Il modello atomico di Thomson

Thomson

Nella scienza ci sono stati molti scienziati che hanno fatto la differenza quando si tratta di sapere come funzionano le cose. La conoscenza di particelle, atomi ed elettroni ha fornito molti progressi nella scienza. Pertanto, dedicheremo questo articolo a Il modello atomico di Thomson. Era anche conosciuto come il modello Raisin Pudding.

In questo articolo puoi imparare tutto ciò che riguarda il modello atomico di Thomson, quali sono le sue caratteristiche e quanto fosse importante per la scienza.

Qual è il modello atomico Thomson

Come studiare il modello atomico di Thomson

Questo è un modello sviluppato nel 1904 e potrebbe essere stata scoperta la prima particella subatomica. Lo scopritore è stato lo scienziato britannico Joseph John Thomson. Quest'uomo è stato in grado di scoprire particelle caricate negativamente attraverso un esperimento in cui ha usato tubi a raggi catodici nel 1897.

La conseguenza di questa scoperta fu piuttosto enorme poiché non c'erano prove che l'atomo potesse avere un nucleo. Questo scienziato ci porta a pensare che gli elettroni fossero immersi in una sorta di sostanza con una carica positiva che contrasta la carica negativa degli elettroni. Questo è ciò che ha fatto sì che gli atomi abbiano la carica neutra.

Spiegarli in un modo comprensibile è come mettere una gelatina con l'uvetta che galleggia all'interno. Da qui il nome del modello budino con uvetta. In questo modello, Thomson si occupò di chiamare i corpuscoli degli elettroni e ritenne che fossero disposti in modo non casuale. Oggi è noto che si trovano in una sorta di anelli rotanti e che ogni anello ha un diverso livello di energia. Quando un elettrone perde energia va a un livello più alto, cioè si allontana dal nucleo dell'atomo.

Esperimento con lamina d'oro

budino all'uvetta

Quello che Thompson pensava era che la parte positiva dell'atomo rimaneva sempre indefinitamente. Questo modello che ha creato nel 1904 non ha avuto una diffusa accettazione accademica. Cinque anni dopo, Geiger e Marsden furono in grado di eseguire un esperimento con una lamina d'oro che rese le scoperte di Thomson meno efficaci. In questo esperimento sono passati un fascio di particelle di elio alfa attraverso una lamina d'oro. Le particelle alfa non sono altro che leoni di un elemento, cioè nuclei che non hanno elettroni e quindi hanno una carica positiva.

Il risultato dell'esperimento è stato che questo raggio è stato disperso quando è passato attraverso la lamina d'oro. Con questo, si potrebbe concludere che doveva esserci un nucleo con una fonte di carica positiva che era responsabile della deviazione del fascio di luce. D'altra parte, nel modello atomico di Thomson avevamo che la carica positiva era distribuita lungo quella che veniva detta gelatina e che conteneva gli elettroni. Ciò significa che un fascio di ioni potrebbe passare attraverso l'atomo di quel modello.

Quando è stato mostrato il contrario nell'esperimento successivo, questo modello potrebbe essere negato atomico.

La scoperta dell'elettrone è arrivata anche da una parte di un altro modello atomico ma da Dalton. In quel modello, l'atomo era considerato totalmente indivisibile. Questo è ciò che ha spinto Thomson a pensare al suo modello di Raisin Pudding.

Caratteristiche del modello atomico Thomson

modello atomico di Thomson

Tra le caratteristiche principali di questo modello riassumiamo quanto segue:

  1. L'atomo rappresentato da questo modello assomiglia a una sfera che ha un materiale caricato positivamente con elettroni che sono caricati negativamente. All'interno della sfera sono presenti sia gli elettroni che la materia caricata positivamente.
  2. Le cariche positive e negative hanno la stessa grandezza. Ciò significa che l'intero atomo non ha carica, ma è elettricamente neutro.
  3. In modo che l'atomo in generale possa avere una carica neutra gli elettroni devono essere immersi in una sostanza che ha una carica positiva. È ciò che viene menzionato con l'uvetta come parte degli elettroni e il resto della gelatina è la parte con una carica positiva.
  4. Sebbene non sia spiegato esplicitamente, si può dedurre che il nucleo atomico non esisteva in questo modello.

Quando Thomson creò questo modello, abbandonò la precedente ipotesi sull'atomo nebuloso. Questa ipotesi si basava sul fatto che gli atomi erano composti da vortici immateriali. Essendo uno scienziato affermato, voleva creare il proprio modello atomico basato sulle prove sperimentali conosciute ai suoi tempi.

Nonostante il fatto che questo modello non fosse del tutto preciso, è stato in grado di assistere nella posa di basi fisse in modo che i modelli successivi potessero avere più successo. Grazie a questo modello è stato possibile realizzare diversi esperimenti che hanno portato a nuove conclusioni ed è così che si è sviluppata sempre di più la scienza che conosciamo oggi.

Limitazioni ed errori del modello atomico Thomson

Andremo ad analizzare quali sono le problematiche in cui questo modello non ha colto nel segno e quindi non ha potuto andare avanti. La prima cosa è che non poteva spiegare come vengono trattenute le cariche sugli elettroni all'interno dell'atomo. Non potendo spiegare questo, non poteva nemmeno risolvere nulla sulla stabilità di un atomo.

Nella sua teoria non ha menzionato nulla sul fatto che l'atomo abbia un nucleo. Se oggi sapessimo che l'atomo è costituito da nucleo composto da protoni e neutroni ed elettroni ruotano intorno a diversi livelli di energia.

Protoni e neutroni non sarebbero stati ancora scoperti. Thompson ha cercato di basare il suo modello su una spiegazione con gli elementi che erano stati scientificamente provati in quel momento. Quando l'esperimento della lamina d'oro è stato verificato, è stato rapidamente scartato. In questo esperimento è stato dimostrato che ci deve essere qualcosa all'interno dell'atomo che gli farebbe avere una carica positiva e una massa maggiore. Questo è già noto per essere il nucleo dell'atomo.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul modello atomico di Thomson.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.