Biografia di Alessandro Volta

Alessandro Volta

L'italiano Alessandro Volta creò la cosiddetta batteria volta, un importante passo avanti nella scienza, poiché per la prima volta nella storia convertì l'energia chimica in elettricità attraverso un breve processo chimico, producendo così una corrente stabile. Il biografia di alessandro volta raccoglie il riassunto di tutte le sue imprese e contributi al mondo della scienza, nonché le sue relazioni personali ed evoluzione nel corso della sua vita.

In questo articolo ci concentreremo sul raccontarvi in ​​dettaglio la biografia di Alessandro Volta e i suoi migliori contributi alla scienza.

Biografia di Alessandro Volta

biografia di alessandro volta

Alessandro Volta è stato uno scienziato italiano noto soprattutto per lo sviluppo dell'accumulatore (noto anche come cellula o batteria) nel 1800. Nacque il 18 febbraio 1745 in una famiglia benestante di Como, nel nord Italia. Come cinque dei suoi nove fratelli, suo padre all'epoca, e alcuni suoi zii, stava per prepararsi alla carriera ecclesiastica, così i suoi genitori (Filippo Volta e Maria Maddalena (da Conti Inzaghi)) lo mandarono in un collegio dei Gesuiti nel 1758. .

Comunque Alessandro Volta era molto più interessato alla scienza che al clero, in particolare l'elettricità, che è stata poco studiata. Dopo aver terminato gli studi nel 1760, continuò a studiare e leggere le opere di famosi scienziati come Giambatista Beccaria, Pieter van Musschenbroek o Jean-Antoine Nollet, con cui ebbe contatti personali. Soprattutto con Beccaria, professore all'Università di Torino e uno dei fisici più in vista d'Italia. Beccaria incoraggerà Volta a condurre esperimenti ea pubblicare i risultati. Nel 1769 pubblicherà la sua prima opera.

Nel 1774 fu nominato direttore della scuola pubblica della sua città natale, e nel 1775 la sua fama crebbe con l'invenzione dell'apparato permanente di elettroforesi -che presto sarebbe stato utilizzato in tutta Europa, generando e generando cariche elettrostatiche-, tanto che fu nominato professore di fisica sperimentale al Cuomo College.

Pistola Volta, l'antenata dell'accendino

exploit e biografia di alessandro volta

Nel 1776 fece diverse scoperte a seguito dei suoi esperimenti con metano infiammabile nelle paludi. Ha sviluppato la "pistola Volta", in cui una scintilla elettrica in una bottiglia di vetro crea un fuoco, che potrebbe essere stato il precursore del nostro popolare accendino. Anche questa scoperta lo portò a sostituire l'olio della lampada con il gas metano, creando la cosiddetta lampada Volta.

Con questi risultati, ha migliorato la sua pistola, ha creato un dispositivo per analizzare il contenuto di ossigeno del gas e ha sviluppato uno strumento ora noto come eudiometro. Tra il 1778 e il 1819 fu professore di fisica sperimentale all'Università di Pavia. Lì, nel 1783, inventò un elettroscopio per misurare piccole quantità di elettricità e quantificare la misura creando la propria unità di misura, la "tensione".

Migliori imprese nella biografia di Alessandro Volta

tomba di volta

Nel 1792 venne a conoscenza degli esperimenti sulle rane dell'anatomista Luigi Galvani, che tentò di decifrare le proprietà elettriche degli impulsi nervosi e studiava il sistema da più di 10 anni. Secondo Galvani, due metalli diversi entrano in contatto con i muscoli di una rana o di un altro animale per generare correnti elettriche perché queste risposte sono prodotte dalle correnti elettriche che circolano negli organi dell'animale. Galvani affermò che la rana era una "fiaschetta di Leida", un condensatore primitivo o un dispositivo di accumulo di energia.

Volta iniziò a condurre i propri esperimenti sulla base dei risultati dei suoi colleghi. Tuttavia, ha concluso che la corrente elettrica non è stata generata dal contatto con gli animali, ma solo dal contatto tra i metalli. Le rane rispondono semplicemente alle cariche elettriche "sentendole". La sua affermazione ha portato scienziati di tutta Europa a sostenere Galvani o Volta. Volta ha scritto quanto segue:

Tutti questi esperimenti non provano in modo definitivo che l'elettricità animale esista poiché gli organi rimangono passivi, mentre i metalli sono sempre attivi.

Gli esperimenti di Volta per dimostrare la generazione di elettricità tra i metalli lo portarono a realizzare (tra il 1799 e il 1800) la sua invenzione più famosa e di successo: la "cella Volta cilindrica", la prima batteria funzionante della storia. È costituito da piastre di metallo impilate in modo elementare. Rame e zinco sono separati l'uno dall'altro da tessuti imbevuti di acido (inizialmente acqua o salamoia).

L'invenzione è descritta in una famosa lettera alla Royal Society di Sir Joseph Banks. Nel 1791 fu nominato membro della Royal Society di Londra e nel 1794 ricevette la Medaglia Copley.

riconoscimenti

Nel 1801 Napoleone Bonaparte arrivò a Parigi dopo essere convocato da Napoleone all'Istituto francese per dimostrare i suoi progressi scientifici nel campo dell'elettricità. Lì, ha stupito tutti i presenti e un comitato di scienziati dell'Istituto francese delle scienze ha scritto un rapporto di valutazione elogiando l'invenzione rivoluzionaria della "batteria Volta".

Nel 1802 ricevette la Medaglia d'Oro d'Onore dall'Accademia di Francia. Nel 1805 fu eletto membro straniero dell'Accademia delle scienze di Gottinga e nel 1808 membro straniero dell'Accademia bavarese delle scienze.

Napoleone fu molto contento dell'andamento degli italiani, poco dopo la creazione della Repubblica della Sardegna Occidentale in Italia, lo nominò conte e senatore del regno longobardo e gli assegnò una pensione. Anni dopo, dopo la sconfitta della Francia nel 1815, l'imperatore d'Austria lo nominò direttore del dipartimento di filosofia dell'Università di Padova. La sua opera fu pubblicata in cinque volumi a Firenze nel 1816.

Nel 1861 Volta ricevette la più alta onorificenza come fisico: secondo la British Association for the Advancement of Science, l'unità di misura della tensione elettrica è conosciuta a livello internazionale come volt. Nel 1964 gli è stato intitolato il cratere lunare Volta e nel 1999 l'asteroide "8208" è stato intitolato a lui. Anche nel XNUMX° secolo, il suo nome sopravvive. Ad esempio nell'auto elettrica Toyota «Alessandro Volta».

La sua carriera è sopravvissuta al cambiamento delle relazioni di potere: sostenne sia gli Asburgo austriaci, nemici di Napoleone, sia gli stessi Corsi. Si ritirò nella sua casa di campagna a Camnago, vicino a Como, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita. Morì il 5 marzo 1827. Il suo mausoleo è decorato con statue e rilievi in ​​stile tempietto neoclassico, realizzato dall'architetto Melchiorre Nosetti e terminato nel 1831.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla biografia di Alessandro Volta e le sue gesta.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.