Esperimento di Oersted

Oersted

Il ricercatore noto con il nome di Hans Christian Oersted osservò nel 1819 come un ago magnetico potesse essere deviato dall'effetto di una corrente elettrica. L'ago magnetico era una composizione di un magnete a forma di ago. Questo esperimento era noto come Esperimento di Oersted e ha rivelato l'esistenza di una connessione tra elettricità e magnetismo. Fino a quel momento erano due elementi diversi così come la gravitazione e l'elettricità.

In questo articolo vi diremo in cosa consiste l'esperimento di Oersted e quali sono le sue caratteristiche e riflessioni.

Origine dell'esperimento di Oersted

Esperimento di Oersted

Va tenuto presente che, a quel tempo, la tecnologia attuale non esisteva per poter effettuare ricerche e affermazioni nel metodo scientifico. L'esperimento di Oersted manifestare che c'era una connessione tra elettricità e magnetismo. Le leggi che descrivono matematicamente le interazioni magnetiche con l'elettricità sono state sviluppate da André Marie Ampère che era incaricato di studiare le forze che esistevano tra i cavi attraverso i quali circolavano le correnti elettriche.

Tutto ha avuto origine grazie all'analogia che esiste tra magnetismo ed elettricità. È questa analogia che ha portato ad una ricerca nel rapporto che esiste tra loro e che può spiegare le caratteristiche comuni. I primi tentativi di indagare una possibile relazione tra le cariche elettriche dei magneti non hanno dato molti risultati. Quello che hanno mostrato è che mettendo oggetti caricati elettricamente vicino ai magneti, una sola forza veniva esercitata tra di loro. Questa forza è di attrazione globale come quella che esiste tra qualsiasi oggetto carico di elettricità e un oggetto neutro. In questo caso, l'oggetto è il magnete.

Il magnete e l'oggetto caricato elettricamente si attraggono ma non possono essere orientati. Ciò indica che non avviene alcuna interazione magnetica tra di loro. In tal caso, se guidassero. Oersted ha condotto per primo l'esperimento che ha mostrato l'assistenza del rapporto tra elettricità e magnetismo. Già nell'anno Il 1813 aveva previsto che potesse esserci una relazione tra i due, ma fu nel 1820 quando lo verificò.

È successo mentre stava preparando il suo corso di fisica all'Università di Copenaghen. In questa classe, è stato in grado di verificare che se spostava una bussola vicino a un filo che trasportava corrente elettrica, l'ago della bussola tendeva ad orientarsi perpendicolare alla direzione del filo.

caratteristiche principali

principio del magnetismo

La differenza fondamentale che esiste dall'esperimento di Oersted con altri precedenti tentativi che hanno avuto esito negativo è che l'esperimento del loop e la corrente le cariche che interagiscono con il magnete sono in movimento. Tenendo conto di questo fatto, il risultato dell'esperimento di Oersted potrebbe essere conosciuto poiché è stato proposto tutta la corrente elettrica era in grado di formare un campo magnetico. Ampere è stato uno scienziato che ha utilizzato il concetto di relazione tra alluvione e magnetismo per poter anticipare una spiegazione a tutto questo. Grazie alla sua risoluzione, è stato in grado di stabilire una spiegazione che ha dato la soluzione al comportamento del magnetismo naturale ed è stato in grado di formalizzare tutti gli sviluppi in termini matematici.

Contributi dell'esperimento di Oersted

Esperimento di Oersted e magnetismo

La scoperta che tutta la corrente elettrica è in grado di produrre un campo magnetico potrebbe aprire molte strade di ricerca sul magnetismo e sul suo rapporto con l'elettricità. Tra tutte queste strade aperte ci sono stati sviluppi piuttosto fruttuosi che abbiamo sviluppato nei seguenti punti:

  • Il determinazione quantitativa del campo magnetico prodotto da diversi tipi di correnti elettriche. Questo punto è stato risolto a causa della necessità di produrre campi magnetici di un'intensità e una disposizione delle loro linee che fossero controllabili. In questo modo è stato possibile gestire i benefici dei magneti naturali ed è stato possibile creare altri magneti artificiali con un funzionamento più efficiente.
  • L'uso delle forze che esistono tra correnti elettriche e magneti. Grazie alla conoscenza di questo fenomeno è stato possibile utilizzare per la costruzione di motori elettrici, diversi strumenti che vengono utilizzati per misurare l'intensità di corrente e altre applicazioni. Ad esempio, la bilancia elettronica viene utilizzata oggi in molti campi. La bilancia elettronica è stata realizzata grazie all'utilizzo delle forze che esistono tra le correnti elettriche ed i magneti.
  • La spiegazione del magnetismo naturale. Grazie all'utilizzo dell'esperimento di Oersted, è stato possibile basare la conoscenza accumulata in questo tempo sulla struttura interna della materia. È stato anche evidenziato il fatto che qualsiasi corrente è in grado di generare un campo magnetico nelle sue vicinanze. Da qui si sa che tutti i comportamenti possono trarne vantaggio.
  • L'effetto reciproco che potrebbe essere mostrato nell'esperimento di Oersted è servito per il ottenimento industriale di corrente elettrica e suo utilizzo dalla maggioranza della popolazione. Questo utilizzo si basa sull'ottenimento di corrente elettrica da un campo magnetico.

Pensieri finali

Faremo una piccola riflessione sull'esperimento di Oersted e su quali sono i suoi contributi nel mondo della scienza. Sappiamo che il filo è costituito da cariche positive e negative. Entrambi i compiti sono bilanciati tra loro in modo che il carico totale è punto zero visualizziamo il cavo formato da due lunghe file parallele. Se spostiamo il cavo nel suo insieme ed entrambi in fila avanzano non succede nulla. Tuttavia, se viene stabilito il passaggio di una corrente elettrica, la riga avanza e viene prodotto un campo che devia l'ago magnetico.

Da ciò si ottiene la riflessione che ciò che produce il campo non è il movimento delle cariche, ma il movimento relativo delle cariche di un segno rispetto a quello dell'altro. La spiegazione del motivo per cui l'ago si muove è che la corrente del cavo di produzione del campo magnetico le cui linee entrano da un'estremità ed escono dall'altra. È così che l'ago si muove seguendo il campo magnetico.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'esperimento di Oersted e sui suoi contributi nel mondo della scienza.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.