Cos'è la materia oscura ea cosa serve?

universo e materia oscura

Nel nostro universo, tutto ciò che possiamo toccare, vedere, annusare o sentire è solo il 5% di tutto ciò che esiste. La materia che siamo abituati a trattare e a vedere è piuttosto rara nell'universo.

Se conosciamo solo il 5%, cosa succede al resto? L'evidenza fa sospettare che il 27% della massa e dell'energia dell'universo sia costituito dal cosiddetto materia oscura. Sebbene la materia oscura sia ancora un vero mistero oggi, cosa sappiamo della materia oscura? Cosa serve?

Materia oscura

materia oscura

Il nostro universo è composto da materia ed energia. Siamo abituati a trattare la materia a tutte le ore del giorno. Un computer, il nostro smartphone, un tavolo, ecc. Sono composti di materia ordinaria. Tuttavia, il nostro universo non interamente composto da materia ordinaria, ma materia oscura.

Questa materia oscura non può essere vista ad occhio nudo, ma è ciò che dà la dinamica all'intero universo. Materia oscura non può essere visto perché è nello spazio più profondo e fa molto freddo. Per osservare i corpi celesti da questo piccolo pianeta, ciò che viene fatto è rilevare la radiazione, che viaggia attraverso lo spazio. Queste radiazioni ci permettono di interpretare la presenza della materia oscura.

La materia oscura non emette abbastanza radiazioni per essere vista, ma è lì e viene analizzata utilizzando strumenti e analisi statistiche per vedere come funziona. La materia oscura è così fredda e nera che non emette nulla, quindi non può essere vista.

Poiché non può essere analizzato, non si sa di cosa sia composto. Ne consegue che può essere costituito da neutrini, particelle WIMP, nubi di gas non luminose o persino stelle nane.

Come fai a sapere che c'è la materia oscura?

composizione della materia oscura

Questa domanda è piuttosto interessante, poiché se non può essere toccata o rilevata, è impossibile vedere. Si potrebbe dire che la materia oscura fa parte della nostra immaginazione e fantasia, ma la scienza si basa su prove.

Sebbene sia vero che l'esistenza della materia oscura è solo un'ipotesi, cioè non è ancora un fatto provato e provato, ci sono numerose prove che dimostrano inequivocabilmente che essa è lì.

Fu scoperto nel 1933, quando F. Zwicky ne propose l'esistenza in risposta a un effetto che non poteva spiegare: la velocità con cui si muovono le galassie. Non era d'accordo con quello che ci si poteva aspettare dopo gli studi e i calcoli effettuati. Questo era già stato rilevato molto tempo prima da vari ricercatori.

Dopo alcune osservazioni successive, l'esistenza di una massa che ha alterato lo spazio e l'interazione gravitazionale dei corpi celesti, ma quello non può essere visto. Tuttavia, deve essere lì. Per osservare gli effetti della materia oscura, bisogna guardare a corpi celesti distanti, come altre galassie.

A cosa serve la materia oscura?

universo conosciuto

Se la materia oscura non può essere vista, toccata o rilevata in alcun modo, perché vogliamo sapere della materia oscura? Fondamentalmente, gli scienziati cercano di trovare spiegazioni sulle dinamiche dell'universo. Il movimento dei corpi celesti, l'inerzia, il big bang ... Tutto ha la sua spiegazione se introduciamo la presenza della materia oscura.

La materia oscura serve solo a conoscere l'universo in modo più intimo. È una considerazione, un'entità, che ci permette di capire meglio come funziona la materia che conosciamo, oltre a rivelare ciò che non sappiamo. Studiare particelle la cui interazione è così debole ci permette di scoprire aspetti del nostro universo che non avremmo mai immaginato. Questo trasforma la materia oscura in uno strumento, più che un'ipotesi, inestimabile. E che non possiamo nemmeno vederlo.

Qualunque sia la materia oscura, è chiaro che è importante poiché la maggior parte dell'universo che conosciamo è costituito da essa. Inoltre, potrebbe darci molte soluzioni sul funzionamento del nostro universo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.