Il pianeta Giove

Pianeta Giove

Negli articoli precedenti abbiamo parlato di tutte le caratteristiche del sistema solare. In questo caso, ci concentreremo su il pianeta Giove. È il quinto pianeta più lontano dal Sole e il più grande dell'intero sistema solare. Nella mitologia romana era chiamato il re degli dei. Non è niente di più e niente di meno che 1.400 volte più grande della dimensione della Terra. Tuttavia, la sua massa è solo circa 318 volte quella della Terra, poiché è fondamentalmente gassosa.

Vuoi sapere tutto ciò che riguarda il pianeta Giove? In questo post lo analizzeremo in profondità. Devi solo continuare a leggere 🙂

Caratteristiche di Giove

Caratteristiche di Giove

La densità di Giove è circa un quarto della densità del nostro pianeta. Tuttavia, l'interno è composto principalmente da i gas idrogeno, elio e argon. A differenza della Terra, non esiste una chiara distinzione tra la superficie terrestre e l'atmosfera. Questo perché i gas atmosferici si trasformano lentamente in liquidi.

L'idrogeno è così compresso che si trova in uno stato liquido metallico. Questo non accade sul nostro pianeta. A causa della distanza e della difficoltà di studiare l'interno di questo pianeta, non si sa ancora di cosa sia composto il nucleo. Si ipotizza quello di materiali rocciosi sotto forma di ghiaccio, viste le temperature molto basse.

Per quanto riguarda le sue dinamiche, una rivoluzione intorno al Sole ogni 11,9 anni terrestri. A causa della distanza e dell'orbita più lunga ci vuole più tempo per girare intorno al Sole rispetto al nostro pianeta. Si trova a una distanza orbitale di 778 milioni di chilometri. La Terra e Giove hanno periodi in cui si avvicinano e si allontanano l'uno dall'altro. Questo perché le loro orbite non sono tutte della stessa età. Ogni 47 anni, la distanza tra i pianeti varia.

La distanza minima tra i due pianeti è di 590 milioni di chilometri. Questa distanza si è verificata nel 2013. Tuttavia, questi pianeti possono essere trovati a una distanza massima di 676 milioni di chilometri.

Atmosfera e dinamica

Atmosfera di Giove

Il diametro equatoriale di Giove è di 142.800 chilometri. Occorrono solo circa 9 ore e 50 minuti per ruotare sul proprio asse. Questa rapida rotazione e la sua quasi intera composizione di idrogeno ed elio causano un ispessimento dell'equatore che si vede quando il pianeta viene osservato attraverso un telescopio. La rotazione non è uniforme e lo stesso effetto si nota al sole.

La sua atmosfera è molto profonda. Si può dire che avvolge l'intero pianeta dall'interno all'esterno. È un po 'come un Sole. È composto principalmente da idrogeno ed elio con altre piccole quantità di metano, ammoniaca, vapore acqueo e altri composti. Se andiamo in profondità in Giove, la pressione è così grande che gli atomi di idrogeno si rompono, rilasciando i loro elettroni. Ciò avviene in modo tale che gli atomi risultanti siano composti esclusivamente da protoni.

È così che è stato ottenuto il nuovo stato dell'idrogeno, chiamato idrogeno metallico. La sua caratteristica principale è che ha le stesse proprietà di un materiale liquido elettricamente conduttivo.

La sua dinamica si riflette in alcune strisce longitudinali di colori, nuvole atmosferiche e tempeste. I modelli di nuvole cambiano in ore o giorni. Queste strisce sono più apprezzate per i colori pastello delle nuvole. Questi colori sono visti in La grande macchia rossa di Giove. È forse il marchio più famoso su questo pianeta. Ed è una complessa tempesta di forma ovale con variazioni di colore dal rosso mattone al rosa. Si muove in senso antiorario ed è attivo da molto tempo.

Composizione, struttura e campo magnetico

Dimensioni rispetto alla Terra

Come accennato in precedenza, le osservazioni spettroscopiche dalla Terra hanno dimostrato che la maggior parte dell'atmosfera di Giove è costituita da idrogeno molecolare. Gli studi all'infrarosso lo indicano L'87% è idrogeno e l'altro il 13% è elio.

La densità osservata permette di dedurre che l'interno del pianeta deve avere la stessa composizione dell'atmosfera. Questo immenso pianeta è composto dai due elementi più leggeri e più abbondanti dell'universo. Questo fa sì che abbia una composizione molto simile a quella del Sole e di altre stelle.

Di conseguenza, Giove potrebbe provenire da una condensazione diretta di una nebulosa solare primordiale. Questa è la grande nuvola di gas e polvere interstellare da cui si è formato il nostro intero sistema solare.

Giove emette circa il doppio dell'energia che riceve dal Sole. La fonte che rilascia questa energia proviene da una lenta contrazione gravitazionale dell'intero pianeta. Dovrebbe essere cento volte più grande perché la massa inneschi reazioni nucleari come quelle del Sole e delle stelle. Si potrebbe dire che Giove è un debole Sole.

L'atmosfera ha un regime turbolento e ci sono molti tipi di nuvole. È molto freddo. Le fluttuazioni periodiche della temperatura nell'atmosfera superiore di Giove rivelano uno schema nel cambiamento dei venti simile a quello della regione equatoriale della stratosfera terrestre. Sebbene solo la parte più esterna di Giove possa essere studiata con completa chiarezza, i calcoli mostrano che la temperatura e la pressione aumentano man mano che ci spostiamo più in profondità nel pianeta. Si stima che il nucleo del pianeta potrebbe essere simile a quello della Terra.

Nella profondità degli strati più interni viene generato il campo magnetico gioviano. Sulla superficie il campo magnetico supera quello della Terra di circa 14 volte. Tuttavia, la sua polarità è invertita rispetto a quella del nostro pianeta. Una delle nostre bussole puntava da nord a sud. Questo campo magnetico genera enormi fasce di radiazione di particelle cariche che vengono intrappolate. Queste particelle circondano il pianeta a una distanza di 10 milioni di chilometri.

I satelliti più importanti

Grande macchia rossa

Finora sono stati registrati 69 satelliti naturali di Giove. Osservazioni più recenti hanno dimostrato che le densità medie delle lune più grandi seguono l'andamento apparente del sistema solare stesso. Vengono chiamati i principali satelliti Io, Europa, Ganimede e Callisto. I primi due sono più vicini al pianeta, densi e rocciosi. D'altra parte, Ganimede e Callisto sono più distanti e sono composti da ghiaccio con densità molto inferiori.

Durante la formazione di questi satelliti, la vicinanza del corpo centrale fa sì che le particelle più volatili si condensino e formino questi aggregati.

Con queste informazioni potrai conoscere meglio questo grande pianeta.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.