I principali cambiamenti climatici nella storia della Terra

I principali cambiamenti climatici nella storia della Terra

Uno dei maggiori problemi oggi è il cambiamento climatico. Ma, senza sottovalutare la crisi climatica che stiamo vivendo, la verità è che ci sono state principali cambiamenti climatici nella storia della Terra che hanno avuto un'origine diversa da questa. Tuttavia, può fornire ottime informazioni sul presente.

Per questo motivo, dedicheremo questo articolo a raccontarvi quali sono i grandi cambiamenti climatici nella storia della terra e quanto sono importanti.

Tipi di cambiamento climatico

temperatura

Prima di iniziare a sviluppare pubblicazioni, dobbiamo capire cos'è il cambiamento climatico. Precisamente, il cambiamento climatico è definito come un cambiamento significativo nella composizione del clima che persiste per un periodo di tempo considerevole (da decenni a secoli).

Da parte sua, ci sono stati molti cambiamenti nel clima nel corso della storia della Terra, e sono stati studiati in paleoclimatologia, la scienza incaricata di studiare le proprietà del clima terrestre nel tempo. Nel frattempo, a grandi linee, i cambiamenti climatici possono essere suddivisi in due categorie:

  • Cambiamenti climatici passati: Una serie di cambiamenti climatici segnati da ondate di freddo e caldo.
  • Cambiamento climatico attuale: caratterizzato da temperature medie globali in aumento.

All'origine della Terra, 4600 miliardi di anni fa, il sole emetteva meno radiazioni di oggi. e la temperatura di equilibrio era -41 °C. Possiamo quindi immaginare il freddo estremo di questa fase, e quindi la vita che sorse dopo era impossibile in quel momento.

I principali cambiamenti climatici nella storia della Terra

Grandi cambiamenti climatici nella storia delle caratteristiche della Terra

Come risultato degli studi sui ghiacciai e sui sedimenti oceanici, si è concluso che c'è stato un periodo nella storia del clima in cui sono state registrate alte concentrazioni di gas serra, tra cui anidride carbonica e metano nell'atmosfera, che segna il periodo ipermoderno.

Tra le conseguenze di questo cambiamento climatico, possiamo evidenziare il forte aumento della temperatura, l'intensificarsi di eventi meteorologici estremi come siccità e inondazioni, a seconda delle dimensioni del territorio, l'innalzamento del livello del mare, la riduzione del livello dei ghiacci e la aumento della temperatura dell'acqua e variazioni dei cicli biogeochimici. Tutto ciò riguarda ecosistemi e specie le cui popolazioni sono molto piccole o più prospere, a seconda delle loro caratteristiche, ma molte specie colpite negativamente si sono addirittura estinte.

ossigeno nell'atmosfera

Con l'avvento dei cianobatteri è arrivata la fotosintesi aerobica, il processo mediante il quale gli organismi fissano l'anidride carbonica e rilasciano ossigeno. Prima della comparsa dei cianobatteri, non c'era ossigeno libero nell'atmosfera. Per questo motivo, la concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera diminuisce e compaiono organismi aerobici.

Massimo giurassico

estinzione dei dinosauri

L'intero pianeta era in un periodo di clima tropicale, e poi apparvero i dinosauri. Si pensa che l'aumento delle temperature globali sia causato da alte concentrazioni di anidride carbonica rilasciate nell'atmosfera accelerando l'erosione delle rocce.

Massimo termico Paleocene-Eocene

È anche conosciuto come Massimo termico del primo Eocene o Massimo termico del tardo Paleocene. Si tratta di un improvviso aumento della temperatura, in particolare un improvviso aumento della temperatura media della Terra di 6°C (circa 20.000 anni, che è un tempo molto breve per il cambiamento climatico globale). Ciò ha portato a cambiamenti nella circolazione oceanica e nell'atmosfera e ha portato all'estinzione di molte specie. Come suggerisce il nome, segnò la fine del Paleocene e l'inizio dell'Eocene.

L'era glaciale del Pleistocene

L'altro cambiamento climatico più rilevante nella storia è la glaciazione, un periodo in cui le temperature medie globali scendono e quindi si espandono i ghiacci continentali, le calotte polari ei ghiacciai. Si stima che ci siano state 4 grandi ere glaciali in passato, l'ultima delle quali è stata l'era glaciale del Pleistocene. Si ritiene che abbiano avuto origine nel periodo quaternario, cioè da 2,58 milioni di anni fa ad oggi.

Maunder minimo

Corrisponde al periodo coperto tra il 1645 e il 1715 quando le macchie solari sulla superficie solare scomparvero quasi completamente. Di conseguenza, il sole emette meno radiazioni e di conseguenza è un periodo freddo.

Si ritiene che ci siano sei minimi solari simili a questo, a partire dal minimo egiziano nel 1300 a.C. C., fino all'ultimo, il minimo di Maunder. In tutti questi casi, la conseguenza più rilevante è un drastico calo delle temperature globali, che significa che le specie non si adattano al freddo nel tempo, cali drastici delle popolazioni, che interessano interi ecosistemi, e persino l'estinzione di alcune specie.

cambiamento climatico attuale

orso che nuota

L'attuale cambiamento climatico è associato a un aumento della temperatura media globale, che viene spesso definito riscaldamento globale. Mentre il termine riscaldamento globale tiene conto degli aumenti di temperatura e delle loro proiezioni future, Il concetto di cambiamento climatico include il riscaldamento globale e il suo impatto su altre variabili climatiche.

