Periodo ordoviciano

Fauna ordoviciana

Uno dei periodi dell'era Paleozoica che fu caratterizzato principalmente dall'innalzamento del livello del mare e dalla proliferazione della vita negli ecosistemi marini è il Periodo ordoviciano. È un periodo che si trova subito dopo il Periodo Cambriano e prima ancora siluriano. Durante questo periodo c'è stata una drastica riduzione della biodiversità proprio alla fine che ha prodotto un evento di estinzione di massa.

In questo articolo vi racconteremo tutte le caratteristiche, geologia, clima, flora e fauna del periodo Ordoviciano.

caratteristiche principali

Ecosistemi marini

Questo periodo è durato circa 21 milioni di anni. È iniziato circa 485 milioni di anni fa ed è durato fino a circa 433 milioni di anni fa. Ha avuto grandi variazioni climatiche poiché c'era una grande differenza tra le partenze nelle finali. All'inizio del periodo le temperature erano piuttosto elevate, ma erano in atto diverse trasformazioni ambientali che hanno portato a un'era glaciale.

Come accennato all'inizio dell'articolo, c'è stata un'estinzione di massa alla fine del periodo che si è concluso con circa l'85% di tutte le specie di esseri viventi che esistevano in quel momento, in particolare gli ecosistemi marini.

Questo periodo è diviso in tre epoche: Ordoviciano inferiore, medio e superiore.

Ordoviciano Geologia

Ecosistemi marini

Una delle caratteristiche essenziali per quanto riguarda la geologia di questo periodo è che il livello del mare era il più alto in assoluto. Durante questo periodo c'erano 4 supercontinenti: Gondwana, Siberia, Laurentia e Baltica. Come accaduto nel periodo precedente, l'emisfero settentrionale del pianeta era quasi interamente occupato dall'oceano Panthalassa. In questo emisfero sono stati trovati solo il supercontinente Siberia e una piccola parte di Laurentia.

Nell'emisfero meridionale, abbiamo il continente Gondwana che occupava quasi tutto lo spazio. C'erano anche parte di Baltica e Laurentia. Gli oceani che esistevano in questo momento erano: Paleo Tetis, Panthalasa, Lapetus e Rheico. Si sa molto sulla geologia dell'Ordoviciano dai fossili di roccia che sono stati recuperati. La stragrande maggioranza di questi fossili si trova nelle rocce sedimentarie.

Uno dei fenomeni geologici più riconosciuti di questo periodo è l'orogenesi taconica.. Questa orogenesi è stata prodotta dalla collisione di due supercontinenti. Questa connessione è durata 10 milioni di anni. Come conseguenza di questo processo geologico, il Monti Appalachi.

Clima del periodo Ordoviciano

Come abbiamo accennato prima, il clima del periodo Ordoviciano era caldo e tropicale. Soprattutto all'inizio del periodo si sono registrate temperature più elevate, anche con indicazioni che ci fossero luoghi con record di temperature di 60 gradi. Tuttavia, alla fine del periodo, le temperature hanno cominciato a scendere in modo tale da portare a un'importante glaciazione. Questa glaciazione attaccò principalmente il supercontinente Gondwana. In questo momento il supercontinente era l'emisfero meridionale del pianeta. La glaciazione è durata circa 1.5 milioni di anni. A causa di questo processo di diminuzione delle temperature, si è estinto un gran numero di specie animali che non potevano adattarsi alle nuove condizioni ambientali.

Ci sono alcuni studi che affermano che la glaciazione si estese anche alla penisola iberica. Ciò significa che la convinzione che il ghiaccio si sia diffuso solo nelle aree del polo sud verrà smentita. Le cause di questa glaciazione sono ancora sconosciute. Si parla di una diminuzione delle concentrazioni di anidride carbonica come possibile causa.

Vida

Fossili ordoviciani

Durante l'Ordoviciano apparve un gran numero di generi che diedero origine a nuove specie. Soprattutto la vita nel mare si è sviluppata. Analizzeremo la flora e la fauna separatamente.

Flora

Tenendo conto che la maggior parte della vita si è sviluppata nell'ambiente marino, è logico pensare che le piante abbiano avuto uno sviluppo migliore. Le alghe verdi proliferavano nei mari. Erano presenti anche alcune specie di funghi che svolgevano la funzione di decomposizione e disintegrazione della materia organica morta. È così che il mare potrebbe regolarsi.

La storia del sequestro dei sistemi terrestri era diversa da quella del regno marino. Ed è che la flora era quasi inesistente. C'erano solo poche piccole piante che iniziarono a colonizzare la terraferma. Queste piante erano piuttosto primitive e basilari. Come previsto, non erano piante vascolari, cioè, non avevano né xilema né floema. Poiché non erano piante vascolari, era necessario stare vicino ai corsi d'acqua per poter trovare una buona disponibilità. Questi tipi di piante assomigliano alle epatiche che conosciamo oggi.

Fauna

Durante il periodo Ordoviciano la fauna era davvero abbondante negli oceani. C'era una grande biodiversità dai più piccoli e primitivi ad altri animali un po 'più evoluti e complessi.

Abbiamo iniziato a fare gli artropodi. È uno dei margini con abbastanza abbondanza in questo periodo. All'interno degli artropodi troviamo trilobiti, scorpioni marini e brachiopodi, tra gli altri. Anche i molluschi hanno subito un grande allargamento evolutivo. Nei mari predominavano cefalopodi, bivalvi e gasteropodi. Questi ultimi avevano bisogno di spostarsi verso la riva del mare, ma poiché non avevano respirazione polmonare, non potevano rimanere nell'habitat terrestre.

Per quanto riguarda i coralli, hanno cominciato a raggrupparsi per formare le prime barriere coralline e consistevano in vari esemplari. Avevano anche diverse varietà di spugne che si stavano già diversificando durante il Cambriano.

Ordoviciano estinzione di massa

Questa estinzione di massa si è verificata circa 444 milioni di anni fa e si trova a cavallo tra la fine del periodo Ordoviciano e l'inizio del periodo Siluriano. Le cause immediate per le quali gli scienziati scommettono sono le seguenti:

  • Diminuzione dell'anidride carbonica atmosferica. Ciò ha causato una glaciazione globale che ha ridotto le popolazioni di animali e piante.
  • Diminuzione del livello del mare.
  • La glaciazione stessa.
  • Esplosione di una supernova. Questa teoria è stata sviluppata nel primo decennio del XNUMX ° secolo. Dice che c'è stata un'esplosione nello spazio da una supernova che ha causato l'inondazione della terra con raggi gamma. Questi raggi gamma hanno causato un indebolimento dello strato di ozono e la perdita nelle forme di vita costiere dove c'è poca profondità.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul periodo Ordoviciano.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Javier Manrique suddetto

    Penso che, al contrario, l'alta concentrazione di CO2 nell'atmosfera provochi l'effetto serra, responsabile del cambiamento climatico che forse si conclude nel periodo Ordoviciano. In questo studio si dice il contrario, che questo periodo è stato causato dalla bassa concentrazione di CO2. Sebbene la CO2 sia utilizzata nelle serre per migliorare la crescita delle piante, dubito che una diminuzione di questo causerà un'era glaciale. Cosa ne pensi?