Vulcano Etna

eruzioni vulcano etna

Tra i vulcani più attivi di tutta Europa c'è il Vulcano Etna. È anche conosciuto come Monte Etna ed è un vulcano situato sulla costa orientale della Sicilia nella parte meridionale dell'Italia. È considerato il vulcano attivo più grande di tutta Europa poiché erutta ogni pochi anni. È un vulcano che attira molto il turismo ed è la principale fonte di reddito per l'isola.

In questo articolo vi parleremo delle caratteristiche, delle eruzioni e delle curiosità del vulcano Etna.

caratteristiche principali

vulcano in sicilia

Questo vulcano domina la città di Catania, in Sicilia. Cresce da circa 500.000 anni e ha avuto una serie di eruzioni iniziate nel 2001. Ha subito diverse eruzioni, tra cui violente esplosioni e massicce colate di lava. Più del 25% della popolazione della Sicilia vive alle pendici dell'Etna, che è la principale fonte di reddito per l'isola, compresa l'agricoltura (grazie al suo ricco suolo vulcanico) e il turismo.

Con un'altitudine di oltre 3.300 metri, è il vulcano aereo più alto e più ampio del continente europeo, la montagna più alta del bacino del Mediterraneo e la montagna più alta d'Italia a sud delle Alpi. Si affaccia sul Mar Ionio a est, sul fiume Simito a ovest e sud e sul fiume Alcantara a nord.

Il vulcano copre una superficie di circa 1.600 chilometri quadrati, ha un diametro di circa 35 chilometri da nord a sud, una circonferenza di circa 200 chilometri e un volume di circa 500 chilometri quadrati.

Dal livello del mare alla cima della montagna, il paesaggio e i cambiamenti dell'habitat sono sorprendenti, insieme alle sue ricche meraviglie naturali. Tutto ciò rende questo luogo unico per escursionisti, fotografi, naturalisti, vulcanologi, libertà spirituale e amanti della natura della terra e del paradiso. La Sicilia Orientale mostra una grande varietà di paesaggiMa da un punto di vista geologico offre anche un'incredibile diversità.

Geologia del vulcano Etna

vulcano etna

Le sue caratteristiche geologiche indicano che il vulcano Etna è stato attivo dalla fine del Neogene (cioè gli ultimi 2,6 milioni di anni). Questo vulcano ha più di un centro di attività. Diversi coni secondari si formano nelle fessure trasversali che si estendono dal centro ai lati. L'attuale struttura della montagna è il risultato delle attività di almeno due grandi centri eruzionistici.

A una distanza di soli 200 chilometri circa, passando per le province di Messina, Catania e Siracusa, ci sono due diverse placche tettoniche con tipi di roccia molto diversi, dalle rocce metamorfiche alle rocce ignee e ai sedimenti, una zona di subduzione, molte faglie regionali. L'Etna, vulcani attivi nelle Isole Eolie e affioramenti di antica attività vulcanica sull'altopiano dei Monti Iblei.

Sotto l'Etna è presente uno spesso basamento sedimentario, che può raggiungere i 1.000 metri di altitudine, rendendo lo spessore della roccia vulcanica accumulato in 500.000 anni è di circa 2.000 metri.

I lati nord e ovest delle rocce sedimentarie sul fondo del vulcano sono sequenze argilloso-turbidite mioceniche (formate da sedimenti trasportati dalle correnti oceaniche), mentre i lati sud e est sono ricchi sedimenti marini del Pleistocene.

Al contrario, a causa dell'idrogeologia di questo vulcano, la zona è più ricca di acqua rispetto al resto della Sicilia. Infatti, la lava è altamente permeabile, agisce come una falda acquifera e si trova su una base sedimentaria non porosa e impermeabile. Possiamo immaginare l'Etna come un'enorme spugna in grado di assorbire la pioggia invernale e la neve primaverile. Tutta questa acqua viaggia attraverso il corpo del vulcano e alla fine esce in sorgenti, specialmente vicino al contatto tra le rocce impermeabili e permeabili.

Eruzioni e placche tettoniche del vulcano Etna

Eruzioni vulcaniche

Tra il 2002 e il 2003, la più grande serie di eruzioni vulcaniche degli ultimi anni ha rilasciato enormi pennacchi di cenere, che si vede facilmente dallo spazio, fino alla Libia, dall'altra parte del Mar Mediterraneo.

L'attività sismica durante l'eruzione ha fatto scivolare il lato est del vulcano per due metri e molte case sul fianco del vulcano hanno subito danni strutturali. L'eruzione distrusse completamente anche il Rifugio Sapienza sul versante sud del vulcano.

Ci sono molte teorie sul perché il vulcano Etna è così attivo. Come altri vulcani del Mediterraneo come Stromboli e Vesuvio, è al limite di subduzione, e la placca tettonica africana è spinto sotto la placca euroasiatica. Nonostante sembrino geograficamente vicini, il vulcano Etna è in realtà molto diverso dagli altri vulcani. In realtà fa parte di un diverso arco vulcanico. L'Etna, invece di sedersi direttamente nella zona di subduzione, si trova proprio di fronte ad essa.

Situate sulla faglia attiva tra la placca africana e la microplacca ionica, scivolano insieme sotto la placca eurasiatica. Le prove attuali suggeriscono che le placche ioniche molto più leggere potrebbero essersi rotte, alcune delle quali sono state respinte dalle placche africane molto più pesanti. Il magma proveniente direttamente dal mantello terrestre viene assorbito dallo spazio formato dalla placca ionica inclinata.

Questo fenomeno può spiegare il tipo di lava prodotta dall'eruzione dell'Etna, simile al tipo di lava prodotta lungo i crepacci del mare profondo, dove il magma del mantello è costretto a passare attraverso la crosta. La lava di altri vulcani è del tipo prodotto dalla fusione della crosta esistente piuttosto che dall'eruzione dello strato di mantello.

Curiosità

Alcune delle curiosità più sorprendenti di questo vulcano sono le seguenti:

  • Apparso in un film di Star Wars
  • Diversi furono i tentativi di controllare le colate laviche che minacciarono di distruggere la città di Catania.
  • È uno stratovulcano. Questo tipo di vulcano è considerato uno dei più pericolosi a causa delle sue eruzioni altamente esplosive.
  • Il nome dell'Etna significa "Brucio".
  • Parte della lava del vulcano ha 300.000 anni.

Spero che con queste informazioni possiate conoscere meglio il vulcano Etna e le sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.