Eone proterozoico

Eone proterozoico

Una delle scale di tempo geologico che compongono il Precambriano è Proterozoico. È un Eone iniziato circa 2500 miliardi di anni fa e durato fino a 542 milioni di anni fa. Durante questo periodo di tempo si sono verificati grandi cambiamenti trascendentali sul pianeta Terra, tra i quali si annoverano la comparsa dei primi organismi fotosintetici e l'aumento dell'ossigeno nell'atmosfera. Cioè, durante questo Eone il nostro pianeta ha creato un luogo abitabile.

In questo articolo vi racconteremo tutte le caratteristiche, geologia, clima, flora e fauna dell'Eone Proterozoico.

caratteristiche principali

Prime forme di vita

Tra le principali caratteristiche che predominano nel Proterozoico troviamo la presenza di cratoni sul nostro pianeta. Questi cratoni non sono altro che nuclei in cui si trovavano i continenti. Cioè, i cratoni furono le prime strutture da cui poter creare e formare piattaforme continentali. Questi cratoni sono costituiti da rocce arcaiche. L'antichità di queste rocce varia da 570 milioni di anni a 3.5 giga anni.

La caratteristica principale che hanno i cratons è quella non subiscono negli anni alcun tipo di frattura della formazione. Queste sono le aree più stabili dell'intera crosta terrestre. Possiamo anche vedere che durante il Proterozoico apparvero stromatoliti. Sono strutture formate da microrganismi e carbonato di calcio precipitato. Queste stromatoliti sono state studiate dagli scienziati per molto tempo ed è stato scoperto che non solo hanno cianobatteri ma ci sono anche organismi come funghi, insetti, alghe rosse, ecc.

Queste stromatoliti formano registrazioni geologiche di grande importanza per lo studio della vita sul pianeta. Un'altra caratteristica per la quale spiccava il Proterozoico è l'aumento della concentrazione di ossigeno nell'atmosfera. Grazie a questo aumento dell'ossigeno nell'atmosfera, può avvenire una grande attività biologica. L'ossigeno atmosferico non ha raggiunto un livello significativo ma continua a contribuire a migliorare la diversificazione degli organismi.

C'è stato un grande evento o uno di grande importanza e significato che include una serie di eventi legati a questo aumento dell'ossigeno atmosferico. Ed è che la quantità di ossigeno ha superato la quantità massima che le reazioni chimiche erano in grado di assorbire. Gli organismi anaerobici furono direttamente colpiti e le loro popolazioni iniziarono a diminuire. Questi organismi erano chiamati metanogeni, poiché la loro principale fonte di cibo era il metano. Questa scomparsa del metano ha avuto conseguenze a livello climatico che hanno fatto abbassare notevolmente la temperatura globale.

Geologia proterozoica

Fossili di Ediacara

Ci sono poche informazioni su questo Eone, ma è noto che i cambiamenti primari erano a livello della tettonica delle placche. A quel tempo il nostro pianeta ruotava molto più velocemente sul suo asse di quanto non lo sia oggi. Questo ha fatto sì che un giorno sulla Terra durasse solo 20 ore. Al contrario, il movimento di traslazione aveva una velocità inferiore rispetto a quella attuale. Quindi, un anno intero era di 450 giorni.

Ottime informazioni sono state ottenute dalle rocce del Proterozoico. Queste rocce sono state deformate dall'effetto dell'erosione, sebbene altre possano essere salvate senza essere alterate.

Flora e fauna del Proterozoico

Fauna ediacara

Durante questo periodo di tempo è dove le prime forme di vita organica hanno cominciato a svilupparsi un po 'di più dopo la loro comparsa durante il Arcaico. È stato grazie alla trasformazione avvenuta nell'atmosfera che gli esseri viventi hanno potuto diversificarsi e diffondersi sul territorio. Gli ecosistemi stessi iniziarono a essere creati e la flora e la fauna di ogni ecosistema si svilupparono. Ciò è dovuto all'adattamento genetico che avverrà quando un animale o una pianta deve adattarsi a varie condizioni ambientali.

Gli organismi procarioti iniziarono a svilupparsi durante l'arcaico, ma si svilupparono ulteriormente durante il Proterozoico. Tra questi organismi procarioti troviamo le alghe verdi note come cianobatteri e gli stessi batteri in generale.

Durante il passare del tempo di questo Eone possiamo vedere che sono comparsi i primi organismi eucarioti che hanno già un nucleo definito. Le prime alghe verdi della classe delle Chlorophytas e le alghe rosse appartenenti alla classe dei Rodhophytas furono le prime ad apparire. Entrambe le classi di alghe sono multicellulari e fotosintetiche. Eseguendo la fotosintesi hanno contribuito all'espulsione dell'ossigeno nell'atmosfera.

È importante notare che tutti gli esseri viventi che abitavano durante l'Eone proterozoico lo hanno fatto in ambienti acquatici. Ed è che nell'oceano si trovavano le condizioni minime necessarie per poter sopravvivere.

Per quanto riguarda la fauna, possiamo dire che durante questo periodo di tempo sono stati trovati alcuni organismi che oggi sono considerati poco evoluti, come le spugne. È stato possibile recuperare fossili di animali che appartengono a un ampio gruppo in cui si trovano meduse, coralli, polipi e anemoni. La caratteristica principale di questi gruppi di animali è che hanno simmetria radiale.

Sicuramente hai mai sentito parlare di Fauna ediacara. Questa è una scoperta di depositi fossili che hanno rappresentato i primi esseri viventi conosciuti su questo pianeta. Sono stati osservati fossili di spugne e anemoni e di altre specie che ancora sconcertano i paleontologi.

Clima

Glaciazione proterozoica

All'inizio del Proterozoico il clima era abbastanza stabile. L'atmosfera prende di mira una grande quantità di gas serra, tra i quali spicca il gas metano. Tuttavia, dopo lo sviluppo di cianobatteri e la produzione di organismi fotosintetici, hanno causato un massiccio rilascio di ossigeno atmosferico. Ciò ha causato la riduzione del gas metano dall'atmosfera mediante la morte di organismi anaerobici. Per ridurre la quantità di gas serra nell'atmosfera, è stata trattenuta una quantità minore di radiazione solare, quindi le temperature globali sono diminuite.

Durante il Proterozoico ci furono diverse glaciazioni. La più devastante è stata l'era glaciale degli Uroni. Questa glaciazione ha avuto luogo 2.000 milioni di anni fa e ha portato alla scomparsa degli esseri viventi anaerobici che esistevano in quel momento.

L'Eone Proterozoico è principalmente diviso in 3 epoche: Era paleoproterozoico, era mesoproterozoico ed era neoproterozoico.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Proterozoico.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.