Pioggia tropicale nell'emisfero settentrionale, perché è più intensa?

Schema globale della corrente termoalina

Schema globale della corrente termoalina

Esaminando le mappe globali delle precipitazioni mondiali possiamo osservare la maggior parte delle precipitazioni precipitazioni tropicali si verificano nell'emisfero settentrionale. L'atollo di Palmyra, a una latitudine di 6 gradi nord, riceve circa 445 cm di pioggia all'anno, mentre un altro luogo, situato alla stessa latitudine a sud dell'equatore, riceve solo 114 cm.

Gli scienziati credevano che fosse una stranezza della geometria del pianeta terra, perché i bacini oceanici si inclinavano diagonalmente mentre il pianeta ruota, spingendo bande di pioggia tropicale a nord dell'equatore. Ma un nuovo studio dell'Università di Washington ci mostra che il motivo ha più a che fare con le correnti oceaniche generate ai poli, a migliaia di chilometri di distanza.

L'articolo, pubblicato il 20 ottobre in Natura, spiega una delle caratteristiche principali del clima planetario, e mostra che le acque gelide dei poli influenzano le piogge stagionali, cruciali per la crescita dei cereali in luoghi come la regione del Sahel africano e l'India meridionale.

In generale le zone più calde sono più umide perché l'aria calda sale rapidamente e l'acqua che contiene precipita.

Questa pioggia si verifica più nell'emisfero settentrionale perché è più calda. La domanda è: cosa rende più caldo l'emisfero settentrionale? Ed è stato osservato che è dovuto alla circolazione oceanica.

I direttori di questo studio (Frierson tra gli altri) hanno utilizzato misurazioni dettagliate dei satelliti del Sistema di Energia Radiante della Terra e delle Nuvole della NASA (CERES), per osservare che la luce solare suppone un maggior contributo di calore all'emisfero meridionale In questo modo, se si prendesse in considerazione solo la radiazione atmosferica, l'emisfero sud dovrebbe essere il più umido.

Utilizzando le osservazioni per determinare il trasporto del calore oceanico e utilizzando modelli computerizzati per mostrare il ruolo chiave della grande corrente termoalina che affonda vicino alla Groenlandia, viaggia lungo il fondo dell'oceano fino all'Antartide, quindi sale in superficie e va alla deriva. verso nord. Se eliminassimo questa corrente, le fasce di pioggia tropicale rimarrebbero nell'emisfero meridionale.

Questo perché quando l'acqua circola a nord per decenni, si riscalda gradualmente, spostando circa 400 miliardi di watt di potenza dall'emisfero meridionale a nord attraverso l'equatore.

Per molti anni, la pendenza del fondale oceanico è stata la ragione accettata dell'asimmetria nelle tempeste tropicali. Ma allo stesso tempo, molti ricercatori non hanno mai considerato valida questa spiegazione in quanto è un argomento piuttosto complicato e di solito per comportamenti globali come questo, c'è una spiegazione più semplice.

La corrente che hanno determinato come responsabile è stata resa nota al grande pubblico nel film "Dopodomani", in cui la premessa era che questa corrente chiamata circolazione termoalina smette di congelare New York. Non è prevista una scomparsa totale e improvvisa come nel film, ma è prevista una graduale diminuzione, segnalata dalle Nazioni Unite e prevista per l'anno 2100, questo potrebbe modificare le piogge tropicali a sud, come sembra indicare il record geologico accaduto nel passato.

Il rallentamento delle correnti è previsto come segue: quando si verifica un aumento delle precipitazioni, l'acqua dolce e la caduta sul Nord Atlantico diminuirebbero la densità dell'acqua oceanica, essendo questa meno densa sarebbe meno incline ad affondare.

Questa è solo un'altra delle numerose prove apparse negli ultimi 10-15 anni che mostrano quanto siano importanti le alte latitudini per il resto del mondo.

I lavori precedenti di Frierson mostrano come il cambiamento nell'equilibrio della temperatura tra gli emisferi influenzi le piogge tropicali. Un recente studio condotto da lui e dai suoi collaboratori esamina il modo in cui l'inquinamento della rivoluzione industriale ha bloccato la luce solare dall'emisfero settentrionale durante gli anni '70 e '80 e ha invertito le piogge tropicali a sud.

Molti cambiamenti nel recente passato sono stati dovuti all'inquinamento. Il futuro dipenderà dall'inquinamento atmosferico e dal riscaldamento globale, nonché dai cambiamenti nella circolazione degli oceani. Tutti questi fattori rendono le piogge tropicali molto difficili da prevedere.

Per maggiori informazioni: La decima depressione tropicale della stagione si forma al largo del Golfo del MessicoIl riscaldamento globale si è fermato per sempre?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.