelo. Qui puoi vedere la formazione di alcune piccole colline che vengono chiamate morene terminali.

Finché il ghiacciaio manterrà una zona di accumulo nella parte superiore della neve dalle precipitazioni, il ciclo del ghiacciaio rimarrà vivo. Infine, nella zona inferiore, il ghiacciaio si scioglie, formando piccoli corsi d'acqua dolce.

Ci sono alcuni ghiacciai che scorrono attraverso le valli ai piedi di un sistema montuoso. Quando si uniscono per formare un ghiacciaio più grande, è noto come il Piemonte.

Calotte polari e calotta di ghiaccio

Calotte polari

Una volta capito cos'è un ghiacciaio, come si forma e quali sono le sue dinamiche, procediamo con la descrizione delle calotte polari. Se il suddetto ghiacciaio copre veri altipiani e isole ad alte e basse latitudini, è noto come calotta polare. Queste calotte polari tendono a nascere nei ghiacciai alpini e scendono nelle valli. Finalmente, in alcune occasioni raggiungono il mare.

Se il ghiacciaio è così esteso da coprire la superficie di un intero continente, si chiama calotta di ghiaccio continentale. Ciò si verifica con le calotte polari dell'Artico e dell'Antartide. Questo grande strato di ghiaccio scorre verso l'esterno fino a raggiungere gli oceani ed è lì che si frammenta in diverse dimensioni formando iceberg.

Il termine calotte polari è usato per descrivere le diverse masse di ghiaccio trovate in Antartide e Groenlandia. Quindi, Ogni volta che parliamo di riscaldamento globale o cambiamento climatico, parliamo dello scioglimento delle calotte polari. Queste calotte polari ad entrambi i poli si sono formate nell'era glaciale del Pleistocene, nel periodo quaternario e sono arrivate a coprire la maggior parte dell'intero emisfero settentrionale.

Una calotta polare è nota come mantello glaciale e di solito ha un'estensione di più di 1,8 milioni di chilometri quadrati di superficie. In termini di spessore, sono al massimo di 2.700 metri. Queste calotte polari coprono la maggior parte della superficie della Groenlandia. Il substrato roccioso emerge solo vicino alla costa dove il ghiacciaio non è abbastanza forte e si frammenta formando lingue di ghiaccio. Quando le lingue raggiungono il mare, si rompono ulteriormente in pezzi di ghiaccio durante la stagione del disgelo, formando degli iceberg.

Gli iceberg hanno le loro dinamiche e scompaiono nel corso degli anni. Una calotta polare di questa dinamica copre l'Antartide, solo questo ghiacciaio ha una superficie di 13 milioni di chilometri quadrati.

Cosa succederebbe se le calotte polari si sciogliessero?

Fusione delle calotte polari

Con il cambiamento climatico e l'aumento dell'effetto serra, si parla dello scioglimento delle calotte polari. L'effetto immediato di ciò è che il livello del mare aumenterebbe. Considera che le masse di ghiaccio concentrano quasi il 70% di tutta l'acqua dolce del pianeta. Se quest'acqua, cioè in una superficie terrestre finisce per sciogliersi, finirà in mare.

Gli scienziati stimano che entro il 2100, il livello del mare sarà aumentato in media di 50 centimetri dal livello del mare. Ciò significa che molte città costiere saranno influenzate negativamente e molti altri ecosistemi dovranno adattarsi nuovamente. Inoltre, il albedo della terra ne risentirà anche poiché c'è meno superficie bianca che riflette più radiazione solare incidente.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulle calotte polari e sulle conseguenze del loro scioglimento.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.