La geoingegneria è una via di fuga contro il cambiamento climatico?

geoingegneria

Esistono progetti di geoingegneria volti a influenzare il cambiamento climatico. Si tratta di progetti che cercano di ridurre o compensare i problemi che il nostro pianeta ha con i diversi effetti del cambiamento climatico.

Tuttavia, le azioni svolte dalla geoingegneria sollevano questioni di natura etica, perché ha diversi rischi sul pianeta. Vuoi sapere cosa si sta facendo per mitigare gli effetti del cambiamento climatico?

Geoingegneria

Ricercatori di tutto il mondo sperimentano da decenni questo tipo di progetto che cerca di condizionare a piacimento vari aspetti del clima per provocare o prevenire piogge in luoghi specifici, gestire i livelli di radiazione solare o ridurre l'anidride carbonica nell'aria.

Ad esempio, si occupa di geoingegneria solare gestire la quantità di luce solare che entra nell'atmosfera, al fine di controllare il riscaldamento della superficie e ridurre il riscaldamento globale. Nei modelli sperimentali l'azione della geoingegneria potrebbe invertire gli effetti del cambiamento climatico, anche se non si sa se in realtà avrebbe un effetto.

Il clima del pianeta cambierà sì o sì, tuttavia è possibile cercare di ridurre gli impatti di questo cambiamento climatico. Questa tecnologia può avvantaggiare molte persone e ridurre al minimo i danni agli altri, ma anche il contrario.

Comunque, geoingegneria non riduce la necessità di costruire un sistema energetico più pulito e guidare l'economia verso una transizione energetica basata su energie rinnovabili pulite.

Alcuni progetti di questo tipo sono disponibili sul mercato, come dimostra il fatto che nel marzo 2012 la Comunità di Madrid ha stanziato circa 120.000 euro per un progetto di aumento delle precipitazioni nevose attraverso tecnologie di "stimolazione controllata delle nuvole" per la società tedesca Radimeter Physics.

Imita i processi naturali

cambiamento climatico

Un altro progetto di geoingegneria è quello di creare alberi sintetici in grado di cattura e immagazzina la CO2 come se fosse reale, ma con maggiore velocità ed efficienza. Ci sono anche progetti che lanciano microcristalli nello spazio in modo che la radiazione solare rimbalzi allo scarico di ferro negli oceani per incoraggiare la crescita di piante microscopiche che assorbono la CO2 e la trascinano sul fondo del mare.

Con questa tecnologia stiamo giocando ad essere Dio e dovremmo lasciarlo ora che abbiamo tempo, poiché la natura ha i suoi cicli tutto il tempo e non sappiamo quali conseguenze ciò possa avere sul clima.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.