Sismogramma

Quando si verifica un terremoto, dobbiamo sapere quali sono i suoi record per poter intuire se ci possono essere più scosse di assestamento. Il luogo in cui viene registrato il movimento del suolo è il sismogramma. Il sismogramma è il grafico in cui vengono registrati i record misurati dal sismografo. La funzione principale del sismografo è misurare la velocità e il tipo di onda sismica che si verifica durante un terremoto.

In questo articolo ti spiegheremo come funziona il sismogramma e qual è l'importanza delle registrazioni dei terremoti.

Come si forma un terremoto

sismogramma

La prima cosa è sapere come si forma un terremoto. Come sappiamo, la crosta terrestre è divisa in placche tettoniche. L'interazione tra queste placche tettoniche è la causa principale dei terremoti. Tuttavia, non è l'unico. Qualsiasi processo che possa ottenere grandi quantità di energia contenuta nelle rocce è sufficiente per generare terremoti. La dimensione di tali terremoti dipenderà dall'area di concentrazione dello stress e da altri fattori.

Parliamo ora di quali sono i fattori che possono causare un terremoto:

  • Placche tettoniche: Come abbiamo accennato prima, sono numerosi i terremoti che hanno origine dallo spostamento di alcune placche tettoniche che compongono la crosta terrestre. Questi terremoti generano vari tipi di onde che vengono registrate da un sismografo e catturate in un sismogramma. Normalmente questi terremoti interessano vaste aree di terreno ed è quello che più frequentemente causa problemi.
  • Vulcanico: è un'origine meno frequente ma può anche provocare un terremoto. Se l'eruzione di un vulcano è violenta, può generare grandi scosse che interessano tutti i luoghi vicini. Sebbene possa generare terremoti, il suo campo d'azione è molto più piccolo se lo confrontiamo con quello di origine tettonica.
  • Affondando: se all'interno della crosta è avvenuta la continua azione erosiva delle acque sotterranee, lasciano un vuoto e finiscono per rinunciare al peso della parte superiore. Questa caduta della terra sta generando vibrazioni note come terremoti. La loro frequenza è molto bassa e influiscono in misura molto ridotta.
  • Frane: Può anche accadere che il peso della montagna stessa possa produrre dei terremoti provocando frane lungo le faglie. Generalmente non sono grandi terremoti, ma piuttosto piccole onde.
  • Esplosioni atomiche: Sono effettuati durante esperimenti umani su bombe atomiche. Apparentemente è stato possibile verificare che esiste una correlazione tra i movimenti sismici e l'esplosione di bombe atomiche.

Cos'è un sismogramma

Quando il terremoto inizia a inviare onde dal centro ipo all'epicentro, un dispositivo noto come sismografo è responsabile della misurazione della grandezza di queste onde. Il record di tutte le onde sismiche viene annotato sul sismogramma. Il sismogramma può raccogliere tutte le informazioni di un terremoto. In esso vengono registrate le ore, l'intensità, la velocità e la distanza alla quale si verifica il terremoto.

Poiché le velocità dei diversi tipi di onde sono diverse, possono fornire ottime informazioni sul terremoto stesso. Le onde P sono quelle primarie che hanno una velocità maggiore. Le onde S sono quelle che viaggiano a una velocità inferiore. Si chiamano onde di superficie. La differenza tra le velocità di ogni tipo di onda è quella utilizzata per determinare la posizione del fuoco del terremoto.

Come misuriamo un terremoto

L'energia del terremoto viaggia sotto forma di vibrazioni. Queste onde sismiche vengono registrate grazie al sismografo. Questo dispositivo indicherà l'intensità e l'ampiezza delle vibrazioni delle onde sismiche. Il sismogramma punta tutta una serie di zig-zag sulla carta dove, finalmente, Sarà rappresentata tutta l'intensità delle onde che ha avuto il terremoto.

È qui che possiamo vedere l'ora, la posizione e l'intensità del terremoto sulla base delle informazioni rivelate dal sismogramma. Può anche rivelare informazioni sul tipo di roccia attraverso la quale sono passate le onde sismiche.

Le misure che hanno un sismogramma appartengono alla scala Richter. Questa scala di magnitudo è stata creata nel 1935 dal sismologo Charles Richter ei valori vanno da 1 all'estremità aperta. Questa misurazioni quantitative. È incaricato di misurare l'energia sismica che viene rilasciata in ogni terremoto indipendentemente dalla sua intensità. La sua misurazione si basa principalmente sull'ampiezza dell'onda registrata dal sismogramma.

Fino ad oggi, questo è il modo più conosciuto e più utilizzato per classificare i terremoti. In teoria non ci sono limiti su questa scala, ma una scala di 9 significa già distruzione totale. Il più grande terremoto della storia si è verificato in Cile nel 1960 e ha raggiunto i 9.5 gradi della scala Richter.

I sismogrammi registrano il movimento naturale o artificiale del terreno. Questo movimento naturale è dovuto alla deriva continentale delle placche tettoniche. Sia l'attrito, l'attrito tra i materiali circostanti sia oggi la frattura dei materiali rilascia energia in modi diversi. Queste forme sono solitamente da onde sismiche. Le velocità con cui queste oscillazioni viaggiano attraverso il mezzo possono essere di grande informazione per conoscere l'ipocentro del terremoto. Tutte queste oscillazioni possono essere viste in un sismogramma.

Il sismometro ha due componenti: una orizzontale e una verticale. È in grado di registrare il segnale con le sue due componenti oltre a una terza verticale. Lo scopo è il potere determinare la corretta velocità delle onde sismiche ed essere in grado di localizzare correttamente l'ipocentro del terremoto. Conoscendo l'ipocentro del terremoto, è possibile sapere che l'epicentro sarà posizionato verticalmente.

Sismogramma e record

Con il sismogramma è possibile visualizzare la velocità delle onde sismiche, che di solito sono onde di superficie o onde del corpo (onde P e onde S). La prima onda registrata è la P in quanto è quella con la velocità più alta.

A seconda del tipo di evento sismico esistono diversi tipi di sismogramma. Ci sono sismogrammi per eventi locali, regionali, telesismici, esplosioni nucleari, grandi terremoti, movimenti vulcanici e terremoti vulcanici. Tutti questi tipi generano segnali diversi con le proprie caratteristiche che aiutano il sismogramma a rivelare quale tipo di evento si è verificato.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul sismogramma.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.