Mineralogia

Mineralogia

La mineralogia È la scienza derivata dalla geologia che si concentra sullo studio e la caratterizzazione dei minerali. Un minerale non è altro che un solido omogeneo che ha una precisa composizione chimica pena che non è fissa. Ha anche una struttura atomica ordinata ed è stata generalmente formata attraverso processi inorganici naturali.

In questo articolo vi racconteremo cosa studia la mineralogia e l'importanza che ha a livello scientifico.

Minerali

Formazione minerale

Nel tempo ci sono state varie classificazioni di minerali ma è dalla metà del XIX secolo che la composizione chimica è stata il criterio principale per la loro classificazione. I minerali sono classificati secondo i gruppi piani o anionici che predominano nella loro composizione chimica. In questo modo, non troviamo classi definite di minerali che hanno caratteristiche simili in comune. Ad esempio, una delle caratteristiche che possono assomigliare a uno o più gruppi di minerali è il fatto che si trovano nello stesso tipo di depositi.

Le principali classi viste in mineralogia sono:

  • Elementi nativi
  • Solfuri e solfosali
  • Ossidi e idrossidi
  • Alogenuri
  • Carbonati
  • Nitrati
  • solfati
  • Silicati
  • Borati
  • Fosfati

Nella mineralogia, il riconoscimento dei minerali è principalmente lavorato. Questo riconoscimento dei minerali avviene in visu. Si tratta di riconoscere i minerali in un campione manuale. È uno strumento abbastanza utile nel lavoro sul campo di un geologo, poiché consente una prima approssimazione al tipo di materiali geologici che si stanno osservando. Non dimentichiamo che una roccia è costituita da un gruppo di minerali.

Mineralogia applicata

Studio dei minerali

Il materiale necessario che viene utilizzato nella mineralogia del visu per l'identificazione dei minerali è una lente d'ingrandimento, un piccolo rasoio o una lima di metallo, un magnete e una guida minerale. Le proprietà dei minerali sono quelle che si possono riconoscere da una semplice osservazione o da alcuni semplici test.

La prima cosa che guardi di un minerale è la sua forma. Possiamo vedere lo sviluppo delle facce cristallografiche di un minerale. Se osserviamo un minerale ben cristallizzato possiamo vedere che la sua forma esterna è caratterizzata da un insieme di facce che formano un certo poliedro. A seconda di questo tipo di poliedro e del caratteristico insieme di facce, possiamo scegliere le specie minerali che avremo. Questo è un criterio abbastanza importante per la tua identificazione. Facciamo un esempio: quando vediamo pirite e galena possiamo osservare prismi a base esagonale in aragonite, romboedri in calcite, ecc. Tuttavia, è abbastanza comune che i minerali non possano sviluppare buone facce a causa delle loro condizioni di crescita. In questi casi i cristalli sono indicati come allotriomorfi.

La seconda cosa che viene analizzata nella mineralogia visiva è l'abitudine. È lo sviluppo relativo dell'insieme di facce di un cristallo. Questo vale sia per i singoli cristalli, sia per gli aggregati cristallini. L'assistenza di un'abitudine o dell'altra dipende interamente dalle condizioni di crescita del minerale. Se abbiamo un minerale che si è formato con relativa rapidità di raffreddamento, come può accadere con le rocce vulcaniche, possiamo vedere i cristalli formati interamente. D'altra parte, se abbiamo rocce il cui raffreddamento è stato molto più progressivo, possiamo trovare aggregati cristallini più piccoli.

Variabili in mineralogia

Scienza della mineralogia

Colore

Il colore di un minerale può essere molto vario. La causa che ha un colore o un altro può essere per motivi diversi, sebbene il più delle volte sia dovuto alla presenza di alcuni elementi chiamati cromofori come ferro, cromo, cobalto, rame, ecc. È una delle variabili più importanti nella determinazione del tipo di minerale. Diversi colori sono usati in mineralogia per determinare questi minerali.

Va tenuto presente che in molte occasioni le superfici dei minerali sono alterate dalla presenza di alcune impurità e non presentano il colore originario.

Raya

La striscia è una variabile che viene studiata come se fosse il colore della striscia. Si riferisce al colore che assume il minerale quando viene polverizzato. La determinazione della striscia viene effettuata grattando con il minerale su un piatto di porcellana vetrificata non verniciato. Fatto ciò, si osserva il colore di quella linea. Le strisce che hanno un colore definito e sono intense saranno tipiche dei minerali metallici come i solfuri.

D'altra parte, i minerali non metallici come silicati o carbonati avranno sempre una linea bianca o di colore molto chiaro.

Luminosità

La lucentezza è l'aspetto della superficie di un minerale quando la luce cade su di esso. Questa lucentezza può essere sia metallica, sub-metallica e non metallica. La lucentezza metallica è più comune nei minerali che sono opachi e hanno un indice di rifrazione inferiore a 3. Ad esempio, abbiamo pirite, galena, oro o argento. D'altra parte, abbiamo la lucentezza non metallica che è più tipica dei minerali trasparenti che hanno un indice di rifrazione inferiore a 2.6.

Qui possiamo vedere diversi tipi di luminosità: lucentezza del diamante, lucentezza vitrea, resinosa, lucentezza oleosa, lucentezza perlescente, setosa, ecc.

Peso specifico

Il peso specifico può essere misurato anche come densità relativa di un minerale ed è il rapporto tra il peso e il peso di un volume pari a 4 gradi di acqua. Per capire questo daremo un esempio. Se una bevanda al peso specifico di tiro è pari a 2 possiamo dire che un dato campione di detto minerale pesa il doppio di quanto peserebbe un uguale volume di acqua.

Questo peso specifico è determinato dalla composizione ed è costante. Pertanto, diventa una variabile molto utile per l'identificazione. Non dimentichiamo che per la mineralogia in riconoscimento visivo non viene effettuata una determinazione del peso specifico del minerale, ma è possibile stimare la sua densità relativa.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sulla mineralogia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.