A differenza del cambiamento climatico passato, il cambiamento climatico attuale è solo causato dall'uomo, cioè causato dalle attività umane. Dalla rivoluzione industriale, gli esseri umani hanno utilizzato combustibili fossili per le loro attività, il che ha causato un aumento della concentrazione di gas serra nell'atmosfera. Nello specifico, questi gas fungono da serra e trattengono il calore nella Terra, infatti, senza la sua presenza nell'atmosfera, la temperatura sulla Terra sarebbe di circa -20°C.

Pertanto, più aumenta la concentrazione di gas serra nell'atmosfera, maggiore sarà la temperatura sulla Terra, ecco perché diciamo riscaldamento globale. Si stima che la temperatura media globale sia aumentata di 1,1°C rispetto alla temperatura media globale preindustriale.

Essere umani e grandi cambiamenti climatici nella storia della Terra

15.000 anni fa, L'Homo sapiens si era diffuso in tutta la terra. Almeno per quelle zone non coperte da ghiaccio permanente. Tuttavia, la fine dell'ultima Grande Era Glaciale, l'era glaciale, ha portato grandi cambiamenti alla nostra specie. Nei millenni che hanno accompagnato il grande cambiamento climatico, gli esseri umani hanno smesso di essere nomadi, cacciatori-raccoglitori e hanno iniziato a stabilirsi.

In uno studio pubblicato alla fine dello scorso anno dalle Università di Alicante e dell'Algarve, ha analizzato come si è verificato questo cambiamento nella facciata atlantica della penisola iberica. La ricerca del cibo iniziò a far crescere la popolazione del territorio che attraversava il Duero, la Guadiana e il mare. C'è sempre più cibo tra cui scegliere.

Ci sono anche fluttuazioni sullo sfondo dell'aumento delle temperature. Durante il cosiddetto evento climatico 8200, la temperatura della Terra è scesa tra 2 e 4 gradi Celsius. Come sottolinea l'Università di Alicante, sulla costa atlantica, questo raffreddamento è accompagnato da cambiamenti nelle correnti oceaniche. Improvvisamente, la foce del fiume Tago, che oggi si estende fino a Lisbona e alla sua parrocchia, si riempie di sostanze nutritive e specie commestibili, il che ha causato un più intenso sfruttamento delle risorse acquatiche, l'esplosione demografica e l'emergere dei primi insediamenti stabili.

Repubbliche e imperi non sono immuni al cambiamento

Trova fossili, decifra resti, raccogli tracce di climi preistorici... Rrintracciare le tracce del passato è complicato. Tuttavia, con l'invenzione della scrittura, in particolare del papiro e della pergamena, tutto è cambiato. Fu allora che la storia iniziò a parlare al futuro. Se vogliamo sapere cosa è successo all'antica Grecia o come è scomparso l'Impero Romano, non ci resta che leggerlo.

Gli ultimi decenni della Repubblica Romana furono caratterizzati da disordini sociali. Le lotte politiche che seguirono all'assassinio di Giulio Cesare cedettero il passo all'Impero, coincidendo con un periodo di freddo, scarsi raccolti e carestia in quasi tutti i territori sotto il controllo romano. Questi dati sono noti solo dalle cronache scritte che sono state conservate da allora. Tra disordini politici, carestie e disordini sociali misero l'ultimo chiodo nella bara della repubblica.

Ora conosciamo anche 43 e 42. C. è il più freddo degli ultimi 2500 anni. Uno studio pubblicato nel luglio 2020 ha collegato quell'ondata di freddo a due grandi eruzioni in quello che oggi è il vulcano Okmok dell'Alaska. La sua cenere ha oscurato il sole per diversi anni, provocando un diffuso raffreddamento nell'emisfero settentrionale; anche i modelli di pioggia sono cambiati.

Gli imperi sorti dopo la caduta di Roma non poterono sfuggire alle fluttuazioni del clima. Nel terzo secolo del nostro tempo, la regione del Fayoum dell'Egitto era il granaio di Roma e il fiume Nilo irrigava il più grande centro agricolo dell'impero. Tuttavia, intorno all'anno 260 d. C., i raccolti cominciarono a scarseggiare e la produzione di cereali fu spostata verso l'allevamento di capre, che erano molto più resistenti. I conflitti per l'accesso all'acqua sono diventati comuni, e il calo dei rendimenti ha anche portato a una riduzione delle tasse e a una massiccia migrazione verso nord. Tra molti anni, l'area sarà vuota.

Ancora una volta, il cambiamento climatico è all'origine di tutto. Durante quegli anni, qualche evento (ancora sconosciuto, anche se potrebbe essere stata un'altra eruzione vulcanica) ha cambiato il modello dei monsoni che ogni anno forniscono acqua alle sorgenti del Nilo. Anche il cambiamento è stato improvviso (secondo uno studio pubblicato a novembre), portando a gravi siccità.

L'instabilità climatica non è unica del nostro tempo, sebbene lo siano la velocità con cui si verificano i cambiamenti e le ragioni. Le fluttuazioni climatiche hanno plasmato la nostra storia. Le lezioni si sono accumulate in migliaia di anni sulle conseguenze della crisi climatica. Sì, le cose sono molto diverse oggi. Per la prima volta stiamo affrontando una crisi climatica, la vediamo arrivare e possiamo fermarla. Non è prodotto da cambiamenti vulcanici o correnti oceaniche. Sono gli stessi Homo sapiens che testano la loro capacità di adattarsi ai cambiamenti climatici.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sui grandi cambiamenti climatici nella storia della Terra.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.