Mare di Bering

Mare di Bering

Uno dei mari più conosciuti al mondo e che separa l'America dalla Russia è il mare di Bering. Prende il nome da Vitus Jonassen Bering. Si tratta di un esploratore danese che guidò spedizioni nella zona della Beringia nel XVIII secolo. È un mare che si trova nell'Oceano Pacifico settentrionale vicino all'Alaska e alla Russia. Ha alcune caratteristiche speciali e una biodiversità piuttosto interessante da conoscere.

Pertanto, dedicheremo questo articolo per raccontarvi tutte le caratteristiche, la formazione e la biodiversità del Mare di Bering.

caratteristiche principali

formazione del mare di bering

Il mare di Bering è responsabile della sua separazione dal resto del Pacifico grazie alla presenza delle Isole Aleutine e della penisola dell'Alaska. Una delle parti più conosciute di questa intera area è lo Stretto di Bering. Ha una larghezza di 85 chilometri e si collega con il Mare di Chukchi e l'Oceano Artico. Tutta questa zona che collega l'una e l'altra è lo stretto di Bering.

Se analizziamo l'intero mare da una mappa, vediamo che copre più di due milioni di chilometri quadrati. La forma di questo mare è piuttosto curiosa. Ed è che ha una forma triangolare e contiene lo stretto di Bering, la baia di Bristol, il Golfo di Anadyr e il Norton Sound. Inoltre, questo mare contiene altre isole tra cui le seguenti: Diomede, Isola di San Mateo, Isola Karáguinski e Isola della slitta, e circa 16 canyon sottomarini.

In questo mare c'è una circolazione di correnti d'acqua tale è influenzato dalla corrente dell'Alaska. Il flusso che porta l'acqua in questo bacino proviene da questo torrente. Date le caratteristiche morfologiche di questo mare, è noto che la superficie è più fresca mentre le acque più profonde sono calde. Le acque più calde vengono introdotte dall'Oceano Pacifico. Quest'acqua si muove attraverso numerosi stretti delle isole a sud.

Un'altra delle caratteristiche per cui questo mare è ben noto è che per la sua posizione geografica e per vari fattori la parte settentrionale di solito gela in inverno. In generale è un mare abbastanza freddo. Puoi vedere che la maggior parte dell'inverno è gelata e durante l'estate puoi registrare temperature dell'acqua inferiori a zero gradi. Nonostante quello che si potrebbe pensare, la salinità di questo mare è molto bassa. Concentrazioni di sale leggermente più elevate possono essere trovate in alcune aree più profonde. Tuttavia, essendo una profondità così variabile, si può dire che metà del mare è profondo meno di 200 metri. In alcune parti, poco meno di 152 metri e in altre raggiunge i 3.600 metri di profondità.

Il punto più profondo del mare di Bering si trova nel bacino di Bowers circa 4.067 metri di profondità.

Formazione del mare di Bering

pesca eccessiva

Bisogna tener conto che, per la formazione del Mare di Bering, è necessario stimare l'età dell'Oceano Pacifico, poiché ne è fortemente influenzato. La sua età stimata è di circa 750 milioni di anni. Quando Rodinia, noto come supercontinente più di 1.000 miliardo di anni fa, iniziò a formarsi, l'intera area stava attraversando un processo di separazione. Quando le terre si separarono, l'Oceano Pacifico si aprì e lasciò il posto al Mare di Bering.

Questo mare ferma il resto dell'oceano durante Epoca Eocenica. La parte principale responsabile della separazione del resto dell'oceano è la formazione dell'arco delle Isole Aleutine. Il Mare di Bering era formato da un'ampia piattaforma continentale delimitata dalla catena delle Isole Aleutine e dallo Stretto di Bering. Questa piattaforma è nata a seguito della collisione delle piattaforme all'inizio del periodo Cretaceo tra Siberia orientale e blocco del versante nord. Il North Slope Block è un'area che si trova nel nord dell'Alaska.

Biodiversità del mare di Bering

Stretto di Bering

Come abbiamo accennato prima, è un mare che ha molte specie di animali e piante. Essere considerato a lungo un ecosistema marino di grande importanza. Tutte le aree artiche esistenti tra Russia, Alaska e Canada beneficiano della presenza di questa biodiversità. E questo perché nelle sue acque è possibile trovare una moltitudine di mammiferi marini, pesci, molluschi, crostacei e altri animali di dimensioni microscopiche.

Esistono più di 160 specie di alghe galleggianti che hanno il loro ecosistema nel Mare di Bering. Ad esempio, troviamo le gigantesche alghe brune che sono in grado di formare foreste lussureggianti in alcune aree acquatiche. Tra le specie animali più comuni nel mare di Bering ci sono le seguenti:

  • Tricheco
  • Balenottera comune
  • Balena boreale
  • Balena franca nord pacifica
  • Leone marino di Steller
  • Nutrizione marina
  • Per ogni
  • salmone
  • aringa
  • Merluzzo del Pacifico
  • Granchio rosso gigante
  • ricci
  • Stelle marine

E la lista continua. Ci sono in totale circa 420 specie di pesci che hanno aiutato la proliferazione della pesca e l'attività con essa. Tuttavia, ci sono alcuni impatti e minacce che stanno interessando il Mare di Bering.

minacce

Tieni presente che l'impatto umano sta causando problemi nel Mare di Bering. Ed è che è un'area molto vulnerabile agli effetti negativi del riscaldamento globale. Essendo un'area vicino all'Oceano Artico è influenzato dall'aumento del livello dell'acqua come risultato dello scioglimento delle calotte polari. Inoltre, si deve tener conto che, essendo un mare intensamente produttivo nella pesca, soffre di sfruttamento e problemi sono stati causati a molte specie. Ad esempio, l'area più occidentale è in uno stato di pesca eccessiva e pesca illegale.

Parti del mare di Bering sono state inquinate da grandi quantità di rifiuti organici microscopici e sostanze tossiche. Il problema con queste sostanze è che sono più difficili da eliminare. Nel corpo di molti animali marini sono stati trovati bifenili policlorurati che sono inquinanti organici persistenti, tracce di mercurio, piombo, selenio e cadmio. Vediamo anche alcuni impatti del traffico marittimo che disturbano la vita marina e un grande rischio di fuoriuscite di petrolio.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Mare di Bering.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.