Il Sahel, più verde grazie al caldo Mediterraneo

Sahel

Il pianeta Terra è un pianeta vivente, tanto che quando le temperature aumentano in un luogo, scendono in un altro per mantenere l'equilibrio termico globale. Qualcosa di simile accadrà con il Mediterraneo e il Sahel: negli ultimi 20 anni la regione del Mediterraneo ha registrato un aumento delle temperature e una diminuzione delle precipitazioni, piogge che sembrano essersi spostate nel Sahel, come rivelato in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, preparato dal Max Planck Institute for Meteorology.

A causa dell'aumento delle temperature nel Mare Nostrum, anche l'umidità che raggiunge il limite meridionale del Sahara all'inizio del monsone dell'Africa occidentale a giugno è più alta, quindi il Sahel diventa più verde.

Il clima del Sahel è molto variabile, dominato dal monsone dell'Africa occidentale, che porta piogge da giugno a settembre. Il resto dell'anno la siccità è molto intensa. La terra si riscalda più dell'oceano in estate, poiché il sole è in una posizione più alta e, inoltre, gli oceani non assorbono calore così rapidamente come la terra. L'aria sale dalla terraferma e, così facendo, produce flussi di umidità dal mare verso il Sahel.

L'intensità del monsone è cambiata nel tempo. Tra gli anni 1950 e 1960, il Sahel ha vissuto un periodo umido; Negli anni '1980, la siccità era così intensa che più di 100.000 persone persero la vita. Da allora, la pioggia è tornata.

Sahel

La causa secondo gli scienziati è Riscaldamento mediterraneo. Per arrivare a questa conclusione, sono stati studiati diversi scenari utilizzando varie simulazioni. Hanno così scoperto che se la temperatura nell'area mediterranea rimane più o meno costante, le precipitazioni nel Sahel non aumentano; al contrario, se il Mediterraneo si riscalda, nel Sahel piove di più.

Questo perché non solo la temperatura aumenta, ma anche l'umidità, che è ciò che "attiva" il monsone dell'Africa occidentale. In questo modo, in questa parte dell'Africa, possono godere di più piogge all'inizio della stagione delle piogge.

Puoi leggere lo studio qui (in inglese).


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.