Il disgelo dell'Antartide rappresenta un pericolo per l'umanità

Iceberg in Antartide

L'Antartide è un continente così freddo che pochissime persone l'hanno visitato e molto meno hanno messo piede su uno dei suoi ghiacciai: Thwaites. che si trova nella parte occidentale del continente. Uno dei pochi fortunati è Knut Christianson, un glaciologo dell'Università di Washington (Stati Uniti), che si dedica a studiarlo per prevedere le conseguenze del suo disgelo globale.

Ciò che ha scoperto fino ad oggi sembra più una storia apocalittica che reale, ma la verità è che dà molto a cui pensare. Ed è quello, »se ci sarà una catastrofe climatica, molto probabilmente inizierà nei Thwaites"Come previsto da Ian Howat, un glaciologo dell'Ohio. Ma perché?

Il ghiaccio dell'Antartide si scioglie più come un castello di carte, cioè quello Rimane stabile finché non viene premuto. Sebbene sia un processo che non avverrà dall'oggi al domani, nel giro di pochi decenni la perdita del ghiacciaio Thwaites destabilizzerà il resto del ghiaccio nella parte occidentale del continente. Una volta che lo faccio, metterà in pericolo tutti coloro che vivono entro 80 miglia dalla costa, cioè metà della popolazione mondiale.

Il livello del mare potrebbe aumentare di circa tre parti in molte parti del mondo e fino a quattro in altre come New York o Boston.

Iceberg in Antartide

Quanto ci vorrà prima che ciò accada? Ebbene, il continente prima dormiva, ma "ora si sta muovendo", ha detto Mark Serreze, direttore del Centro nazionale statunitense per i dati sulla neve e il ghiaccio. Nel 2002 la piattaforma di ghiaccio Larsen B si è sciolta. La sua scomparsa ha aiutato i ghiacciai retrostanti a sfociare in mare fino a otto volte più velocemente di prima. È possibile che il file Piattaforma Larsen C. subisce la stessa sorte, visto che presenta una fessura di 160 chilometri.

Secondo le simulazioni di Eric Rignot della NASA e Ian Joughin dell'Università di Washington, questo stesso processo di destabilizzazione è già in corso nel ghiacciaio Thwaites.

Per saperne di più, puoi fare clic qui.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.