Indice NAO. Fasi positive e negative

Como abbiamo già introdotto in precedenza, la forza della NAO è descritta dall'indice NAO. L'indice NAO è differenza di pressione a livello del mare tra due stazioni situate in prossimità dei centri delle Lowlands islandesi e degli Highlands delle Azzorre. Stykkisholmur (Islanda) è usata come stazione nord, mentre Ponta Delgada (Azzorre), Lisbona (Portogallo) e Gibilterra sono usate come stazione sud.

 

La fase positiva dell'indice NAO  presenta alcuni pressioni più alte del solito nelle altezze subtropicali centrali e più profonde delle basse pressioni dell'Atlantico. L'aumento della differenza di temperatura si traduce in tempeste invernali più frequenti e intense che attraversano l'Oceano Atlantico, nonché un movimento più a nord. Come risultato di questo, inverni caldi e umidi si verificano in Europa e inverni secchi e freddi in Canada e Groenlandia. In questo caso, gli Stati Uniti orientali sperimentano condizioni invernali miti e umide. Ad esempio, gli alti tassi di inverno / primavera del 1989, 1990 e 1995 sono stati causati da uno spostamento netto di aria dall'Artico e dall'Islanda alla fascia subtropicale vicino alle Azzorre e alla penisola iberica, e i venti occidentali si sono intensificati sull'Oceano Atlantico settentrionale. Altri venti più forti da ovest provocano un'aria più umida e calda sul continente europeo e portano a inverni marittimi più miti.

 

NAO POSITIVO

 

 

La fase negativa dell'indice NAO mostra a debole centro di alta pressione subtropicale e debole centro di bassa pressione islandese. Il gradiente di pressione ridotto si traduce in un flusso minore e indebolito che attraversa un percorso più ovest-est. Portano aria umida al Mediterraneo e in assenza di un flusso intenso da ovest a est, l'aria fredda siberiana può scendere a latitudini molto basse, quindi nevicate più frequenti possono verificarsi nell'Europa meridionale.  Tuttavia, la Groenlandia ha temperature invernali più calde. I bassi tassi inverno / primavera del 1917, 1936, 1963 e 1969 hanno avuto venti occidentali più deboli sull'Oceano Atlantico settentrionale, corrispondenti a inverni europei più freddi del solito.

 

NAO NEGATIVO

 

fonte: ASPETTARE


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Sergio suddetto

    grazie, molto interessante!