Uno studio conferma le estati più secche degli ultimi secoli

estrema siccità

In Spagna la siccità è un fenomeno naturale abbastanza ricorrente e lo è ancora di più in tutti gli ambienti mediterranei. La frequenza e l'intensità della stessa è aumentato dagli effetti del cambiamento climatico E, sebbene le attività economiche ei sistemi naturali si siano adattati a questa caratteristica del clima, non possono farlo in questo scenario, che influisce sulla sostenibilità.

Questa situazione di siccità e aumento delle temperature ha portato alle estati più calde e secche degli ultimi tre secoli negli ultimi decenni. Quali effetti ha questa situazione?

Più calore, meno acqua

pino colpito dalla siccità

Da due decenni membri del gruppo di ricerca Clima, Acqua, Cambiamento Globale e Sistemi Naturali del Dipartimento di Geografia e Pianificazione del Territorio ricostruiscono il clima del passato dalla crescita radiale degli alberi più antichi della Spagna. Con questa ricerca vogliono sapere com'è stato il clima nei secoli precedenti ed essere in grado di stimare la gravità e l'andamento degli effetti del cambiamento climatico.

Dobbiamo tenere conto del fatto che molti cambiamenti climatici si sono verificati nel corso della storia, ma non sono stati rapidi come quello che si sta verificando oggi. Per un aumento delle temperature medie simile a quanto esiste oggi, sono passati milioni di anni. Tuttavia, l'attuale cambiamento climatico sta avvenendo a misura d'uomo, cioè in pochi secoli.

Queste informazioni possono essere ottenute attraverso lo studio della crescita radiale di alberi come i pini. La rivista Geophysical Research Letters raccoglie ora le analisi di campioni di 774 alberi delle specie Pinus sylvestris e Pinus uncinata situato nella catena montuosa iberica, poiché la lunghezza delle registrazioni climatiche strumentali (dati misurati nelle stazioni meteorologiche) raggiunge al massimo i 100 anni, un periodo di tempo insufficiente per valutare la possibile eccezionalità del clima attuale.

Studio della crescita degli alberi

siccità negli alberi

Grazie alle informazioni che vengono raccolte dalle misurazioni della crescita degli alberi, è possibile sapere come si è evoluto il clima. Quando ogni albero dà origine al legno tardivo, cioè il più scuro che si genera nelle fasi finali della crescita annuale, è possibile ricostruire gli effetti della siccità nelle estati fin dai primi decenni del XVIII secolo.

I lavori sono iniziati con le estati del XVIII secolo da quando fu l'inizio della rivoluzione industriale in cui i gas serra iniziarono ad essere emessi attraverso la rivoluzione industriale.

È la prima volta che gli scienziati sono stati in grado di ricostruire il clima dei secoli passati in questo modo. La tecnica è chiamata Indice di evaporazione e traspirazione standardizzato (SPEI), riferito in questo caso ai mesi di luglio e agosto. Le estati sono diventate sempre più secche fino a quando, oggi, sono quelle che hanno stabilito i record storici.

Qualcosa di cui si tiene conto in queste misurazioni e che è importante per l'elaborazione dei risultati e delle conclusioni è che questo indice utilizzato nelle misurazioni tiene conto dello stress aggiuntivo sperimentato dai sistemi naturali in caso di una possibile diminuzione anormale delle precipitazioni, in un contesto in cui, a causa del riscaldamento globale, le temperature annuali stanno aumentando ulteriormente.

I risultati ottenuti sono stati segnalati da altri autori europei e nordafricani, che fanno riferimento all'eccezionalità che le siccità estreme che si sono verificate alla fine del XX secolo e quelle che si verificano ora nell'ultimo anni.

I cambiamenti nei modelli atmosferici causati dal cambiamento climatico agiscono su larga scala e sono in grado di farlo alterare la posizione e la persistenza dell'Anticiclone nelle Azzorre ciò non permette alle tempeste di entrare in Spagna e, quindi, alla pioggia. Inoltre, questa maggiore ricorrenza di eventi secchi è in linea con i risultati dell'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on climate change.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.