Paleocene

Estinzione delle specie

El Cenozoico è diviso in più epoche. Uno di questi è il Paleocene. È una delle epoche geologiche che si estendono da circa 66 milioni di anni fa a circa 56 milioni di anni fa. Quest'epoca copre circa 10 milioni di anni ed è stata localizzata dopo il famoso processo di estinzione di massa dei dinosauri. In questo momento il pianeta si trovava in una delle condizioni più ostili che abbia sperimentato nel corso della sua storia. Tuttavia, con il passare del tempo si è stabilizzato fino a quando il pianeta è diventato un luogo perfetto in cui vivere e dove la maggior parte delle piante e degli animali può sopravvivere.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sul Paleocene.

caratteristiche principali

Animali del Paleocene

Come abbiamo accennato prima, questa epoca geologica dura circa 10 milioni di anni. Durante questo periodo ci fu un'intensa attività geologica. Ciò significa che il nostro pianeta era molto attivo dal punto di vista geologico. In questo momento il super continente chiamato Pangea era ancora in piena separazione. Le placche tettoniche e il loro movimento stanno aumentando ei continenti si stanno spostando verso la posizione che hanno oggi.

Quest'epoca ha brillato per la sua abbondante biodiversità. Durante il Paleocene molti gruppi di animali potrebbero sopravvivere a questa estinzione di massa che ha causato la scomparsa dei dinosauri. Nel periodo precedente, hanno saputo adattarsi alle condizioni ambientali rimaste dopo quello straordinario evento e hanno saputo diversificarsi, occupando ampi tratti di terreno.

L'elevata attività geologica era predominata dal movimento delle placche tettoniche. Durante questo periodo ha confermato la formazione dell'orogenesi Laramide. Questo processo è molto importante dal punto di vista geologico poiché ha dato conseguenze immediate alla formazione di diverse catene montuose esistenti oggi sia nel Nord America che in Messico. Queste catene montuose sono i montagne Rocciose e la Sierra Madre Oriental.

Il Gondwana era uno dei più grandi supercontinenti dopo Pangea. Anche questo supercontinente continuava a dividersi e loro ne facevano già parte grande massa continentale Africa, Sud America, Australia e Antartide. Questi 4 pezzi di terra più grandi si disintegrarono e iniziarono a muoversi a causa dell'effetto della deriva dei continenti in direzioni diverse. È l'Antartide che è andato al polo sud del pianeta dove sarebbe finito completamente ricoperto di ghiaccio. Dobbiamo capire che, senza l'attuale posizione di questo continente, non sarebbe coperto di ghiaccio e sarebbe un continente come il resto.

Geologia e climatologia del Paleocene

Dal continente africano, si è spostato verso nord e successivamente si è scontrato con l'Eurasia. L'Australia, da parte sua, si è spostata un po 'a nord-est sebbene sia sempre rimasta nell'emisfero meridionale del pianeta. Sappiamo già che il movimento dei continenti dipende dalle placche tettoniche e dal correnti di convezione del mantello terrestre.

Il frammento che oggi rappresenta il Sud America si è spostato a nord-ovest fino a quando non è stato più vicino al Nord America. Poiché non erano uniti, tra loro esisteva un frammento d'acqua noto come mari continentali. Tra la punta orientale dell'Asia e la punta occidentale del Nord America è apparso un ponte di terra che li ha tenuti collegati per migliaia di anni. Attualmente lo spazio è occupato dall'Oceano Pacifico.

Per quanto riguarda il clima Paleocene, in quei primi tempi il clima del pianeta era piuttosto freddo e arido. Ciò era dovuto alle condizioni lasciate dalla vecchia estensione. Col passare del tempo, è diventato un clima più umido e caldo.

Fenomeno di aumento delle temperature

In questo momento si è verificato un evento che ha causato un aumento delle temperature di una piccola percentuale. Questo piccolo evento divenne noto come il massimo termico del Paleocene.

È un fenomeno climatico in cui le temperature del pianeta sono aumentate in media di 6 gradi. Analizzando le registrazioni che esistono delle temperature del pianeta in questo momento, si può vedere come la temperatura sia aumentata drasticamente anche ai poli. Questo è noto poiché nell'Oceano Artico sono stati trovati fossili di organismi tipici delle acque dei tropici.

Questo fenomeno di aumento delle temperature ha avuto conseguenze anche sui corpi idrici, interessando molti organismi. Questi organismi sono stati positivamente influenzati da questo fenomeno e il chiaro esempio è lo sviluppo dei mammiferi. Si cerca di spiegare le diverse cause dell'aumento di questa temperatura, essendo l'intensa attività vulcanica tra le più colpite. Uno degli impatti più bruschi è quello di una cometa sulla superficie terrestre o il rilascio di grandi quantità di gas metano nell'atmosfera. Come sappiamo, il gas metano è un potente gas serra e trattiene il calore.

Alla fine del Paleocene il clima divenne un po 'più caldo e più umido.

Flora e fauna del Paleocene

Paleocene

L'estinzione di massa ha fatto sì che molte specie sopravvivessero e prosperassero, diversificandosi, diventando anche le nuove specie dominanti sul pianeta. Analizziamo la flora. Durante questo periodo nacquero molte piante che persistono ancora oggi come palme, conifere e cactus lo sono.

Prevale un clima un po 'più caldo e umido, favorisce vaste aree di terreno ricoperte da piante frondose e verdi, originando quelle che oggi conosciamo come giungle e foreste.

Per quanto riguarda la fauna, gli animali sopravvissuti hanno avuto l'opportunità di diversificarsi ed espandersi in tutto il pianeta. Gli animali con il più alto tasso di sviluppo sono uccelli, rettili e pesci. Questo sviluppo fu dovuto al fatto che con la scomparsa dei dinosauri scomparvero i predatori di molti animali e diminuì la competizione per le risorse naturali.

I rettili erano favoriti dalle condizioni climatiche prevalenti in questo periodo e potevano essere estesi da molti abitanti. Per quanto riguarda i mammiferi, è stato forse il gruppo di maggior successo all'interno di tutta la fauna del Paleocene.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Paleocene.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.