Monte Merapi

vulcano monte merapi

Il monte Merapi è un vulcano attivo situato a Central Java, Indonesia, a circa 30 chilometri a nord di Yogyakarta, questa città conta più di 500.000 abitanti. È designato come uno dei vulcani più attivi al mondo, principalmente perché si trova in una zona di subduzione. Inoltre, è il più attivo di tutti i vulcani dell'Indonesia.

In questo articolo ti diremo tutto quello che c'è da sapere sul Monte Merapi, quali sono le sue caratteristiche, le eruzioni e l'importanza.

caratteristiche principali

monte merapi

Gunung Merapi, come è noto nel suo paese, è classificato come stratovulcano o vulcano composito la cui struttura è stata formata da flussi di lava espulsi nel corso di milioni di anni. Il Global Volcanic Activity Program afferma che si trova a 2.968 metri sul livello del mare, sebbene lo United States Geological Survey lo menzioni a 2.911 metri. Queste misurazioni non sono accurate, perché la continua attività vulcanica le cambierà. Attualmente è inferiore all'intensa eruzione avvenuta prima del 2010.

La parola "Merapi" significa "Montagna di fuoco". Si trova vicino a un'area densamente popolata e l'intensità dell'eruzione gli è valsa un posto in un decennio di vulcani, rendendolo uno dei 16 vulcani più studiati al mondo. Nonostante il pericolo, i giavanesi sono ricchi di miti e leggende, inoltre la loro evidente bellezza naturale è decorata in fondo da una fitta vegetazione e ospita numerose specie animali.

Formazione del Monte Merapi

vulcano attivo

Merapi si trova nella zona di subduzione dove la placca indo-australiana affonda sotto la placca (o sonda) della Sonda. Una zona di subduzione è un luogo in cui una placca affonda sotto un'altra placca, causando terremoti e/o attività vulcanica. Il materiale che forma le placche spinge il magma lontano dall'interno della terra, creando una pressione tremenda, costringendolo a salire sempre più in alto fino a quando la crosta si rompe e forma un vulcano.

Da un punto di vista geologico, i Merapi sono le popolazioni più giovani di Giava meridionale. La sua eruzione potrebbe essere iniziata 400.000 anni fa e da allora è stata caratterizzata dal suo comportamento violento. La lava viscosa e i materiali solidi che sono stati espulsi durante un'eruzione vulcanica si sono accumulati a strati e la superficie si è indurita, formando una tipica forma vulcanica a strati. Dopo la sua comparsa, il Merapi ha continuato a crescere durante il Pleistocene fino a circa 2,000 anni fa, quando l'edificio principale è crollato.

Eruzioni del Monte Merapi

vulcano in indonesia

Ha una lunga storia di eruzioni violente. Ci sono state 68 eruzioni dal 1548 e durante la sua esistenza ci sono state 102 eruzioni confermate nel mondo. In genere sperimenta eruzioni esplosive su larga scala con flussi piroclastici, ma nel tempo diventano più esplosivi e formano una cupola di lava, un tappo circolare a forma di tumulo.

Di solito ha una piccola eruzione cutanea ogni 2-3 anni e una grande eruzione cutanea ogni 10-15 anni. I flussi piroclastici composti da cenere, gas, pietra pomice e altri frammenti di roccia sono più pericolosi della lava, perché possono scendere a una velocità di oltre 150 chilometri orari e raggiungere vaste aree, causando danni totali o parziali. Il problema di Merapi è che si trova in una delle aree più densamente popolate dell'Indonesia, con oltre 24 milioni di persone in un raggio di 100 km.

Le eruzioni più gravi si sono verificate nel 1006, 1786, 1822, 1872, 1930 e 2010. Un'eruzione nel 1006 fu così forte che si credeva che avesse portato alla fine del regno di Mataram, sebbene non ci siano prove sufficienti per supportare questa convinzione . . Tuttavia, il 2010 è diventato l'anno peggiore del 353° secolo, colpendo migliaia di persone, distruggendo ettari di vegetazione e uccidendo XNUMX persone.

L'evento è iniziato ad ottobre ed è durato fino a dicembre. Ha prodotto terremoti, eruzioni esplosive (non solo una), valanghe di lava calda, frane vulcaniche, flussi piroclastici, dense nubi di cenere vulcanica e persino palle di fuoco che hanno causato la fuga di circa 350.000 persone dalle loro case. Alla fine, è diventato uno dei più grandi disastri naturali dell'Indonesia negli ultimi anni.

Eruzione cutanea recente

Il vulcano più attivo dell'Indonesia è scoppiato di nuovo lunedì 16 agosto 2021, eruttando fiumi di lava e nuvole di gas dal fondo della montagna sull'isola densamente popolata di Giava, che si estende per 3,5, 2 chilometri (XNUMX miglia).

Il ruggito dell'eruzione vulcanica può essere ascoltato a diversi chilometri dal Monte Merapi e la cenere vulcanica eruttata dal vulcano è alta circa 600 metri (quasi 2000 piedi). Le ceneri hanno coperto le comunità vicine, sebbene il vecchio ordine di evacuazione fosse ancora valido nei pressi del cratere, quindi non sono state segnalate vittime.

Il direttore del Centro di mitigazione dei disastri vulcanici e geologici di Yogyakarta, Hanik Humeda, ha affermato che questa è la più grande espirazione dal Monte Merapi da quando le autorità hanno aumentato il livello di pericolo nel novembre dello scorso anno.

Si stima che la cupola sud-ovest abbia un volume di 1,8 milioni di metri cubi (66,9 milioni di piedi cubi) e un'altezza di circa 3 metri (9,8 piedi). È quindi parzialmente crollato lunedì mattina, eruttando flussi piroclastici dal lato sud-occidentale della montagna almeno due volte.

Durante il giorno, almeno altre due piccole quantità di materiale piroclastico sono eruttate, scendendo per circa 1,5 chilometri (1 miglio) lungo il versante sud-ovest. Questa montagna di 2.968 metri (9.737 piedi) si trova vicino a Yogyakarta, un'antica città con una popolazione di centinaia di migliaia di abitanti nell'area metropolitana dell'isola di Giava. La città è stata per secoli il centro della cultura giavanese e la sede della famiglia reale.

Lo stato di allerta di Merapi è rimasto al secondo dei quattro livelli di rischio da quando ha iniziato a eruttare lo scorso novembre e il Centro indonesiano di mitigazione del rischio geologico e vulcanico non lo ha sollevato nonostante l'aumento dell'attività vulcanica durante l'ultima settimana.

Spero che con queste informazioni possiate conoscere meglio il Monte Merapi e le sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.