Biografia di John Dalton

John Dalton

Oggi arriviamo con un altro articolo biografico di uno dei più importanti scienziati che hanno aiutato la scienza ad essere quello che è oggi. Ne parliamo John Dalton. È un chimico-fisico e meteorologo che ha sviluppato la moderna formulazione della teoria degli atomi. Quest'uomo non ha ricevuto molte istruzioni o istruzione, ma il suo desiderio di sapere tutto ha fatto migliorare molto la sua formazione.

In questo post puoi conoscere tutte le gesta di John Dalton e la sua storia dall'inizio alla fine. Vuoi saperne di più su di lui? Continua a leggere.

Biografia

Scienziato John Dalton

I suoi primi lavori scientifici si occupavano di gas e una malattia visiva che aveva, che era chiamata daltonismo in onore del suo nome. È la malattia che ti fa non riconoscere determinati colori all'interno dello spettro visibile.

Una volta riconosciuto come scienziato, ha costruito una solida posizione nel mondo accademico. Dopo tante ricerche, ha scoperto quella che conosciamo come la legge delle proporzioni multiple. È la legge che spiega il peso degli elementi coinvolti in una reazione chimica. Da lì fu in grado di stabilire una teoria sulla costituzione della materia e fu chiamato Il modello atomico di Dalton. Questo modello scientifico è stato in vigore per tutto il diciannovesimo secolo e grazie ad esso si sono potuti compiere grandi progressi nel mondo della chimica.

Tutte queste scoperte lo hanno portato ad essere uno dei padri della chimica.

Insegnante e ricercatore allo stesso tempo

Biografia di John Dalton

John Dalton aveva questi due lavori contemporaneamente. Entrambi gli hanno conferito un'importante notorietà e una situazione economica molto più elevata per potersi dedicare completamente ai suoi compiti. Nel 1802 stabilì la legge delle pressioni parziali (nota come legge di Dalton) in un libro di memorie intitolato Assorbimento di gas con acqua e altri liquidi. Questa teoria ha stabilito che la pressione che ha una miscela di gas è uguale alla somma delle pressioni di ciascun componente.

A parte questo, Dalton ha stabilito un buon rapporto tra la tensione di vapore dei gas e la temperatura. Con ciò si sa che, all'aumentare della temperatura di un gas, aumenta anche la pressione che genera in uno spazio chiuso. In questo modo e con questi principi funziona l'utensile da cucina che oggi conosciamo come pentola a pressione.

Il suo interesse per i gas è dovuto a un enorme hobby che aveva negli studi meteorologici. Portava sempre con sé l'apparato per poter misurare le variabili atmosferiche. Amava conoscere l'atmosfera e ha scritto tutte le osservazioni che ha fatto nel suo diario. Grazie a questa curiosità, John Dalton ha portato molti progressi nella scienza.

Legge delle proporzioni multiple

Scoperte di John Dalton

Già nel 1803 iniziò a formulare quello che sarebbe stato il suo più grande contributo alla scienza. Finora non è che abbia fatto di meno, ma questo è ciò che lo farebbe avanzare di più. Tutto risale a uno dei suoi giorni in cui era nel suo laboratorio a studiare la reazione che l'ossido nitrico ha con l'ossigeno. È in questo momento che ha scoperto che la reazione potrebbe avere proporzioni diverse. A volte potrebbe essere 1: 1,7, altre volte 1: 3,4. Questa variazione nelle proporzioni non era qualcosa che poteva capire bene, ma grazie ad essa ha potuto vedere la relazione tra tutti i dati e stabilire quale fosse la Legge delle proporzioni multiple.

Questa legge dice che in una reazione chimica, i pesi di due elementi si combinano sempre tra loro in rapporti di numeri interi. Grazie a questa interpretazione, è stato in grado di iniziare a realizzare i primi principi della teoria atomica.

I risultati di questa ricerca furono molto buoni e furono comunicati oralmente nello stesso anno. Dopo anni di scrittura, nel 1808 la sua opera più famosa fu pubblicata in un libro. Il libro è stato nominato Nuovo sistema di filosofia chimica. In questo libro puoi raccogliere tutte le principali nozioni di atomi e i diversi postulati della teoria costitutiva della materia che conosciamo oggi come legge di Dalton. Per ulteriori interpretazioni, ha disegnato alcune singole particelle in modo che, attraverso l'illustrazione, le persone potessero capire meglio come funzionavano le reazioni chimiche.

Oltre a tutto questo, ha potuto pubblicare il primo elenco di pesi e simboli atomici che oggi fanno parte della tavola periodica. Non sorprende che non l'intera comunità scientifica abbia approvato la teoria di Dalton.

Fine della sua carriera

Nel 1810 fu pubblicata la seconda parte del libro. In questa parte ha fornito nuove prove empiriche sui suoi studi. In questo modo è stato in grado di dimostrare che la sua teoria era corretta. Anni dopo, nel 1827, La terza parte della sua teoria è venuta alla luce. Dalton si è riconosciuto come insegnante e non come ricercatore. Sebbene fosse membro della Royal Society dal 1822 e avesse vinto una medaglia da questa società scientifica nel 1825, ha sempre detto che si guadagnava da vivere tenendo lezioni e conferenze.

Date tutte le sue imprese nel corso della sua vita, nel 1833 gli fu assegnata una pensione annuale. Gli ultimi anni della sua vita furono trascorsi in pensione e il 27 luglio 1844 morì di infarto. Su richiesta di Dalton, è stata eseguita un'autopsia per riconoscere la causa della sua malattia visiva. Anni dopo è stato riconosciuto come daltonismo.

Si sapeva che la malattia non era un problema agli occhi, ma un problema causato da una qualche carenza di potere sensoriale. Grazie a tutte le imprese e al suo grande contributo alla scienza, fu sepolto con gli onori di monarca in un grande funerale cui hanno partecipato più di 400.000 persone.

Come puoi vedere, John Dalton è stato uno scienziato in più che riesce a progredire e contribuire nel mondo della scienza grazie alla curiosità e alla perseveranza della sua ricerca. Ciò che questo ci fa imparare sull'importanza di dedicarci a ciò che ci piace veramente e che le nostre vite ruotano attorno ad esso.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.