4 curiosità sul riscaldamento globale

Riscaldamento globale

El l'attuale riscaldamento globale è una delle più grandi minacce che l'umanità ha dovuto affrontare per migliaia di anni. È un problema, che paradossalmente, abbiamo aggravato e ci stiamo aggravando con la nostra routine quotidiana, sia che si tratti di usare l'auto, di disboscare o di inquinare.

Adesso te lo dico 4 curiosità sul riscaldamento globale in modo che tu possa capire meglio quanto sia grave la situazione.

Scongelare

Lo scongelamento è uno degli effetti più pericolosi del riscaldamento globale, e non solo perché tutta quell'acqua sciolta va in mare, facendone salire il livello, ma anche rende la vita molto difficile per gli animali che vivono in questi ecosistemi, come gli orsi polari.

E come se non bastasse, quando il ghiaccio si scioglie vengono esposti i corpi senza vita, con i quali, Le malattie infettive che si pensa siano estinte possono riapparire.

Alluvione

Tredici delle quindici città più importanti del mondo si trovano a pochissimi metri (e anche centimetri) dal livello del mare. Alexandria, California, New York, tra gli altri, hanno a rischio molto elevato di gravi inondazioni, che potrebbe essere fino a due metri secondo NOAA.

Scomparsa dei laghi

Finora, 125 laghi artici sono scomparsi come effetto del riscaldamento globale. Ed è che il permafrost che era appena sotto di loro si è sciolto, con il quale i laghi sono stati assorbiti dal terreno. Gli animali che vivono in queste acque sono a rischio di estinzione.

Acqua marrone

All'aumentare della temperatura media globale, i laghi inizieranno ad avere più materia organica, come alghe. Di conseguenza, le piante che vivono nelle profondità inizieranno a perire a causa della mancanza di luce solare. In tal modo, gli animali che li mangiano dovranno adattarsi e abituarsi a mangiare altre cose se vogliono sopravvivere.

Siccità estrema

Il riscaldamento globale è un problema che riguarda tutti noi. Se ci prendiamo cura del pianeta, le sue conseguenze probabilmente non saranno così estreme.


2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Juanjo Castro Rios suddetto

    Chi l'ha scritto? Non è un meteorologo, vero? Non un climatologo, vero? Non avrà studiato fisica nella sua vita né avrà frequentato alcuna Facoltà di Scienze Ambientali. Non mi sorprende che chi non deve sapere nulla di ciò abbia l'opinione che lo sa. I ricercatori devono raccontare la realtà così com'è, senza adornarla di cose che non sono ancora state provate, né, a mio avviso, mai dimostrabile. Molti inventano storie dell'orrore, ovviamente, che mantengono l'interesse e quindi salvaguardano le loro sovvenzioni, come molte ONG, che l'anno scorso hanno impiegato 150 milioni per studi assurdi. Ma in Meteorologiaenlared? Non dovrebbero andare dove non sanno, o almeno dire chi firma l'articolo, quali sono le sue fonti o scoprire che si tratta di un'opinione personale, quindi possiamo cancellarlo dai nostri preferiti.

    1.    Monica sanchez suddetto

      Ciao Juanjo.
      Hai ragione: mancavano le fonti. Li ho appena indossati.
      Mi dispiace che non ti interessasse.
      Saluti.