Il cambiamento climatico renderà la catena alimentare meno efficiente

acidificazione degli oceani causata dal cambiamento climatico

Il cambiamento climatico ha effetti devastanti sulla biodiversità, sulle foreste, sugli esseri umani e, in generale, sulle risorse naturali. Può influenzare in modo diretto l'esaurimento o il deterioramento delle risorse o indirettamente attraverso la catena alimentare.

In questo caso, ne parleremo l'effetto del cambiamento climatico sulla catena alimentare. In che modo il cambiamento climatico influisce sulla catena alimentare e su noi?

Studio sulla catena alimentare

catena trofica marina influenzata dai cambiamenti climatici

La ricerca è stata condotta presso l'Università di Adelaide che ha scoperto che il cambiamento climatico diminuisce l'efficienza della catena alimentare perché gli animali diminuiscono la loro capacità di sfruttare le risorse. La ricerca ha sottolineato che l'aumento della CO2 è responsabile dell'acidificazione ed è questo aumento che aumenterà la produzione in varie parti della catena.

Oltre a questa scoperta, ha anche stabilito che l'aumento della temperatura dell'acqua annullerà la produzione in altre parti della catena alimentare. Ciò è dovuto allo stress subito dalla fauna marina. Ecco perché a poco a poco si presenteranno problemi nella catena alimentare che ne causerà la distruzione.

Questa interruzione della catena alimentare può avere gravi conseguenze per gli ecosistemi marini, perché in futuro il mare fornirà meno pesce sia per il consumo umano che per gli animali marini che si trovano nella parte più alta della catena.

Quelli più colpiti dal cambiamento climatico

catena alimentare

Per vedere l'effetto del cambiamento climatico sulla catena alimentare, la ricerca ha ricreato catene alimentari ideali, a partire da piante che hanno bisogno di luce e nutrienti per crescere, piccoli invertebrati e alcuni pesci predatori. Nella simulazione, questa catena alimentare è stata esposta a livelli di acidificazione e riscaldamento simili a quelli previsti per la fine del secolo. I risultati sono stati che un'alta concentrazione di anidride carbonica ha favorito la crescita delle piante. Più piante, più piccoli invertebrati e più invertebrati, il pesce può crescere più rapidamente.

Tuttavia, il costante aumento della temperatura dell'acqua provoca i pesci sono mangiatori meno efficienti quindi non possono sfruttare l'energia extra generata dalle piante. Ecco perché i pesci hanno più fame e con l'aumentare della temperatura iniziano a decimare la loro preda.


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.