Tutto quello che c'è da sapere sulla neve

Neve che cade

La neve è quella che viene chiamata acqua ghiacciata che è precipitata. Non è altro che acqua allo stato solido che cade direttamente dalle nuvole. I fiocchi di neve sono costituiti da cristalli di ghiaccio che, man mano che scendono sulla superficie terrestre, ricoprono ogni cosa con una bellissima coltre bianca.

Se vuoi sapere come si forma la neve, perché nevica, i tipi di neve che esistono e il loro ciclo, continua a leggere 🙂

Panoramica

Formazione della neve

Mentre la neve cadeva lo conosce come nevada. Questo fenomeno è frequente in molte regioni le cui caratteristiche principali risiedono nella bassa temperatura (di solito durante la stagione invernale). Quando le nevicate sono abbondanti, tendono a danneggiare le infrastrutture cittadine e in molte occasioni interrompere le attività quotidiane e industriali.

La struttura dei fiocchi è frattale. I frattali sono forme geometriche che si ripetono a scale diverse, generando un effetto visivo molto curioso.

Molte città hanno la neve come principale attrazione turistica (ad esempio, Sierra Nevada). Grazie alle abbondanti nevicate in questi luoghi è possibile praticare diversi sport come lo sci o lo snowboard. Inoltre la neve offre paesaggi da sogno, capaci di attirare molti turisti e generare grandi profitti.

Come si forma?

Come si forma la neve

Abbiamo parlato di come la neve sia una forte attrazione turistica e che lasci dietro di sé splendidi paesaggi. Ma come si formano questi fiocchi?

La neve è piccoli cristalli di acqua gelata che si formano nella parte superiore della troposfera per assorbimento di goccioline d'acqua. Quando queste goccioline d'acqua si scontrano, si uniscono per formare fiocchi di neve. Quando il fiocco ha un peso maggiore della resistenza dell'aria, cade.

Perché ciò avvenga, le temperature di formazione dei fiocchi di neve devono essere inferiori allo zero. Il processo di formazione è lo stesso della neve o della grandine. L'unica differenza tra loro è la temperatura di formazione.

Quando la neve cade a terra, si accumula e si accumula. Finché la temperatura ambiente rimane al di sotto di zero gradi, persisterà e continuerà a essere conservata. Se la temperatura aumenta, i fiocchi inizieranno a sciogliersi. La temperatura alla quale si formano i fiocchi di neve è solitamente di -5 ° C. Si può formare con una temperatura un po 'più alta, ma è più frequente da -5 ° C.

In generale, le persone associano la neve al freddo estremo, quando la verità è che la maggior parte delle nevicate si verifica quando il terreno ha una temperatura di 9 ° C o più. Questo perché non viene preso in considerazione un fattore molto importante: l'umidità ambientale. L'umidità è il fattore condizionante per l'esistenza della neve in un luogo. Se il clima è molto secco non ci saranno nevicate anche se le temperature sono molto basse. Un esempio di questo sono le Valli Secche dell'Antartide, dove c'è ghiaccio, ma mai neve.

Ci sono momenti in cui la neve si secca. Si tratta di quei momenti in cui i fiocchi, formati con l'umidità dell'ambiente, passano attraverso una massa d'aria secca che li trasforma in una sorta di neve fresca che non si attacca da nessuna parte ed è l'ideale per gli sport sulla neve.

La neve accumulata dopo una nevicata ha aspetti diversi a seconda di come si sviluppano le azioni meteorologiche. Se ci sono forti venti, neve che si scioglie, ecc.

Forme di fiocchi di neve

geometria dei cristalli di ghiaccio

I fiocchi misurano solitamente poco più di un centimetro, anche se le dimensioni e la composizione dipendono dal tipo di neve e dalla temperatura dell'aria.

I cristalli di ghiaccio sono disponibili in molte forme: prismi, piastre esagonali o le stelle familiari. Questo rende ogni fiocco di neve unico, anche se hanno tutti sei lati. Più bassa è la temperatura, più semplice è il fiocco di neve e più piccole sono le dimensioni.

Tipi di neve

Esistono diversi tipi di neve a seconda del modo in cui cade o viene generata e del modo in cui viene immagazzinata.

brina

Brina formata sulle piante

È un tipo di neve quella si forma direttamente sul terreno. Quando le temperature sono inferiori allo zero e l'umidità è elevata, l'acqua sulla superficie terrestre si congela e dà origine al gelo. Quest'acqua si accumula principalmente sulle facce dove soffia il vento ed è in grado di trasportare l'acqua alle piante e alle rocce che si trovano sulla superficie terrestre.

Possono formarsi grandi fiocchi piumati o incrostazioni solide.

