Zone umide

zone umide

Tra gli ecosistemi naturali di grande importanza ecologica e mantenimento della biodiversità, vi sono i zone umide. L'obiettivo annuale è sensibilizzare le persone sulla necessità di proteggere questi preziosi ecosistemi naturali. Pertanto, il 2 febbraio di ogni anno è la Giornata mondiale delle zone umide. Una zona umida è un ecosistema in cui il suolo è costantemente o periodicamente sommerso dall'acqua. Ciò può verificarsi negli ecosistemi di acqua dolce e in alcune aree con un certo grado di salinità.

In questo articolo ti diremo cosa sono le zone umide, quali sono le loro principali caratteristiche e quanto sono importanti.

Cos'è una zona umida

ecosistemi delle zone umide

È un ecosistema naturale, con equilibrio ecologico, basato su un suolo regolarmente o permanentemente sommerso dalle inondazioni. Questi ecosistemi possono apparire in luoghi dove c'è acqua dolce o dove c'è acqua salata. A causa di queste caratteristiche, le zone umide possono mantenere una grande quantità di biodiversità e dotare la ricchezza naturale di una biodiversità incomparabile.

La Giornata mondiale delle zone umide sottolinea l'importanza delle zone umide perché sono importanti per i nostri futuri mezzi di sussistenza sostenibili. Le zone umide possono essere naturali o artificiali. Alcuni tipi di zone umide naturali possono espandersi in paludi, alcune paludi e le loro aree ripariali, torbiere, ecc. D'altra parte, possiamo vedere zone umide create o modificate artificialmente. Quando le condizioni ambientali lo consentono, può trattenere artificialmente l'umidità temporaneamente e permanentemente.

In generale, questi tipi di zone umide costruite sono costruite per proteggere la biodiversità a rischio di estinzione. Viene utilizzato anche a fini turistici per fornire servizi ambientali e contribuire a diffondere il valore della protezione della natura.

Tipi di zone umide

importanza degli ecosistemi naturali

Poiché queste zone umide sono così ricche, sono diventate strumenti importanti per proteggere la natura. Esistono diversi tipi di zone umide, e sono classificate in base al tipo di acqua che le compone e ad altre caratteristiche che dobbiamo seguire. La principale differenza tra i tipi di zone umide è il tipo di acqua. Scopriamo zone umide di acqua dolce e zone umide di acqua salata. Possiamo anche distinguere tra zone umide naturali e zone umide artificiali.

Vediamo quali sono i diversi tipi di zone umide:

  • Zona umida fluviale: E' una zona umida con caratteristiche naturali e tipologia di acqua dolce. Di solito sono costituiti da fiumi, torrenti e cascate.
  • Zone umide del lago: Si formano attraverso laghi e alcune lagune naturali d'acqua dolce.
  • Palustri tropicali Tropical: Include aree con piccole sorgenti, oasi, pianure alluvionali, foreste paludose, paludi e torbiere. La caratteristica principale di questo tipo di zone umide è che tutte hanno sorgenti naturali e l'acqua è dolce.
  • Zone umide marine: Come suggerisce il nome, sono zone umide naturali, ma sono costituite da acqua salata. Di solito compaiono in ambienti costieri dove il mare è poco profondo, come alcune spiagge rocciose e sabbiose e alcune zone di ghiaia.
  • Artificiale: Sono quelle zone umide che vengono generate dalle opere dell'essere umano con lo scopo di immagazzinare o controllare un certo volume d'acqua. Qui possiamo vedere i bacini idrici e le dighe. Possono anche avere l'obiettivo di preservare una certa quantità o specie di flora e fauna protette.
  • Estuari: molti fiumi formano estuari prima delle loro foci finali e vengono generate alcune zone umide. La loro caratteristica principale è quella di essere composti da acqua salata degli estuari ed è di origine naturale. A volte è in grado di formare paludi di acqua salata o aree di mangrovie.
  • Zone umide del lago di acqua salata: Assomiglia molto ai precedenti, ma sia i laghi che le lagune sono salmastre in quanto si trovano nelle zone costiere. Hanno anche un'origine naturale.

caratteristiche principali

acque costiere

Affinché un ecosistema sia considerato una zona umida, deve soddisfare le seguenti caratteristiche:

  • Sono considerati zone di transizione o cambiamenti graduali tra sistemi acquatici e terrestri. Cioè, sono considerati ecosistemi misti perché conservano alcune delle caratteristiche di un ecosistema e dell'altro. Abbiamo scoperto che alcune parti sono più focalizzate sugli ecosistemi terrestri, mentre altre sono più focalizzate sugli ecosistemi marini.
  • Sono zone alluvionali, quindi possono essere aree temporanee o permanenti. Aree temporanee compaiono in luoghi con piccole depressioni, che si allagano facilmente quando piove forte.
  • Le acque delle zone umide devono essere acque stagnanti, piccoli ruscelli, acqua dolce o salata, e comprendono piccole aree oceaniche con una certa profondità. L'effetto di marea delle zone umide è molto basso. In genere, questo effetto non supererà i 6 metri.
  • Il limite di una zona umida sarà determinato dal tipo di vegetazione in ogni terreno. La vegetazione è idrofila, cioè necessita di una buona tendenza all'acqua. È anche possibile distinguere tra vegetazione non idrofila e vegetazione che rappresenta il confine di una zona umida, dove finisce un altro ecosistema e inizia con un ambiente completamente terrestre.
  • Le zone umide sono habitat ideali per un gran numero di speciesoprattutto uccelli migratori che si nutrono e riposano nelle zone umide di tutto il mondo. Possiamo trovare anche piante e animali come mammiferi, rettili, anfibi, pesci e insetti.

Importanza ecologica delle zone umide

La zona umida è un ecosistema molto importante per il normale funzionamento della natura. Sono in grado di ospitare la biodiversità di un gran numero di uccelli, pesci e altri gruppi di animali. Sviluppano anche piante che dipendono dall'acqua.

Se aggiungiamo valore al mondo umano, le zone umide possono creare aree per la produzione di cibo e richiedere molta acqua per coltivare, proprio come il riso. Altri fattori molto importanti per il mantenimento dell'umidità sono la regolazione del ciclo idrologico, compresa la superficie e le falde acquifere. È anche attivamente coinvolto nel controllo dell'erosione e nella regolazione dei cicli dei nutrienti.

Per questo motivo, la stragrande maggioranza delle zone umide ha un regime di protezione considerato riserva naturale. In questa e categoria di potere del regime di protezione le attività economiche sono limitate alla ricerca e l'ingresso dei turisti che è molto controllato. Tutto questo per conservare la massima biodiversità.

Spero che con queste informazioni possiate imparare di più su cosa sono le zone umide e qual è la loro importanza.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.