Torre dei venti

funzione di osservazione del vento

L'essere umano è sempre stato curioso di conoscere tutte le variabili che influenzano il clima e la meteorologia di un territorio. Il vento era una delle variabili meteorologiche che suscitava il maggior interesse poiché non poteva essere misurato bene e non poteva essere visto ad occhio nudo. Sulla base di questa variabile, a più di due millenni dalla sua costruzione, è ancora in piedi. Si tratta di torre dei venti. Si trova nel quartiere di Plaka ad Atene, vicino all'Agorà romana e ai piedi dell'Acropoli. È la prima costruzione in tutta la storia destinata esclusivamente a svolgere funzioni di osservazione in meteorologia.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per raccontarvi tutta la storia, le caratteristiche e l'importanza della Torre dei Venti.

caratteristiche principali

Conosciuto anche come Horologion o Aérides, fu costruito dall'architetto e astronomo Andrónico de Cirro nel I secolo a.C. C., su commissione dell'architetto Vitrubio e del politico romano Marco Terencio Varrón. Ha pianta ottagonale e presenta un diametro di 7 metri e un'altezza di quasi 13 metri. È una delle principali singolarità che questo edificio possiede e che lo rende unico. Ed è che è una struttura che ha servito diversi usi. Da un lato, era un tempio dedicato ad Eolo, che era il padre dei venti nella mitologia greca, quindi serviva nella sfera religiosa. D'altra parte era un osservatorio per questa variabile meteorologica, quindi aveva anche la sua funzione scientifica.

Ciascuno dei venti dominanti che soffiavano nella Grecia classica era identificato come un Dio ed erano tutti figli di Eolo. Per gli antichi greci era piuttosto importante conoscere le caratteristiche e l'origine dei venti. Volevano sapere da dove provenissero i venti poiché era una città commerciale che navigava nel Mar Mediterraneo usando la vela. Il successo e il fallimento dell'attività commerciale dipendono in gran parte dal vento. È normale che con le barche a vela il vento o giocherà un ruolo fondamentale nel trasporto delle merci. Tutti questi erano motivi sufficienti per voler studiare in profondità tutto ciò che riguardava i venti. Da qui nasce l'importanza della torre dei venti.

Il fatto che la Torre dei Venti sia stata scelta accanto all'Agorà Romana (la piazza del mercato) non è stato affatto casuale. I commercianti avevano una fonte di informazioni utili per i loro interessi e potevano fare scambi migliori.

Origine della torre dei venti

torre dei venti ad atene

Come abbiamo visto, il vento era una delle variabili meteorologiche più richieste in quel momento. I commercianti potrebbero avere una buona fonte di informazioni molto utili per i propri interessi. A seconda della direzione in cui soffiava il vento, è stato possibile stimare il ritardo o l'avanzata di alcune navi al porto. Poteva anche sapere approssimativamente quanto tempo impiegherebbe la sua merce a raggiungere altre località.

Per scoprire se alcuni viaggi erano redditizi, è stata utilizzata la variabile del vento. Se avessi bisogno di fare dei viaggi con maggiore velocità e urgenza, potresti pianificare meglio un percorso o un altro a seconda della forza e del tipo di vento che soffiava.

Composizione della torre dei venti

struttura per vedere il vento

L'elemento più eclatante della torre dei venti è nella sua parte più alta. Ciascuna delle 8 facciate della torre culmina in un fregio con un bassorilievo lungo poco più di 3 metri. Qui il vento è rappresentato e in ognuna sembra essere quello che soffia dal luogo in cui è rivolto. Gli 8 venti selezionati da Andrónico de Cirro coincidono per la maggior parte con quelli della rosa dei venti di Aristotele. Vediamo quali sono i venti che si possono trovare nella torre dei venti: Bóreas (N), Kaikias (NE), Céfiro (E), Euro (SE), Notos (S), Lips or Libis (SO), Apeliotes (O) e Skiron (NO).

Il tetto a forma conica proveniva originariamente dalla torre ed era coronato da una figura di un Dio Tritone in bronzo rotante. Questa figura del Dio Tritone fungeva da banderuola. La banderuola viene utilizzata per conoscere la direzione del vento. Nella mano destra teneva un'asta che indicava la direzione da cui soffiava il vento e lo ha fatto in un modo simile a quello che fa il bullone di una banderuola convenzionale. Al fine di completare le informazioni sul vento ottenute nell'osservatorio, erano presenti quadranti solari sulle facciate poste sotto i fregi. Questi quadranti avevano debolezze teoriche e ci hanno permesso di conoscere l'ora del giorno in cui soffiava il vento. In questo modo potevano sapere bene quando le nuvole coprivano il sole e l'ora per mezzo dell'orologio idraulico.

Altri usi

Poiché questo monumento è ancora in buone condizioni, viene assegnato per esaminare e studiare in modo confortevole e dettagliato. È senza dubbio uno dei più antichi monumenti scientifici conosciuti. Gli obiettivi principali di questa torre erano diversi. Servivano per misurare il tempo in corso i movimenti quotidiani e periodici del sole grazie ai quadranti incisi sui suoi 8 lati. Questi lati sono stati costruiti con marmo pantelico. Al suo interno c'era un orologio ad acqua di cui restano ancora i resti e si possono vedere i tubi che portavano l'acqua dalle sorgenti sulle pendici dell'Acropoli e quelli che servivano a dare uno sfogo all'eccesso.

Era la clessidra che indicava le ore del giorno in cui era nuvoloso e di notte. Il tetto forma una sorta di capitale piramidale di lastre di pietra con giunti radiali rivestite con piastrelle. È già al centro dove sorge una banderuola a forma di tritone o altra divinità marina.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla torre dei venti e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.