Lo strato di ozono mostra un recupero dopo tre decenni

buco dello strato di ozono

Per monitorare lo stato del buco nello strato di ozono, la concentrazione di ozono nella stratosfera è stata misurata per tre decenni attraverso un satellite. Dopo questo tempo di misurazione, finalmente sono stati trovati segni di una ripresa globale dello strato di ozono, grazie agli sforzi compiuti in tutto il mondo per frenare l'uso di sostanze che lo distruggono.

Quanto sono positivi i risultati che hai trovato sullo spessore dello strato di ozono?

Ruolo dello strato di ozono

strato di ozono

Lo strato di ozono non è altro che un'area della stratosfera dove la concentrazione di questo gas è maggiore. Questo gas funge da scudo contro i dannosi raggi ultravioletti del sole. Grazie a questo Non bruciamo la nostra pelle solo esponendoci al sole, le piante possono vivere e svolgere la fotosintesi, ecc.

Per questo motivo, che lo strato di ozono sia in buone condizioni è essenziale per lo sviluppo della vita così come la conosciamo sul pianeta. Con lo sviluppo tecnologico, vengono emesse grandi emissioni di gas che distruggono lo strato di ozono, come i clorofluorocarburi. Questi gas reagiscono con le particelle di ozono nella stratosfera, distruggendole. A causa loro si è formato il famoso buco nello strato di ozono.

Il buco nello strato di ozono non è un buco in sé, perché se lo è, sarebbe troppo pericoloso per il pianeta, poiché si trova in Antartide e consentirebbe il rapido scioglimento dei ghiacci di questo continente. Questo "buco" è solo una diminuzione della concentrazione di questo strato intorno all'Antartide.

Quando l'ozono dannoso lascia entrare i dannosi raggi ultravioletti del sole, l'esposizione a questi raggi aumenta, causandoci cancro della pelle, cataratta e disturbi del sistema immunitario. Colpiscono anche animali, piante e persino fitoplancton microscopico.

Recupero dell'ozono

recupero dello strato di ozono

L'ozono, situato nella stratosfera, si trova a circa 11-50 km sopra la superficie terrestre ha iniziato a diminuire negli anni '70 del secolo scorso. La riduzione più importante da allora lo strato di ozono è compreso tra il 4 e l'8% per decennio.

Grazie ad accordi internazionali come il Protocollo di Montreal, che impedisce l'uso e la riduzione di sostanze che distruggono lo strato di ozono, la tendenza alla riduzione è stata interrotta.

I satelliti che monitorano e monitorano continuamente la concentrazione di ozono in tutte le aree della Terra sono riusciti a rilevare i primi segni di ripresa. I satelliti offrono misurazioni abbastanza adeguate, sebbene la loro limitazione temporale impedisca loro di fare più panorami della concentrazione di ozono. Gli scienziati del clima stimano che le letture dell'ozono dai satelliti dureranno 30 anni o più e sono necessari per poter analizzare con maggiore precisione l'andamento delle concentrazioni di ozono.

A seconda della stagione dell'anno in cui ci troviamo e dell'attività solare, la concentrazione di ozono non è sempre stabile durante tutto l'anno. È quindi importante analizzare l'andamento della concentrazione negli anni e non la concentrazione specifica. Per questo motivo, per decenni sono necessarie misure per confermare se gli esseri umani stanno provocando la ripresa del buco nello strato di ozono.

Per rispondere a questo problema, gli scienziati del Iniziativa ESA sul cambiamento climatico Stanno armonizzando le misurazioni di diversi satelliti per ottenere una visione a lungo termine della variabilità dell'ozono.

 “Combinando i dati della Climate Change Initiative con i dati della NASA, vediamo chiaramente tendenze negative nell'ozono dell'alta atmosfera prima del 1997 e tendenze positive dopo quella data. Le tendenze nella stratosfera superiore oltre i tropici sono statisticamente significative e preludono a un certo recupero dell'ozono ", dice. Viktoria Sofieva, Senior Research Scientist presso il Finnish Meteorological Institute.

Grazie a questo, oggi possiamo conoscere l'andamento dello strato di ozono.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.