Cosa sono le inondazioni?

Immagine delle inondazioni a La Mojana

La pioggia è, in molte parti del mondo, molto gradita, ma quando l'acqua cade con grande forza o per molto tempo, arriva un momento in cui la terra oi canali di drenaggio di paesi e città smettono di essere in grado di assorbirla.

E naturalmente, poiché l'acqua è un liquido e, quindi, un elemento che si fa strada ovunque vada, a meno che le nuvole non si disperdano rapidamente, non avremo altra scelta che parlare di alluvioni. Ma, Cosa sono e cosa li causa?

Cosa sono?

Vista dell'alluvione in Costa Rica, ottobre 2011

Inondazioni sono l'occupazione da parte dell'acqua di aree che normalmente ne sono libere. Sono fenomeni naturali che si sono verificati da quando c'è acqua sul pianeta Terra, modellando le coste, contribuendo alla formazione delle pianure nelle valli fluviali e nelle terre fertili.

Cosa li causa?

Uragano Harvey, visto dal satellite

Possono essere causati da vari fenomeni, che sono:

  • Goccia fredda: si verifica quando la temperatura della superficie terrestre è più fredda di quella dei mari. Questa differenza fa salire una grande massa di aria calda e umida fino agli strati intermedi e superiori dell'atmosfera, provocando piogge torrenziali e, di conseguenza, possono verificarsi allagamenti.
    In Spagna è un fenomeno annuale che si verifica dall'autunno.
  • Monsone: il monsone è un vento stagionale prodotto dallo spostamento della cintura equatoriale. È causato dal raffreddamento della terra, che è più veloce di quello dell'acqua. Pertanto, in estate la temperatura della superficie terrestre è più alta di quella dell'oceano, il che fa salire rapidamente l'aria sopra la terra, provocando una tempesta. Quando il vento soffia da anticicloni (aree ad alta pressione) a cicloni (aree a bassa pressione) per bilanciare entrambe le pressioni, un forte vento soffia costantemente dall'oceano. Di conseguenza, le piogge cadono con intensità, facendo salire il livello dei fiumi.
  • huracanes: Gli uragani oi tifoni sono fenomeni meteorologici che, oltre a poter causare molti danni, sono uno di quelli che fanno cadere più acqua. Sono sistemi di tempesta a circolazione chiusa che ruotano attorno a un centro di bassa pressione mentre si nutrono del calore dell'oceano, che è a una temperatura di almeno 20 gradi Celsius.
  • Scongelare: nelle zone dove nevica molto frequentemente e inoltre lo fa in modo abbondante, improvvisi aumenti di temperatura provocano allagamenti nei fiumi. Può anche verificarsi se le nevicate sono state abbondanti e insolite, come quelle che si verificano raramente in zone con clima sub-arido o arido.
  • Onde di marea o tsunami: questi fenomeni sono un'altra possibile causa di alluvione. Le onde gigantesche provocate dai terremoti possono bagnare le coste, causando molti problemi sia ai residenti che alla flora e fauna del luogo.
    Si verificano principalmente nelle aree del Pacifico e dell'Oceano Indiano, che hanno una maggiore attività sismica.

Quali difese abbiamo contro di loro?

Le dighe servono a prevenire le inondazioni

Da quando l'umanità ha iniziato a diventare più sedentaria, stabilendosi vicino a fiumi e valli, ha sempre avuto lo stesso problema: come evitare le inondazioni? In Egitto, durante il tempo dei Faraoni, il fiume Nilo poteva causare perdite significative agli egiziani, così studiarono presto come proteggere i loro raccolti con canali che deviavano l'acqua e le dighe. Ma purtroppo venivano distrutti dall'acqua dopo pochi anni.

Durante il Medioevo in Spagna e nel nord Italia si stavano già costruendo stagni e bacini che regolavano il corso dei fiumi. Ma non è stato fino ad ora, nell'era attuale, che nei cosiddetti paesi del Primo Mondo siamo davvero in grado di prevenire le inondazioni. Dighe, barriere metalliche, invasi di regolazione, miglioramento della capacità di drenaggio dei canali fluviali… Tutto questo, sommato a una previsione meteorologica sviluppata, ci ha permesso di controllare meglio l'acqua.

