Paleoclimatologia

paleoclimatologia

Uno dei rami della geologia è paleoclimatologia. Si tratta dello studio della crosta terrestre, dei paesaggi, dei reperti fossili, della distribuzione dei diversi isotopi negli oceani e di altre parti dell'ambiente fisico che sono in grado di determinare la storia delle variazioni climatiche sul pianeta. La maggior parte di questi studi comprende indagini storiche con l'obiettivo di poter apprendere tutti gli effetti che le attività umane hanno sul clima.

In questo articolo vi parleremo di tutte le caratteristiche, il funzionamento e l'importanza della paleoclimatologia.

caratteristiche principali

Quando parliamo dello studio della crosta terrestre, ci riferiamo a cambiamenti nella sua composizione e struttura. Il fatto che i continenti si muovano ogni anno rende la climatologia di un'area diversa al secondo posto. La maggior parte degli studi in paleoclimatologia fa riferimento a la presenza di esseri umani e attività economiche e come influenzano il clima del pianeta. Gli esempi più recenti di studi in paleoclimatologia riguardano il cambiamento climatico.

Come sappiamo, ci sono stati diversi cambiamenti climatici da quando il nostro pianeta si è formato fino ad oggi. Ogni cambiamento climatico è stato causato da vari cambiamenti nella composizione dell'atmosfera. Tuttavia, tutti questi cambiamenti climatici si sono verificati a un ritmo naturale che ha permesso alle diverse specie di flora e fauna distribuite nel mondo di creare meccanismi di adattamento per poter sopravvivere di fronte a nuovi scenari. L'attuale cambiamento climatico che si verifica in questo secolo si sta verificando a un ritmo accelerato che non consente agli esseri viventi di adattarsi ad esso. Ulteriore, vanno aggiunti gli impatti ambientali generati dalle attività umane.

La distruzione degli ecosistemi e degli habitat naturali delle specie è una delle cause più importanti della scomparsa della biodiversità. I meccanismi fondamentali che provocano cambiamenti e variazioni climatiche possono essere dal Deriva dei continenti ai cicli rotazionali e orbitali della Terra. Si potrebbe dire che la paleoclimatologia studia il clima del passato da indicatori geologici naturali. Una volta ottenuti i dati sul clima del passato, si cerca di rivelare come le temperature e altre variabili atmosferiche si sono evolute nel corso dei periodi storici della Terra.

Obiettivo della paleoclimatologia

studio della paleoclimatologia

Tutte le indagini che sono state sviluppate sullo studio del clima del passato, possono affermare che il clima del pianeta non è mai stato stabile. Ed è che in tutte le scale temporali è cambiato e continua a farlo oggi e lo farà in futuro. Il clima cambia non solo per azione umana ma anche naturalmente. Tutti questi cambiamenti rendono necessario conoscere l'importanza di quali sono le tendenze naturali del cambiamento climatico. In questo modo, gli scienziati possono valutare oggettivamente il reale impatto che le azioni dell'uomo hanno sulle condizioni ambientali odierne.

Grazie allo studio degli impatti ambientali delle attività umane sul clima, è possibile sviluppare diversi modelli predittivi per il clima del futuro. Infatti, la legge che comprende tutte le azioni riguardanti l'attuale cambiamento climatico sono state elaborate su base scientifica dallo studio del clima e dei suoi cambiamenti.

Negli ultimi decenni sono emerse diverse teorie che cercano di spiegare le origini dei diversi cambiamenti climatici che il pianeta Terra ha subito. La maggior parte dei cambiamenti climatici si sono verificati lentamente, mentre altri sono stati improvvisi. È questa teoria che fa dubitare a molti scienziati che l'attuale cambiamento climatico non sia guidato dalle attività umane. Un'ipotesi basata su conoscenze astronomiche associa le fluttuazioni del clima alle variazioni dell'orbita terrestre.

Ci sono altre teorie che collegano i cambiamenti del tempo ai cambiamenti nell'attività del sole. Ci sono anche alcune prove più recenti che collegano gli impatti dei meteoriti, l'attività vulcanica e le variazioni nella composizione dell'atmosfera con i cambiamenti globali del passato.

Ricostruzione della paleoclimatologia

anidride carbonica globale

Per avere un'idea globale del clima nel corso della storia, è necessaria una ricostruzione paleoclimatica. Questa ricostruzione pone alcune sfide considerevoli. Vale a dire, non esistono record climatici strumentali oltre gli ultimi 150 anni poiché non c'erano strumenti di misura per la temperatura e altre variabili atmosferiche. Ciò rende le ricostruzioni quantitative estremamente difficili da fare. Spesso vengono commessi vari errori per misurare le temperature passate. Per questo motivo è necessario conoscere tutte le condizioni ambientali del passato per stabilire modelli un po 'più esatti.

La difficoltà della ricostruzione paleoclimatica sta nel fatto che non si sa con certezza quali fossero le condizioni di temperatura nei sedimenti marini, la superficie del mare, quanto fosse profonda, l'attività delle alghe, ecc. Uno dei modi per poter stabilire la temperatura del mare del passato è tramite l'indice UK/37. Questo indice consiste nell'analisi dei sedimenti marini di alcuni composti organici prodotti da alghe fotosintetiche unicellulari. Queste alghe si trovano nella zona fotica del mare. Questa è l'area in cui la luce solare cade in modo tale da consentire di effettuare la fotosintesi delle alghe. La difficoltà di utilizzare questo indice è che la profondità degli oceani in quel momento non è ben nota, quale stagione dell'anno potrebbe essere misurata, le diverse latitudini, ecc.

Spesso si sono verificati cambiamenti ambientali che danno origine ad ambienti non analoghi a quelli attuali. Tutti questi cambiamenti sono stati conosciuti grazie alle registrazioni geologiche. L'uso di questi modelli ha permesso alla paleoclimatologia di fare grandi progressi nella nostra comprensione del sistema climatico globale. Non c'è dubbio che siamo sommersi da un cambiamento climatico poiché le registrazioni del passato ci mostrano che sia la temperatura del mare che la vegetazione, la composizione dell'atmosfera o le correnti oceaniche sono cambiate periodicamente in cicli di decine di migliaia di anni.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla paleoclimatologia e sulla sua importanza.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.