Trincee oceaniche

trincee marine

Si è sempre detto che il fondo oceanico è un mistero per gli esseri umani data la grande profondità e difficoltà di studiarlo. Il trincee oceaniche sono abissi sul fondo del mare. La sua formazione è il risultato dell'attività delle placche tettoniche che, quando una di esse converge, viene spinta sotto l'altra. In questo modo si forma quella che è conosciuta come una depressione a forma di V lunga e stretta che raggiunge le profondità dell'oceano. Alcune delle più grandi fosse oceaniche raggiungono profondità di circa 10 chilometri sotto il livello del mare.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sulle trincee oceaniche e sulle loro caratteristiche principali.

caratteristiche principali

trincee oceaniche

La fossa oceanica più profonda è il fossa delle Marianne situato vicino alle Isole Marine con una lunghezza di oltre 2,542 chilometri. La stragrande maggioranza di queste tombe si trova nell'Oceano Pacifico, in particolare nell'area chiamata Anello di fuoco. In questa fossa c'è l'Abisso dello Sfidante che ha una profondità di 10.911 metri nella parte più profonda. È considerata la massima profondità raggiunta dall'oceano. Significa che se confrontiamo la Fossa delle Marianne con il Monte Everest, è profonda 2.000 metri.

Tra le principali caratteristiche che hanno tutte le trincee oceaniche troviamo l'alta pressione e la mancanza di luce solare. In quasi tutte le trincee c'è una grande quantità di pressione esercitata dall'acqua in profondità. Si deve anche tener conto che la luce solare non arriva qui e, quindi, anche le temperature scendono molto. Sono queste le caratteristiche che rendono le tombe uno degli habitat più unici dell'intero pianeta.

Formazione di trincee oceaniche

profondità delle trincee oceaniche

Le placche tettoniche sono la causa della formazione di trincee oceaniche. Sono formati principalmente dalla subduzione. La subduzione è un processo geofisico in cui due o più placche tettoniche convergono l'una sull'altra. Normalmente, la placca tettonica più antica e più densa è quella che viene spinta sotto la placca più leggera. Questo movimento della placca fa curvare il fondo oceanico della crosta esterna in un pendio. Generalmente questa depressione che si forma ha la forma di una V. È così che si formano le trincee oceaniche.

Andremo più a fondo sapendo cosa sono le zone di subduzione.

Zona di subduzione

Quando si trova sul bordo di una placca tettonica densa con un altro bordo meno denso, la placca con densità maggiore si piega verso il basso. Il posto dove i sottodotti della piastra più densa sono ciò che è noto come la zona di subduzione. Questo processo rende le cose elementi geologici e dinamici. Molte di queste trincee oceaniche sono responsabili di numerosi terremoti in mare. Ed è che nella subduzione una piastra sull'altra genera una forza di attrito abbastanza forte. Di solito sono l'epicentro di grandi terremoti e di alcuni dei terremoti più profondi mai registrati.

Queste cose possono anche formarsi con una zona di subduzione che comprende una crosta continentale e una crosta oceanica. È noto che la crosta continentale galleggia sempre più di quella oceanica, quindi quest'ultima si sottometterà sempre. Le cose oceaniche più conosciute sono il risultato di questo confine tra placche convergenti. È raro che si formi una fossa oceanica quando due placche continentali convergono.

Importanza delle trincee oceaniche

Gli esseri umani hanno sempre dichiarato che le trincee oceaniche sono di grande importanza. La conoscenza del suo interno è molto limitata di grande profondità di vita. Anche alla posizione remota della sua esistenza. Tuttavia, gli scienziati conoscono il ruolo fondamentale che svolgono nelle nostre vite. La maggior parte delle attività fisiche si svolgono nelle zone di subduzione. Ciò può avere un effetto devastante sulle comunità costiere e sull'economia globale. C'è di più da vedere oltre ai terremoti prodotti sul fondo del mare nella zona di subduzione sono stati responsabili dello tsunami in Giappone nel 2011.

Gli scienziati studiano le caratteristiche e la vita nelle trincee oceaniche per comprendere meglio il nostro pianeta. Ed è che ci sono numerosi modi di adattamento di diversi organismi alle profondità del mare. Molti degli adattamenti possono essere estrapolati per poter ottenere progressi tecnologici e biologici per ottenere miglioramenti in medicina. Grazie a numerosi studi scientifici è possibile comprendere meglio la forma degli organismi e adattarsi alla dura vita di questi ambienti. Conoscere questa forma di adattamento può aiutare a comprendere altre aree di ricerca trattamenti per il diabete fino al miglioramento dei detergenti.

Un'altra delle indagini che sono state fatte sulle trincee oceaniche è la scoperta di microbi. Questi microbi hanno il loro habitat in prese d'aria idrotermali nel mare profondo. Grazie all'esistenza di questi microbi, è stato scoperto che hanno un potenziale come nuove forme di antibiotici e farmaci per prevenire il cancro. Tutte queste scoperte e indagini sono ciò che rende le trincee oceaniche di grande importanza.

Può anche portarci a sapere la chiave per comprendere l'origine della vita nell'oceano. La genetica degli organismi serve per essere in grado di conoscere la storia di come la vita si è espansa da ecosistemi isolati come queste cose alla terra attraverso l'oceano. Alcune scoperte più recenti indicano che nelle fosse sono state scoperte grandi quantità di materia di carbonio accumulata. Ciò fa sì che tutte queste regioni possano svolgere un ruolo significativo nel clima del pianeta Terra.

Flora e fauna

la vita sui fondali marini

Poiché questi luoghi sono gli habitat più ostili sulla terra, la vita è rara. Esiste una pressione 1000 volte maggiore di quella della superficie e una temperatura leggermente sotto lo zero. Il sole non penetra nelle fosse oceaniche, rendendo impossibile la fotosintesi. Gli organismi che vivono qui hanno saputo evolversi con adattamenti eccezionali per poter vivere in questi canyon freddi e oscuri.

Senza fotosintesi, tutte queste comunità hanno la neve marina come alimento principale. È la caduta del materiale organico dalle altezze della colonna d'acqua. Consiste principalmente di rifiuti come escrementi e resti di organismi morti come pesci e alghe. Un'altra fonte di nutrienti non proviene fotosintesi ma chemiosintesi. È il processo in cui organismi come i batteri convertono i composti chimici in nutrienti organici.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulle trincee oceaniche e sulla loro importanza.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.