Paludi di Madrid

Bacini idrici di Madrid

I serbatoi sono le riserve idriche strategiche per l'approvvigionamento dei centri urbani. Sebbene siano artificiali e costruiti dall'uomo, insieme alle zone umide formano ecosistemi molto preziosi. Sono anche noti per la loro bellezza paesaggistica unica in quanto ospitano preziose rappresentazioni di flora e fauna. Sono noti in particolare gli uccelli acquatici. Il paludi di Madrid sono ben conosciuti e frequentemente esplorati su base turistica.

Per questo motivo, dedicheremo questo articolo per raccontarvi tutte le caratteristiche e l'importanza delle paludi di Madrid.

Paludi di Madrid

Zone umide protette

Luoghi come paludi e bacini artificiali sono legati all'ambiente acquatico. Inoltre, sono soggetti ad un'elevata pressione demografica e tutto ciò ha un impatto sul mantenimento della qualità delle acque e degli ecosistemi associati. Per questo motivo si è deciso di adottare diverse misure per poter proteggere questi ecosistemi. Lo sappiamo la comunità di Madrid ha 14 bacini artificiali e 23 zone umide protette che sono inclusi nel catalogo dei bacini idrici e delle zone umide. Questi spazi sono inclusi in quanto hanno caratteristiche naturali e contengono una grande quantità di acqua per l'approvvigionamento.

Sappiamo che un serbatoio che va acqua artificiale che viene immagazzinata e alimentata attraverso fiumi e torrenti. Le acque sono utilizzate per approvvigionamento, irrigazione, usi idroelettrici e altri. Ci sono bacini alti e medi nei fiumi dei bacini idrici di Madrid Sono nati dalle montagne di Guadarrama e Somosierra. Molti di questi invasi si trovano in luoghi poco frequentati e questo ha favorito lo sviluppo di ecosistemi legati all'acqua. Questi ecosistemi sono serviti da rifugio per una grande varietà di specie. Tutti i dintorni delle paludi di Madrid hanno acquisito caratteristiche peculiari e interessanti. Questi interessi sono stati uniti tra lo sfruttamento e le attività dell'agricoltura e del bestiame.

Catalogo delle zone umide di Madrid

Paludi protette di madrid

Vediamo quali sono i 14 serbatoi inclusi nel catalogo dei contenitori e delle zone umide protette della comunità di Madrid:

  • Bacino del fiume Lozoya: i bacini di Pinilla, Riosequillo, Puentes Viejas, El Villar e El Atazar.
  • Bacino del fiume Guadalix: il bacino della Pedrezuela.
  • Bacino del fiume Manzanares: i bacini di Navacerrada, Santillana e El Pardo.
  • Bacino del fiume Guadarrama: i bacini idrici di La Jarosa, Los Arroyos e Valmayor.
  • Bacino del fiume Alberche: i bacini idrici di San Juan e Picadas.

I serbatoi catalogati hanno piani di gestione tranne:

  • Bacino di Santillana, in quanto compreso nel Parco Regionale Cuenca Alta del Manzanares.
  • Bacino di El Pardo, in quanto all'interno del Monte del Pardo (appartenente al Patrimonio Nazionale).
  • Embalse de San Juan, poiché la sua superficie è divisa tra le Comunità autonome di Madrid e Castilla-León.

Caratteristiche dei serbatoi protetti

Paludi di Madrid

Analizzeremo ora quali sono le caratteristiche principali come sintesi dei bacini idrici di Madrid:

  • Bacino di Pinilla: Si trovano i comuni di Lozoya e Pinilla del Valle e ha una superficie di 443 ettari.
  • Bacino di Riosequillo: Si trova nei comuni di Buitrago de Lozoya, Gargantilla del Lozoya e Garganta de los Montes e ha una superficie di 322 ettari. Ha un piano di gestione delle risorse naturali per la Sierra del Guadarrama.
  • Bacino idrico di Puentes Viejas: ci sono i comuni di Piñuécar, Puentes Viejas, Buitrago de Lozoya Madarcos e Gascones. Ha una superficie di 268 ettari.
  • Lago artificiale di El Villar: Si trova nei comuni di Puentes Viejas, Robledillo de la Jara e Berzosa de Lozoya. Ha una superficie di 136 ettari di superficie d'acqua.
  • Lago artificiale di El Atazar: Si trova nei comuni di El Berrueco, Robledillo de la Jara, El Atazar, Cervera de Buitrago, Puentes Viejas e Patones. Ha una superficie di 1.055 ettari di superficie d'acqua. Per le sue grandi dimensioni è una delle paludi più importanti di Madrid.
  • Serbatoio di Pedrezuela: si trova nei comuni di Guadalix de la Sierra, Pedrezuela e Venturada. La sua superficie d'acqua è di 415 ettari. Una delle sue figure di protezione è LIC Cuenca del Río Guadalix.
  • Santillana Reservoir: ci sono i comuni di Manzanares El Real e Soto del Real. La sua superficie d'acqua è di 1.431 ettari e ha altre figure di protezione come il bacino del fiume Manzanares SIC. È anche un'altra delle paludi più importanti di Madrid per le sue dimensioni e la capacità di trattenere l'acqua.
  • Bacino di Navacerrada: appartiene ai comuni di Navacerrada, Becerril de la Sierra e Collado Mediano. Ha una superficie di soli 91 ettari. Viene utilizzato per rifornire le aree vicine e per l'irrigazione.
  • Serbatoio Jarosa: l'unico comune in cui è diffuso è a Guadarrama. È una delle paludi più piccole di Madrid con solo 58 ettari di terreno. Nonostante ciò, ha un piano di gestione delle risorse naturali appartenente alla Sierra de Guadarrama.
  • Bacino di El Pardo: si trova il comune di Madrid e ha una superficie di 1.179 ettari. È considerata una ZEPA (Zona di protezione speciale per gli uccelli). Appartiene anche al patrimonio nazionale.
  • Bacino di Arroyos: Appartiene al comune di El Escorial poiché è molto piccolo. Ha solo una superficie di 12 ettari d'acqua.
  • Lago artificiale di Valmayor: Si trova nei comuni di El Escorial, Valdemorillo, Colmenarejo e Galapagar. Ha una superficie di 775 ettari di terreno. È considerato un parco regionale del corso medio del fiume Guadarrama e di tutti i suoi dintorni.
  • Bacino idrico di San Juan: appartiene ai comuni di San Martín de Valdeiglesias e Pelayos de la Presa. Ha una superficie di 1.235 ettari, essendo uno dei più grandi. Ha anche figure di protezione come ZEPA Encinares dei fiumi Alberche e Cofio e ZEC Cuencas dei fiumi Alberche e Cofio. Una ZEC è un'area di conservazione speciale. Ciò è dovuto alla sua grande quantità di flora e fauna appartenenti a questi luoghi.
  • Bacino del luccio: Appartiene ai comuni di Navas del Rey, San Martín de Valdeiglesias e Pelayos de la Presa. Ha una superficie di soli 74 ettari di terreno. È anche una ZEPA e una ZEC per la sua grande presenza di uccelli migratori.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulle paludi di Madrid e sulle loro caratteristiche principali.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.