Trump e il suo governo cancellano tutti i riferimenti al cambiamento climatico e al riscaldamento globale dal sito ufficiale della Casa Bianca

Prima di Trump

Pagina ufficiale della Casa Bianca prima dell'inaugurazione di Donald Trump

Il nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha prestato giuramento venerdì scorso, subito dopo essersi insediato, una pagina informativa che fa riferimento al cambiamento climatico era eliminato dal sito ufficiale della Casa Bianca, oltre a qualsiasi menzione di cambiamento climatico e riscaldamento globale.

America First-Energy Plan

Questa sezione è stata sostituita da un'altra chiamata «Primo piano energetico dell'America»(Energy Plan-America first) che avverte che il Climate Action Plan e la regolamentazione dell'acqua degli Stati Uniti (Waters of the US rule), sono dannoso per la società.

Queste norme, che la nuova amministrazione considera così "dannose", hanno come obiettivi principali, la riduzione delle emissioni di gas serra e combattere il cambiamento climatico nel caso del Climate Action Plan e la protezione delle falde acquifere americane nel caso della regolamentazione delle acque negli Stati Uniti.

Dopo Trump

Sito ufficiale della Casa Bianca dopo l'inaugurazione di Trump

Si possono leggere anche affermazioni come "per molto tempo, la nostra industria energetica è rimasta ferma a causa di una regolamentazione gravosa", a causa di politiche come quelle indicate e che Trump accetta di eliminarli considerandoli dannosi e non necessari.

Shale Oil e Shale Gas

Come se non bastasse, la questione si aggrava quando continua dicendo che l'amministrazione Trump si concentrerà sulla rivoluzione dell'industria degli idrocarburi non convenzionale come il olio di scisto e il gas di scisto creare posti di lavoro e portare prosperità a milioni di americani. Entrambi i combustibili in cui la tecnica di estrazione non è altro che quella distruttiva e controversa «fracking«.

Queste ultime affermazioni sono smantellate da diversi studi recenti, che indicano che il il settore delle energie rinnovabili fornisce occupazione più persone rispetto alle industrie del petrolio, del carbone e del gas messe insieme negli Stati Uniti.

Siamo prima del Stile Trump, che ha cambiato le prove confutate e il metodo scientifico per la logica retroattiva (decidendo i risultati e quindi cercando la logica che li supporta), negando ciò che la maggior parte degli scienziati ha dimostrato durante anni di studio e lavoro approfonditi.

Riattivazione dell'industria del carbone americana

Il nuovo sito ci prova ammorbidire il tono con affermazioni come “oggi il nostro fabbisogno energetico deve andare di pari passo con la gestione responsabile dell'ambiente. Proteggere aria e acqua pulite, preservare le nostre abitudini di rispetto per la natura e conservare le nostre riserve e risorse naturali continuerà ad essere una priorità ”, ma non menziona mai le energie rinnovabili. Invece di parlarne, includi un piano per quello che chiamano "carbone pulito»(Clean coal), che altro non è che un carbone molto ricco di combustibili fossili, estremamente dannoso per l'ambiente.

Inoltre, l'amministrazione Trump "è anche impegnata a rendere la tecnologia del carbone più pulita e a resuscitare l'industria carboniera americana, che è stata oggetto di abusi per troppo tempo". Non dimentichiamo che il carbone è un combustibile fossile e le nuove politiche energetiche mirano a ridurne al massimo l'utilizzo per ridurre le emissioni di gas serra.

Come è noto, il presidente Obama è stato un avido difensore delle politiche di riduzione dei gas a effetto serra, tra le altre azioni, firmando il Acuerdo de París. Con l'arrivo di Trump, purtroppo, la previsione per il cambiamento climatico, la sua ricerca e mitigazione negli Stati Uniti non è molto rosea.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.