Mare di Alboran

isole del mare alborano

Nella parte marina più occidentale del Mar Mediterraneo troviamo un mare che ospita una grande biodiversità. Riguarda mare di alboran. I limiti di questo mare sono segnati a nord dalla costa andalusa, a sud dalla costa mediterranea del Marocco, a ovest dallo Stretto di Gibilterra e ad est dalla linea immaginaria che va da Cabo de Gata a Cabo Fegalo in Algeria. È un piccolo mare ma ha una grande importanza.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per raccontarvi tutte le caratteristiche, importanti geologia del Mare di Alboran.

caratteristiche principali

tiburon

È un tipo di mare di cui la lunghezza massima è di circa 350 chilometri. La sua larghezza è più o meno di circa 180 chilometri, anche se si riduce drasticamente man mano che arriviamo ad ovest dove si trova il cosiddetto Arco de Gibraltar. Ciò significa che la profondità media totale che si può trovare in questo mare è di circa 1.000 metri. Il punto più profondo da 2.200 metri, potendo ospitare un gran numero di specie di flora e fauna marina.

Se contiamo tutte le zone costiere che danneggiano il Mare di Alboran troviamo Spagna, Regno Unito, Marocco e Algeria. In questo mare troviamo correnti diverse in questa parte del Mediterraneo e sono particolarmente forti per l'incontro con specchi d'acqua che hanno temperature differenti. Il luogo in cui convergono queste correnti è nelle zone provenienti dall'Atlantico e dallo Stretto. Sappiamo che le correnti superficiali del Mare di Alboran sono fredde e hanno una direzione di flusso verso est. D'altra parte, se analizziamo le correnti sottomarine, vediamo che fluiscono sul lato opposto. Ciò fa sì che il flusso dell'acqua sottomarina sposti le acque più calde e salate del Mediterraneo verso l'Atlantico.

È largo circa 180 chilometri in direzione nord-sud, mentre la longitudine in direzione est-ovest da circa 350 chilometri.

Biodiversità del mare di Alboran

posizione del mare di alboran

Grazie alla convergenza che esiste tra le varie correnti oceaniche nell'Atlantico del Mediterraneo, il Mare di Alboran presenta un'elevata diversità di specie ed ecosistemi. Questi ecosistemi e specie di esseri viventi sono legati alle condizioni oceanografiche uniche che si verificano in questa regione. Grazie ad una spettacolare diversità geomorfologica dei fondali, Puoi anche vedere formazioni vulcaniche e canyon sottomarini.

La causa dell'esistenza di una grande biodiversità in questo mare è che è un passaggio obbligato per tutti gli animali che hanno uno stile di vita migratorio. Da qui troviamo un gran numero di specie di cetacei, uccelli, tartarughe marine e altre specie planctoniche. Molte di queste specie sono giovani o di taglia molto piccola e sono trasportate dalle correnti come parte del ciclo vitale. Grazie all'esistenza di grandi quantità di plancton nella parte superficiale dei torrenti, abbiamo un buon apporto di nutrienti necessari come base della rete trofica.

Tuttavia, con il passare del tempo e l'evoluzione dell'attività economica umana, questa ricchezza ecologica è minacciata dagli esseri umani. Ed è che c'è un volume significativo di traffico marittimo sia da navi portacontainer, traghetti petroliferi, ecc. Questo transita frequentemente nel mare di Alboran. Questo perché hanno rotte di collegamento tra l'Atlantico e il Mediterraneo. È stato stimato che annualmente Ci sono più di 800.000 navi Han che transitano in questa regione ogni anno.

In termini di fauna, questo mare è l'habitat della più grande popolazione di delfini nasali nel Mediterraneo occidentale. Inoltre, ci sono popolazioni più o più comuni e un gran numero di tartarughe marine. Questo mare non è solo ricco di biodiversità, ma anche un'importante fonte di pesca di sardine e pesce spada. Per questo motivo è eccessivamente sfruttato dagli esseri umani.

Isole del mare di Alboran

biodiversità marina

Sebbene questo mare non sia molto lungo, ci sono alcune isole note e molto importanti. Analizzeremo una ad una quali sono le isole principali e le loro caratteristiche.

Alboran

Quest'isola prende il nome dal mare in cui si trova. È un isolotto più piccolo di origine vulcanica e si trova a una distanza intermedia tra l'Africa e l'Europa. È la parte più orientale del mare. Sebbene sia piccolo, è stato storicamente un importante punto strategico in campo militare e nautico.

Oggi è completamente disabitato e il suo ambiente naturale è protetto da varie figure giuridiche internazionali. Il suo accesso è completamente vietato poiché ospita specie di flora e fauna endemiche.

Altre isole

Il mare di Alboran ospita altre isole minori e sono meno conosciute. L'intera costa nordafricana è costellata di piccoli isolotti e arcipelaghi. Alcune di queste isole sono sotto il territorio spagnolo a causa della sua vicinanza alle città autonome di Ceuta e Melilla. Analizziamo quali sono queste piccole isole:

  • Penón de Velez de la Gomera: È un'isola di soli 190 mq, motivo per cui è considerata un isolotto. Dopo il terremoto del 1930, l'hanno attaccata alla costa con una lingua di sabbia. È abitato solo da una piccola guarnigione dell'esercito spagnolo.
  • Rock of Alhucemas: è anche più piccola dell'isola precedente con solo 150 metri quadrati. È protetto da scogliere e ospita anche una fortificazione militare.
  • Isole Chafarinas: Ha una superficie di 500 mq ed è un piccolo arcipelago. Si trova a est di Melilla ed è molto vicino al confine marittimo tra Marocco e Algeria. I suoi unici abitanti sono militari e scientifici all'interno di una stazione biologica.

Importanza ecologica

Come abbiamo accennato prima, il mare di Alboran è di grande importanza ecologica poiché ospita una grande quantità di biodiversità. Tuttavia, affronta diversi problemi come pesca indiscriminata, scarichi inquinanti incontrollati e turismo di massa. Inoltre, negli ultimi anni questo mare è diventato una rotta di immigrazione clandestina dall'Africa alla Spagna, che ha portato a numerosi naufragi e all'inquinamento dei fondali.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul mare di Alboran e sulle sue caratteristiche.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.