Mar Mediterraneo

Civiltà greca

El Mar Mediterraneo è uno dei mari che compongono l'Oceano Atlantico. Si trova nella regione che unisce l'Europa meridionale, l'Asia occidentale e l'Africa settentrionale. È considerato un mare di enorme importanza storica per l'intera civiltà occidentale poiché era un'area in cui si svilupparono numerose culture. È considerato il secondo mare interno più grande del pianeta, dietro i Caraibi.

In questo articolo vi parleremo di tutte le caratteristiche, la formazione e l'importanza del Mar Mediterraneo.

caratteristiche principali

Bacino del Mar Mediterraneo

Questo mare contiene una grande quantità di acqua e rappresenta l'1% di tutta l'acqua dell'oceano nel mondo. Il suo volume d'acqua è di 3.735.000 chilometri cubi e la profondità media è di 1430 metri. La sua lunghezza è di 3860 chilometri e ha una superficie totale di 2.5 milioni di chilometri quadrati. Tutta questa quantità di acqua permette di bagnare le 3 penisole dell'Europa meridionale. Queste penisole sono l'iberico, l'italico e il balcanico. Inoltre bagna una penisola asiatica conosciuta con il nome di Anatolia.

Il nome del Mar Mediterraneo deriva dagli antichi romani. Allora Lo conoscevo come "Mare nostrum" o "il nostro mare". Il nome del Mediterraneo deriva dal latino medi terraneum cosa significa il centro della terra. Questo nome è dovuto all'origine delle società che lo hanno chiamato poiché conoscevano solo la terra intorno a questo mare. Questo li ha fatti considerare il Mar Mediterraneo come il centro del mondo. Sin dai tempi antichi, i Greci hanno dato il nome a questo mare fino ad oggi.

Extremar è collegata all'Oceano Atlantico attraverso lo Stretto di Gibilterra. Si trova tra l'Europa meridionale, il Nord Africa e la costa occidentale del Vicino Oriente. L'Oceano Atlantico non è solo comunicazione, ma anche è collegata al Mar Nero dallo stretto del Bosforo e dei Dardanelli. Un altro dei suoi collegamenti è quello del Mar Rosso. Si collega attraverso il Canale di Suez.

Suddivisioni del Mar Mediterraneo

C'è una lunga lista di piccoli mari in cui è suddiviso il Mar Mediterraneo. Ognuno corrisponde a specifiche posizioni geografiche o ad alcune aree in cui le caratteristiche, dovute a flora, fauna o geologia, cambiano. Stiamo per elencare l'elenco delle suddivisioni che ha il Mar Mediterraneo:

  • Mare di Alboran, tra Spagna e Marocco.
  • Mar menor, sud-est della Spagna.
  • La Mar Chica nel nord del Marocco.
  • Mare Adriatico, tra la penisola italiana e le coste di Slovenia, Croazia, Bosnia e Montenegro.
  • Mar Ionio, tra la penisola italiana, la Grecia e l'Albania.
  • Mar Libico in Tunisia.
  • Mare di Cilicia tra Turchia e Cipro.
  • Mar Levantino, al largo delle coste di Egitto, Libano, Cipro, Israele, Siria e Turchia.
  • Mar Ligure, tra Corsica e Liguria.
  • Mar Tirreno, tra la costa orientale della Sardegna, la penisola italiana e la costa settentrionale siciliana.
  • Mar Baleari tra la costa orientale della penisola iberica e l'isola di Sardegna.
  • Mar Egeo, tra la Grecia e la Turchia.

Formazione e origine

Mar Mediterraneo

Dopo la separazione del super continente noto come Pangea, è stato aperto uno spazio tra Europa, Africa e Medio Oriente. A quel tempo il Mar Mediterraneo era connesso con l'Oceano Atlantico fino a circa 6 milioni di anni fa quando si verificò la crisi di salinità messiniana. A quel tempo il mare era in gran parte secco perché era scollegato dal grande oceano. Ciò ha causato la produzione del resto dell'acqua senza che ci fosse alcun affluente che contribuirà con un nuovo specchio d'acqua al mare.

È possibile che avrebbe continuato a perdere acqua, ma la continua erosione del terreno ha creato un canale lungo circa 250 chilometri e l'acqua dell'oceano ha iniziato a scorrere come se fosse una piena. Gli scienziati ritengono che l'apertura che è stata creata formando una cascata larga quasi 2 chilometri sia stata in grado di riempire l'intero Mar Mediterraneo entro circa due anni. Questa cascata e l'allagamento dell'intera area hanno modificato la geografia del territorio. È così che è avvenuta la creazione del Mar Mediterraneo come lo conosciamo oggi.

Per quanto riguarda il clima, vediamo che presenta estati generalmente calde, secche e tranquille. Di solito non è un mare con troppe turbolenze per la navigazione e tendono ad avere estati con stagioni secche. L'intera regione riceve i venti freschi che provengono dagli spazi tra le montagne delle aree dell'Europa. Questi venti contrastano con i venti caldi che provengono dalle pianure ed è africano e che aumentano il tasso di evaporazione dell'acqua durante i mesi più caldi.

Tutto questo produce acque con maggiore salinità e atmosfera più umida. Possiamo considerare gli inverni più ventosi ma con una caratteristica moderata. Generalmente troviamo venti caldi e secchi e gli autunni e le primavere sono generalmente variabili e associati alla pioggia.

Flora e fauna del Mar Mediterraneo

Per quanto riguarda gli esseri viventi che abitano questo pianeta, abbiamo gravi problemi ambientali. Ed è che il Mar Mediterraneo è considerato uno dei mari più inquinati al mondo. Dopo le acque australiane, cinesi e giapponesi, il Mar Mediterraneo è uno dei mari, una maggiore diversità biologica nonostante gli alti livelli di inquinamento.

oggi Sono state descritte 17.000 specie, di cui il 4% proveniente da altri mari, quindi sono considerate specie invasive. La maggior parte delle specie animali e vegetali sono concentrate nelle regioni con maggiore profondità nelle aree vicino allo Stretto di Gibilterra. Qui troviamo il mare di Alboran, l'intera costa africana e spagnola e i mari dell'Adriatico settentrionale e dell'Egeo.

Questo mare è considerato come uno dei più inquinati al mondo in quanto contiene un'elevata presenza di idrocarburi e microplastiche. Questi due elementi sono potenti minacce all'equilibrio ecologico della vita vegetale e animale. Può anche essere associato a rischi derivati ​​dalla pesca eccessiva e dall'eccesso di navi di merce.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sul Mar Mediterraneo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.