Il clima di alta montagna

Everest

El clima di alta montagna Si caratterizza per avere inverni molto freddi e di lunga durata, durante i quali si registrano temperature sotto lo zero che mettono a dura prova chiunque voglia arrampicare o viverla. Anche le estati sono fresche e brevi, quindi non c'è proprio una stagione calda, almeno, non come la conosciamo noi che viviamo a bassa quota.

Ma quali sono le caratteristiche di questo clima? Chi o chi può convivere con queste condizioni? Parleremo di questo e di più di seguito.

Caratteristiche del clima di alta montagna

Montaña

Il clima di alta montagna appare ad altitudini superiori a 1200 m. Ha un'oscillazione termica, cioè differenza tra la temperatura massima e minima, di 10,5ºC. Le sue condizioni climatiche sono molto diverse dal clima della zona, a causa del fatto che la temperatura scende con l'altezza. A causa di ciò, il gradiente termico è negativo, da 0,5ºC a 1ºC ogni 100 metri. Ciò significa che soprattutto sul versante sopravvento, cioè in quello dove il vento colpisce di più, aumentano sia l'umidità relativa che le piogge prodotte dal sollevamento di una colonna d'aria all'incontro con la montagna, dette piogge orografiche. Sul versante sottovento possono anche aumentare, ma non così tanto, poiché l'aria è già praticamente secca in discesa e la pressione atmosferica aumenta. A tale scopo si chiama Foëhn Wind o Föehn Effect, e in Spagna lo possiamo trovare nella penisola iberica, precisamente nei Pirenei, nel Sistema Centrale e nelle catene montuose baltiche.

Inoltre, va aggiunto che in alta montagna l'insolazione è maggiore che in pianura. Ma, pur avendo un regime eolico specifico, le masse d'aria ei fronti che influenzano il clima della zona, influenzano anche loro. Pioggia qui sono molto scarsi sotto forma di pioggia durante la primavera e l'estate e sotto forma di neve in autunno e inverno.

Chi vive in alta montagna?

Anche se sembra incredibile, ci sono molti animali e piante che vivono in montagna.

Flora

Fagus sylvatica

La flora è classificata in cliserie, o climi che venivano chiamati prima, ed è che le differenze di temperatura e umidità a diverse altitudini o "pavimenti" fanno sì che ognuno di loro veda un tipo specifico di esseri vegetali che popolano le pendici delle montagne. Ma questo non significa che siano "piani" indipendenti, in quanto interferiscono con gli altri.

Esistono due tipi di richieste:

  • Altitudine: che sono dovute a variazioni di temperatura legate all'altezza.
  • Latitudinale: che sono dovute a variazioni di temperatura legate alla distanza alla quale la linea è dall'equatore.

Per classificare le piante di montagna si utilizza la cliserie altitudinale, che a sua volta si possono distinguere 5 zone o piani:

  • Vertici: nelle zone più alte troveremo piantine, che vengono tenute sempre vicine al suolo, come licheni e muschi. Nelle zone più miti le erbe possono crescere, formando erbe.
  • Conifere: sono molte le conifere che si sono adattate a vivere in un clima di alta montagna, con temperature gelide. In Spagna troviamo, ad esempio, l'abete spagnolo e il pino nero.
  • Macchia: scendendo ancora un po 'si hanno ginepri e ginepri, che sono conifere che necessitano di temperature leggermente più alte.
  • Frondoso: In questa parte della montagna possiamo vedere crescere molti alberi decidui, come il faggio, la quercia o il castagno, ma anche alcuni sempreverdi, come i lecci, che si adattano a vivere in zone dove le precipitazioni sono scarse. Possiamo anche vedere i pini, ma solo dove è scomparso.
  • Piante che necessitano di temperature più elevate: nella parte bassa del monte crescono querce da sughero, carrubi, pini d'Aleppo, lecci.

Fauna

Sarrio nei Picos de Europa

Se ci sono piante, ci sono anche animali, anche se non molti ovviamente. Ma sono tutti sopravvissuti nati, che sono riusciti ad adattarsi a condizioni meteorologiche estreme in modo straordinario. In Spagna ne troviamo diversi che vivono quasi senza problemi in alta montagna. Ad esempio, tra gli anfibi troviamo il tritone dei pirenei o l' rana vermiglio. Ci sono anche serpenti occasionali, come il asp viper, che tra l'altro ha veleno tossico, quindi per sicurezza è meglio non toccare nessun serpente se non sai cosa stai facendo.

Ci sono animali a sangue caldo, come il sarrio che puoi vedere nell'immagine sopra. Questo magnifico animale cambia il suo mantello in inverno per poter resistere alle basse temperature. E ovviamente ci sono anche roditori, come il arvicola delle nevi, vedi. Gli uccelli piacciono tonchio alpino o l' pernice bianca Vivono tutto l'anno in alta montagna, nutrendosi di tutto ciò che trovano, dai piccoli insetti ai semi.

Il clima di alta montagna ha delle caratteristiche molto interessanti, non credi?

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.