Periodo Siluriano

Periodo siluriano

All'interno dell'era Paleozoica troviamo un periodo caratterizzato da un'intensa attività geologica e che si colloca tra l'Ordoviciano e il Devoniano. Riguarda il periodo siluriano. Durante questo periodo in cui c'è un'elevata attività geologica possiamo trovare prove scientifiche sulla formazione di grandi catene montuose e del nuovo supercontinente noto come Euramérica.

In questo articolo vi racconteremo tutte le caratteristiche, geologia, clima, flora e fauna del periodo siluriano.

caratteristiche principali

Fossili

Il periodo siluriano durò circa 25 milioni di anni, a partire da circa 444 milioni di anni fa a circa 419 milioni di anni fa. Durante questo periodo, è normale che esista in corpi d'acqua poco profondi sulla superficie dei continenti perché il livello del mare era piuttosto alto. Per gli scienziati, il periodo Siluriano è piuttosto interessante poiché ha avuto cambiamenti sia a livello geologico che a livello di biodiversità.

Le piante riuscirono a conquistare l'ambiente terrestre e apparvero nuove specie di artropodi, coralli e pesci. A livello geologico, è stato anche possibile vedere la formazione di vari sistemi montuosi che conosciamo oggi, come il Monti Appalachi.

Geologia del periodo siluriano

Geologia siluriana

Durante questo periodo il super continente chiamato Gondwana si trovava al polo sud del pianeta. Il resto del supercontinente noto come Laurentia, Baltico e Siberia si trovava in una posizione più a nord. Il livello del mare si era notevolmente innalzato a causa dello scioglimento dei ghiacci delle glaciazioni tardive del periodo precedente. Questo aumento del livello del mare Ha causato la formazione dei cosiddetti mari epicontinentali sulla superficie dei supercontinenti. Questi erano piccoli specchi d'acqua poco profondi che si estendevano su tutta la superficie di questi continenti.

L'effetto di Deriva dei continenti ha continuato a spostare i continenti alla deriva. È così che i supercontinenti chiamati Laurentia, Baltica e Avalonia si sono scontrati per formare un supercontinente molto più grande il cui nome è Euramérica.

Questo periodo è stato caratterizzato dall'emergere di vaste aree di terreno. Gli oceani presenti in questo momento erano gli oceani Panthalassa, Paleo Tetide, Rheico, Lapetus e Urali.

Clima del periodo siluriano

Durante questo periodo, il clima del pianeta si è stabilizzato. Non c'erano più così tanti cambiamenti improvvisi del clima a livello globale. Principalmente quello siluriano si è distinto per essere un periodo dal clima caldo. I ghiacciai che si erano formati durante l'Ordoviciano erano situati verso il polo sud del pianeta e il loro conseguente scioglimento provocò un innalzamento del livello del mare.

Sebbene sia stato un periodo abbastanza caldo in generale, ci sono testimonianze fossili che indicano che è stato un periodo con parecchie tempeste. Successivamente, la temperatura ambientale globale sembrava iniziare a diminuire, raffreddando un po 'l'ambiente. Questa diminuzione della temperatura non ha causato un'era glaciale. Alla fine del Siluriano e già entrati nel Devoniano il clima era un po 'più umido e caldo con un numero significativo di precipitazioni.

Flora

Alcune piante siluriane

Nonostante il fatto che alla fine dell'Ordoviciano ci fosse un enorme evento di estinzione, durante la vita siluriana si stava sviluppando con successo negli ecosistemi marini, principalmente. Tutte le specie che sono riuscite a sopravvivere alla fine dell'Ordoviciano sono state in grado di diversificarsi e persino di evolversi in vari generi.

Analizziamo prima la flora. Negli ecosistemi marini era presente una grande quantità di alghe, principalmente verdi, che hanno contribuito a generare un equilibrio nell'ambiente. Questo perché fanno parte delle catene trofiche che si stavano sviluppando. Durante questo periodo cIniziarono a svilupparsi piante vascolari che hanno vasi conduttivi che sono xilema e floema.

All'inizio di questo periodo il paesaggio terrestre era molto diverso da quello marino. Nell'ambiente marino, la vita si è sviluppata e diversificata sempre di più. Al contrario, in tutti gli habitat terrestri l'aspetto era più desolato e arido. C'erano solo pochi tratti di terreno roccioso e desertico e l'humus occasionale. Le piante che si sviluppavano nell'ambiente terrestre dovevano necessariamente rimanere vicine ai corpi idrici. È così che sono riusciti a mettere a disposizione questi elementi e questi nutrienti. È così che sono nate le prime piante che oggi conosciamo come briofite.

Fauna

Fauna siluriana

Per quanto riguarda la fauna, alla fine dell'Ordoviciano ci fu un processo di estinzione di massa che colpì molto anche gli animali. Tuttavia, durante questo periodo, si sono sviluppati gruppi di animali come gli artropodi. Da questo periodo si sono ripresi circa 425 fossili che rappresentano individui appartenenti a questo phylum. Le delizie stavano diminuendo nel periodo precedente e continuavano ad esistere negli ecosistemi marini. Tuttavia, nell'area si sono estinti.

inoltre, durante il Siluriano apparvero per la prima volta i miriapodi e i chelicerati. Questi gruppi di animali iniziarono a popolare gli habitat terrestri. Il gruppo dei molluschi era rappresentato in questo periodo dalle specie di bivalvi e gasteropodi. Vivevano principalmente sul fondo del mare.

I crinoidi, riconosciuti come i più antichi echinodermi del pianeta in quanto esistevano anche in questo periodo. questi avevano un peduncolo che li aiutava ad essere installati sul substrato. Si estinsero alla fine del Siluriano.

Nel campo del pesce abbiamo una grande diversificazione. Nel periodo precedente erano già comparsi gli ostracodermi. Questi sono pesci senza mascelle e sono considerati i vertebrati più antichi nella documentazione fossile. Cominciarono a comparire altri tipi di pesce, tra i quali spiccavano quelli con mascelle conosciuti come placodermi. Una delle caratteristiche rappresentative di questa specie è quella Hanno una corazza sulla parte anteriore del corpo. Alcuni specialisti affermano che alla fine di questo periodo fecero la loro comparsa i pesci cartilaginei.

Anche le barriere coralline hanno avuto grande rilevanza poiché sono apparse durante questo periodo. È qui che si sono formate le barriere coralline veramente grandi. Questo è dovuto a le specie di corallo esistenti potrebbero essere diversificate sperimentalmente grazie alla radiazione adattativa.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul periodo siluriano.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Rodolfo Antonio Caravaca Pazos suddetto

    Non ero a conoscenza dell'esistenza di questo periodo. Grazie mille per le informazioni dettagliate su di esso. Un abbraccio