Inoltre, a poco a poco è vietato costruire sulle coste, che sono luoghi molto vulnerabili alle inondazioni. E il fatto è che, se un'area naturale si esaurisce le piante, l'acqua avrà molti più servizi per distruggere tutto, raggiungendo così le case; D'altra parte, se non viene costruito, o se poco a poco un ambiente che è stato severamente punito dall'uomo viene ripristinato con piante autoctone, il rischio che un'alluvione distrugga tutto è minimo.

Nei paesi in via di sviluppo, invece, i sistemi di prevenzione, allerta e successive azioni sono meno sviluppati, come purtroppo si è visto negli uragani che hanno devastato i paesi del sud-est asiatico. Tuttavia, la cooperazione internazionale sta favorendo azioni per rendere più sicura la popolazione residente nelle aree a rischio.

Inondazioni in Spagna

In Spagna abbiamo avuto grossi problemi con le inondazioni. I più gravi nella nostra storia recente sono stati i seguenti:

Alluvione del 1907

Il 24 settembre 1907, 21 persone persero la vita a Malaga a causa delle forti piogge. Il bacino della Guadalmedina straripò, trasportando una grande valanga di acqua e fango che ha raggiunto i 5 metri di altezza.

Grande alluvione di Valencia

Vista dell'alluvione di Valencia

Il 14 ottobre 1957, 81 persone persero la vita a causa dello straripamento del fiume Turia. Ci furono due alluvioni: la prima ha sorpreso tutti, poiché a Valencia non aveva quasi piovuto; il secondo è arrivato a mezzogiorno nella regione del Campo del Turia. In quest'ultimo 125l / m2 accumulati, 90 di loro in 40 minuti. Il fiume aveva una portata di circa 4200 m3 / s. A Begis (Castellón) sono stati accumulati 361l / m2.

Alluvione del 1973

19 di ottobre di 1973, 600l / m2 accumulati a Zúrgena (Almería) e ad al Albuñol (Granada). Ci sono state numerose vittime; inoltre, i comuni di La Rábita (Granada) e Puerto Lumbreras (Murcia) furono completamente distrutti.

Alluvione di Tenerife

31 marzo 2002 Sono stati accumulati 232.6 l / m2, con un'intensità di 162.6 l / m2 in un'ora, che ha causato la morte di otto persone.

Inondazioni nel Levante

Vista sulle piene del Levante

Immagine - Ecestaticos.com

Tra il 16 e il 19 dicembre 2016, la tempesta di Levante che ha colpito la Comunità Valenciana, Murcia, Almería e le Isole Baleari ha causato la morte di 5 persone. In molti punti più di 600l / m2 accumulati.

Inondazioni a Malaga

Vista di una strada di Malaga allagata

Il 3 marzo 2018 una tempesta scaricati fino a 100 litri in punti della provincia di Malaga, come il porto di Malaga, la Costa del Sol occidentale e interna, la Serranía e la Valle del Genal. Fortunatamente, non ci sono state perdite umane di cui rimpiangere, ma i servizi di emergenza hanno assistito a più di 150 incidenti causati dalla caduta di alberi e altri oggetti e dalle frane.

Non è la prima volta che succede qualcosa del genere. In effetti, questi eventi sono purtroppo troppo comuni. Ad esempio, il 20 febbraio 2017 140 litri di acqua accumulati per metro quadrato in una notte. Le emergenze hanno assistito a 203 incidenti dovuti ad allagamenti dei piani terra, caduta di oggetti e veicoli bloccati sulla strada.

Il problema è che la provincia è circondata dalle montagne. Quando piove, va tutta l'acqua. Gli abitanti di Malaga chiedono da tempo che vengano prese misure per prevenirlo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.