Il sistema solare

Sistema solare

Il sistema solare è di dimensioni immense e non potremmo percorrerlo tutto nella vita che abbiamo. Non solo esiste un sistema solare nell'universo, ma ci sono milioni di galassie come la nostra. Il sistema solare appartiene alla galassia conosciuta come Via Lattea. È composto dal Sole e da nove pianeti con i rispettivi satelliti. Alcuni anni fa è stato deciso che Plutone non faceva parte dei pianeti perché non soddisfaceva la definizione di pianeta.

Vuoi conoscere a fondo il sistema solare? In questo post parleremo delle caratteristiche, di cosa lo compone e quali sono le sue dinamiche. Se vuoi saperne di più, continua a leggere 🙂

Composizione del sistema solare

Pianeti del sistema solare

Como Plutone non è più considerato un pianeta, il sistema solare è composto dal sole, otto pianeti, un planetoide e i suoi satelliti. Non sono solo questi corpi, ma ci sono anche asteroidi, comete, meteoriti, polvere e gas interplanetario.

Fino al 1980 si pensava che il nostro sistema solare fosse l'unico esistente. Tuttavia, alcune stelle potrebbero essere trovate relativamente vicine e circondate da un involucro di materiale orbitante. Questo materiale ha una dimensione indeterminata ed è accompagnato da altri oggetti celesti come nane brune o brune. Con questo, gli scienziati pensano che debbano esserci numerosi sistemi solari nell'universo simili al nostro.

Negli ultimi anni, numerosi studi e indagini sono riusciti a scoprire alcuni pianeti in orbita attorno a una sorta di Sole. Questi pianeti sono stati scoperti indirettamente. Cioè, nel bel mezzo di un'indagine, i pianeti sono stati trovati e diagnosticati. Le deduzioni suggeriscono che nessun pianeta di quelli trovati possa ospitare una vita intelligente. Questi pianeti lontani dal nostro sistema solare sono chiamati esopianeti.

Il nostro sistema solare si trova alla periferia della Via Lattea. Questa galassia è composta da tante braccia e noi siamo in una di esse. Il braccio in cui ci troviamo è chiamato il braccio di Orione. Il centro della Via Lattea dista circa 30.000 anni luce. Gli scienziati sospettano che il centro della galassia sia formato da un gigantesco buco nero supermassiccio. Si chiama Sagittario A.

Pianeti del sistema solare

Divisione dei pianeti in base al tipo

La dimensione dei pianeti è molto varia. Giove da solo contiene più del doppio della materia di tutti gli altri pianeti messi insieme. Il nostro sistema solare è nato dall'attrazione degli elementi di una nuvola che conteneva tutti gli elementi chimici che conosciamo dalla tavola periodica. L'attrazione era così forte che è crollata e tutti i materiali si sono espansi. Gli atomi di idrogeno sono stati fusi in atomi di elio attraverso la fusione nucleare. È così che si è formato il Sole.

Attualmente troviamo otto pianeti e il Sole. Mercurio, Venere, Marte, Terra, Giove, Saturno, Urano e Nettuno. I pianeti si dividono in due tipologie: l'interno o terrestre e l'esterno o gioviano. Mercurio, Venere, Marte e la Terra sono terrestri. Sono i più vicini al Sole e sono solidi. D'altra parte, gli altri sono considerati pianeti più lontani dal Sole e sono considerati "Giganti Gassosi".

Per quanto riguarda la situazione dei pianeti, si può dire che ruotano sullo stesso piano. Tuttavia, i pianeti nani ruotano con angoli di inclinazione significativi. Il piano in cui orbitano il nostro pianeta e il resto dei pianeti è chiamato piano dell'eclittica. Inoltre, tutti i pianeti ruotano nella stessa direzione attorno al Sole. Le comete, come Halley, ruotano nella direzione opposta.

Possiamo sapere come sono grazie ai telescopi spaziali, come Hubble:

Articolo correlato:
Telescopio spaziale Hubble

Satelliti naturali e pianeti nani

Orbita del sistema solare

I pianeti del sistema solare hanno satelliti come il nostro pianeta. Sono chiamate "lune" per rappresentarsi in modo migliore. I pianeti che hanno satelliti naturali sono: Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Mercurio e Venere non hanno satelliti naturali.

Esistono numerosi pianeti nani di dimensioni più piccole. Siamo Cerere, Plutone, Eris, Makemake e Haumea. Potrebbe essere la prima volta che li senti, poiché questi pianeti non sono inclusi nei programmi dell'istituto. Nelle scuole si concentrano sullo studio del sistema solare predominante. Ovvero tutti quegli elementi che sono più rappresentativi. I pianeti più nani avevano bisogno di nuove tecnologie e fotocamere digitali per essere scoperti.

Regioni principali

Galaxias

Il sistema solare è diviso in diverse regioni in cui si trovano i pianeti. Troviamo la regione del Sole, quella della Fascia degli Asteroidi situata tra Marte e Giove (contenente la maggior parte degli asteroidi dell'intero sistema solare). Abbiamo anche la cintura di Kuiper e il disco sparso. Tutti gli oggetti che si trovano oltre Nettuno sono completamente congelati dalle loro basse temperature. Finalmente ci incontriamo la nuvola di fiori. È un'ipotetica nuvola sferica di comete e asteroidi che si trova ai margini del sistema solare.

Fin dall'inizio, gli astronomi hanno diviso il sistema solare in tre parti:

  1. Il primo è una zona interna dove si trovano i pianeti rocciosi.
  2. Poi abbiamo un'area esterna che ospita tutti i giganti del gas.
  3. Infine, gli oggetti che sono oltre Nettuno e che sono congelati.

Vento solare

Eliosfera

In numerose occasioni hai sentito parlare dei possibili errori elettronici che possono essere causati dal vento solare. È un fiume di particelle che lasciano il Sole continuamente e ad alta velocità. La sua composizione è di elettroni e protoni e copre l'intero sistema solare. Come risultato di questa attività, si forma una nuvola a forma di bolla che copre tutto sul suo percorso. È stata chiamata eliosfera. Al di là dell'area in cui raggiunge l'eliosfera, è chiamata eliopausa, poiché non c'è vento solare. Questa area è di 100 unità astronomiche. Per avere un'idea, un'unità astronomica è la distanza dalla Terra al Sole.

Come puoi vedere, il nostro sistema solare ospita molti pianeti e oggetti che fanno parte dell'universo. Siamo solo un piccolo granello di sabbia nel mezzo di un enorme deserto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.