Bacini idrici della Spagna

Bacini idrici della Spagna

La siccità è uno dei fenomeni che più da tempo colpisce la Spagna. Il nostro clima ci fa avere scarse precipitazioni a fine anno e concentrate nella stagione invernale. Con il cambiamento climatico e l'aumento delle temperature medie globali, stiamo notando che i cicli di siccità si sono intensificati e allungati. Perciò, serbatoi della Spagna svolgono un ruolo fondamentale nella quantità di acqua disponibile sia per il consumo umano che per altre attività economiche.

Dedicheremo questo articolo per dirti tutto ciò che devi sapere sui bacini idrici della Spagna e sulle loro caratteristiche principali.

Costruzione di nuovi serbatoi in Spagna

La costruzione di bacini idrici in Spagna è qualcosa che risale a tempi antichi. Quando l'essere umano si è stabilito in diverse comunità, è stata vista la necessità di immagazzinare l'acqua. Poiché in precedenza la tecnologia non era così avanzata come lo è oggi, la morfologia del terreno doveva essere sfruttata ancora di più. È qui che la geologia gioca un ruolo fondamentale nella formazione dei bacini artificiali. A seconda del tipo di terreno e della roccia predominante, potrebbero essere costruite dighe di diverse dimensioni. Anche la topografia del terreno doveva essere presa in considerazione. I corsi d'acqua e il flusso che ciascuno ha servito da cibo per riempire le dighe e immagazzinare l'acqua disponibile.

Fu solo nel 1970 che fu effettuato il primo inventario delle dighe spagnole. È stato condotto dal Comitato nazionale spagnolo sulle grandi dighe (SPANCOLD) ed è stato presentato al X Congresso internazionale sulle grandi dighe, organizzato dalla Commissione internazionale sulle grandi dighe (ICOLD) a Montreal. Le informazioni contenute negli inventari consentono di aggiornare l'evoluzione del numero di dighe in Spagna nel corso del XX secolo. Aiuta anche a conoscere la quantità di acqua che siamo in grado di immagazzinare per un uso successivo.

Sono state raccolte numerose informazioni che indicano che durante Negli ultimi 25 anni, la Spagna ha istituito una tassa sullo sfruttamento su 200 dighe. Durante l'evoluzione di questo secolo scorso è stato possibile analizzare una tendenza molto chiara nell'evoluzione della costruzione di serbatoi. La prima metà del XX secolo voglio essere caratterizzata da una messa in servizio annuale di circa 4 dighe. È qui che è iniziata la rivoluzione nella costruzione di infrastrutture in grado di immagazzinare l'acqua e di alterare il ciclo idrologico.

D'altra parte, abbiamo la seconda metà del XX secolo in cui c'è uno sviluppo significativo nel nostro paese. Ed è che questa seconda metà è stata la rivoluzione totale dei bacini idrici della Spagna. Nell'ordine di 20 dighe all'anno sono state messe in funzione. Quando siamo entrati nel XNUMX ° secolo, una tendenza crescente ha iniziato anche ad aumentare il numero di dighe.

Inventario delle dighe spagnole

Attualmente è il Ministero dell'Ambiente e degli Affari Rurali a tenere aggiornati gli inventari delle dighe spagnole. In questo ministero possiamo trovare un portale web dove abbiamo tutte le caratteristiche principali e l'ubicazione dei principali bacini idrici in Spagna. Grazie a queste informazioni possiamo ottenere dati su la distribuzione delle dighe in base alla loro tipologia, la loro altezza, l'evoluzione del numero di invasi in Spagna, la capacità di ciascuno, ecc.

Va notato che i dati esistenti sul numero di bacini idrici in Spagna sono aumentati notevolmente negli ultimi decenni. Molte persone si chiedono perché non si costruiscono più paludi se la siccità ha richiesto la costruzione di nuove infrastrutture per l'immagazzinamento dell'acqua.

Oggi non si parla di dighe o paludi, ma piuttosto si è creato l'eufemismo delle opere normative. Spagna È stata considerata una potenza mondiale nei bacini artificiali con una quantità di 1.200. Questo pone la Spagna come leader in Europa. Tuttavia, la Spagna sta attualmente attraversando un periodo in cui non vengono create nuove infrastrutture di questo tipo. Ed è che i regolamenti sull'acqua emanati a Bruxelles e in vigore dall'inizio di questo secolo, scommettono sulla desalinizzazione delle acque. C'è anche la pressione ambientale, la crisi economica e l'abrogazione del piano idrologico nazionale. Tutta questa situazione ha portato i lavori pubblici ad essere destinati ad altri progetti che non sono la costruzione di nuovi bacini in Spagna.

Sta anche dando la priorità ai lavori che assicurarsi che i canali non generino più inondazioni. Poiché le piogge in Spagna si verificano in modo torrenziale in molti luoghi, è pericoloso per Carlos scorrere i fiumi senza un trattamento preventivo. Pertanto, la questione chiave oggi è quella di esternalizzare le opere che interessano i canali e le pianure per poter trattenere l'acqua artificialmente. In questo modo si ottiene un lavoro più complesso nella regolamentazione rispetto al montaggio di un nuovo contenitore nella gestione delle acque nazionali.

Il problema della messa a terra dei bacini idrici della Spagna

I serbatoi sono noti per facilitare notevolmente la gestione delle risorse idriche. Consentono inoltre l'ottenimento di energia idroelettrica e l'aumento delle aree di irrigazione nel bacino, aiutando a controllare eventuali alluvioni. Però, c'è il rischio di mettere a terra i serbatoi. Questo ordinamento non è altro che l'accumulo di sedimenti in modo naturale e che viene accentuato dalle piogge torrenziali.

Scopri il grado di messa a terra dei serbatoi è fondamentale poter conoscere e calcolare correttamente le riserve idrauliche disponibili sul territorio nazionale. La velocità e il grado con cui questo processo si verifica nei bacini dei bacini artificiali dipende dal clima di ciascuna regione. Dipende anche dalla struttura geologica, dalla topografia del terreno, dall'uso agricolo, dalla quantità di copertura vegetale e dalla litologia dell'invaso stesso. Tutte queste variabili sono quelle che determinano la quantità di sedimenti suscettibili di cadere trasportati dopo essere stati erosi e finire per accumularsi all'interno del giacimento.

Il successivo accumulo di questi sedimenti riduce la capacità del serbatoio di immagazzinare acqua. A lungo termine, questi lavori di regolazione dei sedimenti sono necessari per mantenere il contenitore utile.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sui bacini idrici della Spagna.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.