Tempeste nell'Atlantico

aumento delle tempeste nell'Atlantico

A causa del cambiamento climatico e dell'aumento delle temperature medie globali, stiamo avendo diversi cambiamenti nei modelli atmosferici e oceanici. In questo caso, l'Oceano Atlantico avverte dei cambiamenti che sta subendo a causa del cambiamento climatico. Il tempeste nell'Atlantico sono in aumento e con loro la formazione di uragani e venti da uragano.

In questo articolo vi diremo quali sono le cause dell'aumento delle tempeste nell'Atlantico e quali sono le conseguenze dei cambiamenti climatici in un Oceano Atlantico sempre più tropicalizzato.

Tempeste nell'Atlantico

tempeste nell'Atlantico

L'Oceano Atlantico è in allarme. Questo è un riassunto dei cambiamenti nella dinamica atmosferica osservati negli ultimi anni che interessano il nord della Macaronesia, un'area che comprende le Azzorre, le Isole Canarie, Madeira e le isole desertiche, e il sud-ovest della penisola iberica. Tutto indica che il clima della regione sta diventando tropicale.

Dall'arrivo storico nel 2005 della tempesta tropicale Delta alle Isole Canarie, il numero di cicloni tropicali che attraversano queste regioni è notevolmente aumentato negli ultimi 15 anni. Questi cicloni sono aree di clima di bassa pressione severo e non mostrano il comportamento tipico delle tempeste di media latitudine o dei cicloni extratropicali a cui siamo abituati in questa parte del pianeta. Presentano invece caratteristiche più simili ai tipici cicloni tropicali che normalmente interessano i Caraibi dall'altra parte dell'Atlantico.

In effetti, questi fenomeni assomigliano sempre più ai cicloni tropicali per struttura e natura. Tanto che negli ultimi anni il National Hurricane Center degli Stati Uniti ha aumentato la ricerca e il monitoraggio del nostro spartiacque e ha nominato un gruppo non trascurabile di questi fenomeni.

Aumento delle tempeste nell'Atlantico

ciclone nell'Atlantico meridionale

L'anomalia di cui sopra è aumentata negli ultimi cinque anni. Abbiamo alcuni esempi notevoli:

  • L'uragano Alex (2016) Si è verificato nel sud delle Azzorre, a circa 1.000 km dalle Isole Canarie. Con venti massimi sostenuti di 140 chilometri orari, raggiunge lo stato di uragano e naviga in modo insolito attraverso il Nord Atlantico. È diventato il primo uragano a formarsi a gennaio dal 1938.
  • Uragano Ofelia (2017), il primo uragano di categoria 3 Saffir-Simpson nell'Atlantico orientale dall'inizio dei record (1851). Ophelia ha raggiunto venti massimi sostenuti di oltre 170 chilometri orari.
  • Uragano Leslie (2018), il primo uragano ad arrivare così vicino alla costa peninsulare (100 km). Ha colpito il Portogallo all'alba con venti fino a 190 chilometri orari.
  • L'uragano Pablo (2019), l'uragano più vicino mai formato in Europa.
  • Come la sua ultima alta marea, la tempesta tropicale Theta ha minacciato le Isole Canarie, a soli 300 chilometri dall'impatto completo delle isole.

Oltre a questi casi, c'è un lungo elenco che li accompagna poiché sono estremamente anomali e interessano le aree sopra citate. In questo modo, la frequenza è aumentata a una volta all'anno negli ultimi cinque anni, e anche a più di una volta negli ultimi due anni. Prima del 2005 la frequenza era una ogni tre o quattro anni, senza rappresentare un pericolo di impatto significativo.

Anomalie nella stagione 2020

cicloni tropicali

Questa rarità è coerente con quanto accade durante la stagione degli uragani da giugno a novembre di quest'anno. Le previsioni indicano già una stagione molto attiva culminata in 30 cicloni, un vero record. Ciò significa nominarli usando l'alfabeto greco, al di là della storica stagione 2005.

D'altra parte, la stagione è caratterizzata anche da grandi uragani attivi di categoria 3 o superiore. In effetti, si unisce alle prime quattro stagioni per la prima volta da quando sono iniziate le registrazioni (1851). almeno un uragano di categoria 5 si è formato in cinque stagioni consecutive. Quest'ultimo è molto coerente con le proiezioni sui cambiamenti climatici, gli uragani più intensi sono proporzionalmente più forti e frequenti.

Studi sui cambiamenti climatici

Va tenuto presente che l'aumento delle tempeste nell'Atlantico e la tropicalizzazione di questa parte del mondo hanno a che fare con gli effetti del cambiamento climatico. La risposta è sì, ma sono necessarie ulteriori ricerche.. Da un lato, dobbiamo conoscere la relazione con gli eventi osservati, e in Spagna non abbiamo ancora la capacità tecnica per svolgere questo tipo di studi di attribuzione operativa che vengono effettuati in altri paesi. Quello che possiamo stabilire è una relazione basata su studi di proiezioni di scenari climatici futuri che presuppongono che questi fenomeni si verifichino più frequentemente nei nostri bacini.

È qui che possiamo costruire relazioni, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per identificare e perfezionare ulteriormente le specificità di questi eventi futuri al fine di migliorare la pianificazione per l'adattamento ai cambiamenti climatici previsti. Mentre è vero che è possibile che non raggiungere mai intensità superiori come la categoria 3 o superioreAnche gli uragani e le tempeste tropicali minori sono particolarmente preoccupanti per il loro grande impatto sulla costa statunitense e va aggiunto che in Spagna non eravamo del tutto preparati a questo.

Un'altra caratteristica da considerare è che presentano una maggiore incertezza nelle loro previsioni. A differenza dei tropici, dove i percorsi dei cicloni sono influenzati da fattori più prevedibili, quando questi cicloni iniziano ad avvicinarsi alle nostre medie latitudini, iniziano a essere influenzati da fattori meno prevedibili, aumentando l'incertezza. Un altro aspetto importante è il potenziale per il maggiore impatto quando iniziano a evolversi in tempeste di media latitudine, una transizione nota come transizione extratropicale, che può farli espandere il loro raggio d'azione.

Infine, è importante tenere conto anche della possibile incertezza nelle tendenze insite nel fenomeno di cui stiamo parlando. Mentre tutti questi cambiamenti sono sempre considerati in riferimento a documenti storici del 1851, è infatti dal 1966 che questi documenti possono essere considerati davvero solidi e comparabili come quelli della nostra epoca attuale, perché questo è l'inizio di ciò che è possibile. Osservali con i satelliti. Pertanto, questo dovrebbe essere sempre tenuto presente quando si analizzano le tendenze osservate nei cicloni tropicali e negli uragani.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulle cause dell'aumento delle tempeste nell'Atlantico.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.