Gelo gelido

Gelo congelato nel campo

La differenza tra questo gelo e il precedente è che questa neve dà origine a forme cristalline definite come lame di spada, pergamene e calici. Il suo processo di formazione è diverso dal gelo convenzionale. Si forma attraverso un processo di sublimazione.

Neve farinosa

Neve farinosa

Questo tipo di neve è il più comune conosciuto per sii soffice e leggero. È quello che ha perso coesione a causa delle differenze di temperatura tra le estremità e i centri del cristallo. Questa neve permette una buona scorrevolezza sugli sci.

Neve granulosa

neve granulosa

Questa neve è formata dal ciclo continuo di disgelo e rigelo subito dalle zone dove la temperatura è bassa ma c'è il sole. La neve ha cristalli spessi e tondeggianti.

Neve persa

neve marcia

Questa è la neve più comune in primavera. Ha strati morbidi e umidi che non hanno molta resistenza. Può provocare valanghe di neve bagnata o valanghe piatte. Di solito si trova nelle aree in cui le precipitazioni sono inferiori.

Crosta di neve

neve incrostata

Questo tipo si forma quando l'acqua di fusione superficiale si ricongela e forma uno strato solido. Le condizioni che danno origine alla formazione di questa neve sono l'aria calda, la condensa superficiale dell'acqua, l'incidenza del sole e la pioggia.

Normalmente lo strato che si forma è più sottile e si rompe quando lo sci o gli scarponi vi passano sopra. Tuttavia, ci sono situazioni in cui uno strato spesso e croccante quando piove e l'acqua filtra attraverso la neve e gela. Questa crosta è molto più pericolosa a causa di quanto sia scivolosa. Questo tipo di neve è più frequente nelle zone e nei periodi di pioggia.

Piatti del vento

neve con placche di vento

Il vento dà un effetto di invecchiamento, rottura, compattazione e consolidamento di tutti gli strati superficiali della neve. Il consolidamento funziona meglio quando il vento porta più calore. Anche se quel calore portato dal vento non basta a sciogliere la neve, è in grado di indurirlo mediante trasformazione. Queste piastre del vento che si formano possono essere rotte se gli strati più bassi sono deboli. Questo è quando si forma una valanga.

firnspiegel

firnspiegel

Questo nome è dato a quel sottile strato di ghiaccio trasparente che si trova su molte superfici innevate. Questo ghiaccio produce un riflesso quando il sole splende. Questo strato si forma quando il sole scioglie la neve superficiale e poi si solidifica di nuovo. Questo sottile strato di ghiaccio crea una mini serra in quanto fa sciogliere gli strati inferiori.

Verglas

verglás snow

È un sottile strato di ghiaccio trasparente che si produce quando l'acqua si congela sopra una roccia. Il ghiaccio che si forma è molto scivoloso e rende la salita molto pericolosa.

Lacune di fusione

sciogliere le lacune nella neve

Sono cavità che si formano a causa dello scioglimento della neve in alcune zone e possono raggiungere profondità molto variabili. Ai bordi di ogni foro, le molecole d'acqua evaporano e al centro del foro l'acqua è intrappolata. Questo forma uno strato liquido che, a sua volta, fa sciogliere più neve.

penitentes

penitenti della neve

Queste formazioni si verificano quando i vuoti di fusione diventano molto grandi. I penitenti sono i pilastri che si formano dall'incrocio di più cavità. Si formano colonne che assumono l'aspetto di un penitente. Si verificano in vaste aree con alte quote e basse latitudini. I penitenti raggiungono un maggiore sviluppo nelle Ande e nell'Himalaya, dove possono misurare più di un metro, il che rende difficile camminare. Le colonne tendono ad inclinarsi verso il sole di mezzogiorno.

Canali di drenaggio

canali di sbrinamento e drenaggio

Si forma quando inizia la stagione del disgelo. Le reti di drenaggio si formano a causa del deflusso dell'acqua. Il vero flusso dell'acqua non si verifica in superficie, ma dentro la coltre di neve. L'acqua scivola all'interno della calotta glaciale e finisce nelle reti di drenaggio.

I canali di scolo possono provocare valanghe e rendere difficile lo sci.

dune

dune di neve

Le dune sono formate dall'azione del vento sulla superficie innevata. La neve secca assume forme erosive con piccole onde e irregolarità.

Cornici

Cornice di neve

Sono accumuli di neve sui crinali che costituiscono un rischio particolare, in quanto pendono formando un ammasso instabile che può essere distaccato dal passaggio di persone o da cause naturali (vento forte, ad esempio). È in grado di formare valanghe, sebbene il suo pericolo sia presente solo cadendo da solo.

Con queste informazioni sarai sicuramente in grado di conoscere la neve molto più a fondo e riconoscere il tipo di neve che esiste in quel momento la prossima volta che andrai in un luogo innevato.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.