Desertificazione in Spagna

Desertificazione in Spagna

Deserti? In Spagna? Impossibile. O forse sì? La verità è che in gran parte del paese, soprattutto nella metà meridionale e nella regione mediterranea, le precipitazioni sono sempre più scarse. A questo va aggiunto l'impatto che l'attività umana ha sul terreno. E il peggio è quello ora è una realtà ancora più evidente grazie a uno studio che è stato pubblicato sulla rivista "Science of the Total Environment". È passato dall'essere un commento all'essere un argomento che è stato studiato.

E sembra che ancora non vogliamo renderci conto della gravità del problema. La desertificazione in Spagna è una realtà, tant'è che secondo questo studio Il 20% del territorio è già deserto.

Per arrivare a questa conclusione, sono stati utilizzati due strumenti: una mappa delle condizioni del suolo e una serie di modelli di simulazione su ciascun paesaggio di desertificazione. Grazie a questa analisi, gli scienziati del Centro Superior de Investigaciones Científicas (CSIC) sono stati in grado di scoprire quali fattori intervengono nel processo, aggravato dal cambiamento climatico, essendo il fattore climatico quella che più interessa il territorio.

Nonostante i risultati non possano essere generalizzati, perché secondo Jaime Martín Valderrama, ricercatore presso la Stazione Sperimentale delle Zone Aride di Almería, »è necessario studiare più casi per coprire la casistica offerta dal territorio spagnolo e per consentire la riproduzione delle analisi in luoghi diversi ”, la verità è che non farebbe male iniziare a recitare adesso. Adotta misure per evitare di perdere più terreno.

Desertificazione in Spagna

Per fortuna la Spagna è uno dei Paesi che ha firmato la Convenzione delle Nazioni Unite per combattere la desertificazione, entrata in vigore il 26 dicembre 1996. Ma anche noi, a casa, nei nostri giardini, possiamo fare qualcosa, come non sprecare acqua e riutilizzarla quando possibile, e utilizzare prodotti di origine biologica e non così tanti minerali (prodotti chimici).

Puoi leggere lo studio qui (in inglese).


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.