Tutto quello che devi sapere sull'oligocene

Oligocene

Durante l' Era cenozoica ci sono stati vari cambiamenti sul pianeta sia in termini di geologia che di flora e fauna. Oggi parleremo della terza epoca che costituì il Cenozoico. Riguarda Oligocene. L'Oligocene si estendeva da circa 33.9 milioni di anni fa a circa 23 milioni di anni fa. In tutti questi anni il nostro pianeta ha subito notevoli cambiamenti. Questi cambiamenti sono ciò che ha causato una ridistribuzione degli esseri viventi, sia piante che animali. Inoltre, il clima ha svolto un ruolo fondamentale durante il processo di cambiamento negli esseri viventi poiché ha creato alcune condizioni affinché alcuni animali o piante potessero prosperare di più e altri non potessero sopravvivere. In questo modo è stata stabilita una nuova forma di selezione naturale.

In questo articolo ti diremo tutto ciò che devi sapere sull'oligocene.

caratteristiche principali

Animali dell'oligocene

L'Oligocene è un tempo che da sempre affascina tutti gli specialisti che si concentrano sullo studio del tempo geologico. Tutti coloro che hanno trascorso abbastanza tempo da poter conoscere gli aspetti nascosti delle diverse fasi geologiche del pianeta sono rimasti con le cose affascinanti che sono successe al nostro pianeta durante l'Oligocene.

Questo è un tempo che è durato in media 11 milioni di anni. Durante questo periodo i continenti sono stati riorganizzati grazie al movimento delle placche continentali. Questo movimento ha fatto sì che i continenti occupassero posizioni simili a quelle che occupano oggi. L'Oligocene è anche conosciuto come l'età dei mammiferi. Ed è che è il gruppo di animali che potrebbe sperimentare una maggiore diversificazione e varietà durante questo periodo. È in questo periodo di 11 milioni di anni che compaiono suddivisioni di mammiferi come roditori o canidi.

Per quanto riguarda la geologia dell'Oligocene fu un periodo di notevole attività geologica e orogenica. Possiamo vedere che la frammentazione del super continente Pangea è continuata e molti dei suoi frammenti sono stati spostati per occupare una posizione simile a quella che hanno oggi. Durante questo periodo si sono verificati due processi orogenici su larga scala: la Laramide Orogeny e la Alpine Orogeny.

Geologia dell'Oligocene

Geologia cenozoica

Esamineremo una per una tutte le caratteristiche dell'Oligocene. Cominciamo con la geologia. La frammentazione del super continente noto come Pangea è diventato sempre più evidente quando il frammento che corrisponde al Sud America è stato separato. Questo spostamento del continente ha causato un lento movimento verso ovest per incontrare il Nord America e formare quello che oggi conosciamo come il continente americano nella sua interezza.

L'Antartide ha continuato la sua separazione dal resto dei continenti e la copertura di ghiaccio si è approfondita man mano che si avvicinava sempre di più al Polo Sud. Ci sono molti specialisti che hanno negato varie conclusioni come quella che in questo momento la placca corrispondente al continente africano si è scontrata con l'Eurasia e lo hanno fatto anche con il frammento che ora conosciamo come India.

Alla fine dell'Oligocene, tutte le masse terrestri erano già in una posizione abbastanza simile a quella che abbiamo oggi. Lo stesso vale per gli oceani. Gli oceani erano disposti in modo tale che c'erano diversi oceani che separavano i continenti di oggi. Tra questi oceani possiamo citare l'Oceano Pacifico, l'Oceano Atlantico e l'Indiano.

Clima oligocenico

Epoca oligocenica

Per quanto riguarda il clima dell'Oligocene, le condizioni erano piuttosto estreme. Era caratterizzato principalmente da temperature molto basse. Durante tutto questo tempo sia l'Antartide che la Groenlandia rimasero coperte di ghiaccio e aumentarono sempre di più. Allo stesso modo, quando l'Antartide è stata completamente separata dal Sud America, ha causato la completa circolazione di varie correnti marine intorno ad essa. Una di queste correnti oceaniche è l'Antartide circumpolare. Questa corrente marina è considerata una delle più importanti, poiché è stata responsabile della copertura dell'intero continente dell'Antartide con il ghiaccio e la formazione dei ghiacciai.

La diminuzione della temperatura globale ha causato conseguenze nella modifica di alcuni ecosistemi. La predominanza della vegetazione era foreste di conifere e latifoglie. Questi alberi sono stati in grado di sopravvivere a questi ambienti estremi perché sono in grado di sopravvivere a basse temperature.

Flora e fauna

Sviluppo di rettili

Tutta la vita è diventata sempre più diversificata sia nelle piante che negli animali. Nonostante le condizioni climatiche non fossero del tutto favorevoli, gli organismi sono stati in grado di adattarsi a queste condizioni e sopravvivere.

Parliamo prima della flora. La flora dell'Oligocene è caratterizzata dal fatto che le angiosperme potrebbero iniziare a diffondersi in un gran numero di habitat. Queste piante hanno persino raggiunto il dominio che hanno oggi. Durante tutto questo tempo, si è potuto osservare una diminuzione delle foreste tropicali a causa del calo delle temperature globali. Queste foreste tropicali sono state sostituite da piante erbacee e praterie adattate a condizioni di temperatura più estreme. Queste praterie e piante erbacee si sono diffuse in tutti i continenti.

Ed è che le piante erbacee hanno avuto un grande successo evolutivo grazie all'adattamento delle proprie caratteristiche in crescita. Queste piante hanno un tasso di crescita continuo che non si ferma mai. Inoltre, questi tipi di piante hanno dovuto affrontare l'azione di vari animali come i pascolatori che si nutrivano di loro. È così che potrebbero sviluppare diverse capacità di adattamento per essere in grado di sopravvivere in questi ambienti e persino stabilire una relazione simbiotica con altri animali. Ed è che molti animali li hanno aiutati a diffondere i loro semi attraverso gli escrementi.

Anche in questo periodo Sono state sviluppate piante di tipo leguminoso come i fagioli.

Per quanto riguarda la fauna, sono molti i gruppi di animali che hanno saputo diversificare e aumentare la propria area di distribuzione. Nonostante le condizioni climatiche in cui sono stati trovati, molti gruppi di animali come uccelli, rettili e mammiferi hanno aumentato la loro distribuzione.

C'erano uccelli e rettili, anche se la maggiore notorietà è stata presa dai mammiferi. È importante sottolineare che il Cenozoico è considerato l'era dei mammiferi.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'Oligocene.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.