Biografia di Max Planck

Max Planck

Da quando la scienza si è sviluppata, il mondo si è evoluto a passi da gigante. Il miglioramento delle conoscenze in fisica quantistica, chimica, biologia e altre materie hanno permesso all'essere umano di avere uno stile di vita completamente diverso da quello che aveva solo pochi secoli fa. Oggi parleremo di uno scienziato che ha segnato un prima e un dopo e che ha iniziato l'esistenza della teoria quantistica. Riguarda Max Planck.

Questo scienziato ha ricevuto un premio Nobel ed è considerato un grande creatore di una teoria che porterà allo sviluppo della scienza su scala mondiale. Vuoi conoscere gli exploit e la storia di Max Planck? Continua a leggere perché è davvero interessante e curioso.

Chi era Max Planck?

Max Planck come anziano

Il suo nome completo è Max Karl Ernst Ludwig Planck. È uno scienziato tedesco nato il 23 aprile 1858 a Kiel. Fu un grande ricercatore che studiò alle università di Monaco e Berlino dove sviluppò tutte le linee guida per dare origine alla fisica moderna. Nel 1885 fu nominato professore di fisica all'Università di Kiel e successivamente nel 1889 andò all'Università di Berlino dove lavorò come professore fino al 1928.

Durante la sua ricerca ha analizzato le caratteristiche dell'energia e come funziona. L'emissione di luce, gli effetti ottici, il funzionamento del flusso di energia nei diversi organismi, ecc. Nel 1900 è riuscito a stabilire il movimento dell'energia. Ed è che l'energia si irradia separatamente, non è un flusso continuo. Ogni componente di energia è noto come quanti. È da questo nome che è stata chiamata la teoria quantistica.

Questa teoria quantistica iniziò ad avere successo nella comunità scientifica e a consentire la spiegazione di numerosi fenomeni fino a quel momento sconosciuti. È allora che, proseguendo le sue indagini, è riuscito a trovare la costante della natura universale. Da allora lo conosciamo come la costante di Planck. Grazie a questa scoperta, oggi è possibile sapere molto di più sul funzionamento dell'energia e vengono facilitati migliaia di calcoli, poiché questo fattore è una costante invariabile.

Teoria dei quanti

Teoria dei quanti

La teoria quantistica di Planck lo afferma l'energia che ogni quanto possiede è uguale alla frequenza della radiazione moltiplicata per la costante universale. Cioè, ci mostra le caratteristiche energetiche di ogni quanto o di ogni componente del flusso di energia. Questo è molto utile per conoscere il funzionamento dei flussi energetici degli apparecchi e anche dei bilanci energetici in natura.

Le sue scoperte non hanno invalidato la teoria precedente secondo cui le radiazioni viaggiano sulle onde. Dopo numerosi studi successivi, gli scienziati ora pensano che la radiazione elettromagnetica si muova combinando le proprietà delle onde con quelle delle particelle.

Come sempre quando si verifica una nuova scoperta che rompe tutto ciò che è stato stabilito (vedi La teoria del Continental Drift) è inizialmente rifiutato dalla comunità scientifica. Sono necessari argomenti e prove molto validi e inequivocabili per garantire ciò di cui si sta parlando. Pertanto, le scoperte fatte da Planck sono stati successivamente verificati da studi di altri scienziati. Grazie a queste scoperte, la fisica iniziò a funzionare in un campo completamente diverso e più sviluppato. Questo campo della fisica è noto come meccanica quantistica ed è quello che basa tutte le conoscenze necessarie per studiare l'energia atomica. Se tutto sul nostro pianeta è composto da atomi e molecole, conoscere la loro energia e come funzionano è di vitale importanza.

Nel 1905 riconobbe l'importanza delle idee di Albert Einstein sulla radiazione elettromagnetica. Entrambi hanno collaborato durante la loro carriera come fisici che hanno lavorato per rivoluzionare quel mondo.

Max Planck e Albert Einstein

Incontro di scienziati

Poiché Planck non è stato in grado di avanzare molto lontano nelle sue scoperte, è servito come base per altri scienziati come Einstein per sviluppare più teorie. Nel 1905, Einstein ha pubblicato la teoria nota come effetto fotoelettrico con i calcoli e le indagini di Planck. È stato in grado di dimostrare che le particelle caricate elettricamente sono in grado di assorbire ed emettere energie in termini proporzionali come la frequenza della luce o della radiazione.

Questi principi quantistici stavano diventando sempre più rilevanti nel mondo della fisica fino a quando, nel 1930, furono le basi generali della nuova fisica. Con le scoperte che Planck ha fatto e che ha rivoluzionato il mondo della fisica, ha vinto numerosi premi, tra cui il Premio Nobel per la Fisica. Ci riuscì nel 1918. Inoltre, nel 1930, quando terminò il suo lavoro all'Università di Berlino, fu eletto presidente della Kaiser William Society for the Advancement of Science. Dopo si chiamava Max Planck Society.

A quel tempo iniziò la seconda guerra mondiale e Planck si scontrò con Hitler per la sua opposizione al regime nazista. In diverse occasioni dovette intercedere per i suoi colleghi ebrei per aiutarli. Dovette lasciare l'associazione nel 1933 per diventare presidente al termine della seconda guerra mondiale.

Sofferenza e sviluppo

La sofferenza di Max Planck

Non tutto ciò che Max Planck aveva nella sua vita era carino. Ha anche dovuto soffrire e affrontare numerose tragedie. La prima è che, nel 1909, all'età di 50 anni, soffrì la morte della moglie dopo 22 anni di matrimonio. Ha lasciato due figli e due figlie gemelle. La maggiore morì nella battaglia avvenuta durante la prima guerra mondiale nel 1916. Le due figlie morirono di parto e la loro casa fu distrutta nel 1944 dalle bombe.

A parte tutto questo, come se non bastasse, il figlio più giovane fu implicato in un crimine contro la vita di Hitler e morì in modo orribile nel 1945. Dovette sopravvivere a tutta la sua famiglia fino a quando, con la sua seconda moglie e figlia da questo, si sono trasferiti a Gottinga, dove morì il 4 ottobre 1947 all'età di 90 anni.

Spero che questa biografia di Max Planck ti sia piaciuta.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.