Cosa stanno trasformando i difetti e come si formano

Difetti trasformanti continentali

Oggi parleremo di un aspetto relativo alla tettonica a placche: trasformando i difetti. La sua esistenza ha condizionato la formazione di molti tipi di rilievi ed è di grande importanza in geologia. In questo post imparerai cos'è un errore di trasformazione e come viene generato. Inoltre, imparerai quale impatto ha sulla geologia del terreno.

Vuoi sapere tutto ciò che riguarda questi fallimenti? Continua a leggere 🙂

Tipi di bordi tra i piatti

Tipi di bordi tra i piatti

Come dice la teoria della tettonica a placche, la crosta terrestre è divisa in placche tettoniche. Ogni piatto si muove a velocità costante. Ai bordi tra i piatti c'è aumento dell'attività sismica a causa della forza di attrito. Esistono diversi tipi di bordi tra i piatti a seconda della loro natura. Dipendono dal fatto che la placca venga distrutta, generata o semplicemente trasformata.

Per conoscere l'origine dei difetti di trasformazione, dobbiamo conoscere i tipi di bordi che esistono tra le piastre. Innanzitutto, troviamo i bordi divergenti. In essi, i bordi dei piatti sono separati dalla creazione del fondale oceanico. Il secondo è il bordo convergente in cui si scontrano due placche continentali. A seconda del tipo di piatto, avrà un effetto diverso. Infine, troviamo bordi passivi, in cui né la placca viene creata né distrutta.

Ai bordi passivi sono presenti sollecitazioni di taglio dalle piastre. I piatti possono essere oceanici, continentali o entrambi. Le faglie trasformanti sono state scoperte in quei luoghi in cui le placche si muovono come segmenti disallineati in una dorsale oceanica. All'inizio di questa teoria si pensava che le creste oceaniche erano stati formati da una catena lunga e continua. Ciò era dovuto allo spostamento orizzontale lungo la faglia. Tuttavia, se osservato da vicino, si poteva vedere che lo spostamento era esattamente parallelo lungo la faglia. Ciò ha fatto sì che la direzione necessaria per produrre gli spostamenti della dorsale oceanica non si verificasse.

Scoperta dei difetti trasformanti

Caratteristica della faglia trasformante

I difetti di trasformazione furono scoperti poco prima dell'esposizione della teoria della tettonica a placche. È stato trovato da scienziato H. Huzo Wilson nel 1965. Apparteneva all'Università di Toronto e suggerì che questi difetti si collegassero dalle cinture attive globali. Queste cinture sono i bordi convergenti e divergenti che abbiamo visto in precedenza. Tutte queste cinture attive globali sono unite in una rete continua che divide la superficie terrestre in piastre rigide.

Così, Wilson è diventato il primo scienziato a suggerire che la Terra fosse composta da singole placche. È stato anche colui che ha fornito la conoscenza dei diversi spostamenti che esistono sulle faglie.

caratteristiche principali

Oceanic Transforming Fault

La maggior parte delle faglie di trasformazione unisce due segmenti di una dorsale oceanica. Queste faglie fanno parte di linee di rottura nella crosta oceanica note come zone di frattura. Queste zone racchiudono le faglie trasformanti e tutte le estensioni che rimangono inattive all'interno della piastra. Le zone di frattura si trovano ogni 100 chilometri lungo l'asse della dorsale oceanica.

Le faglie trasformanti più attive sono quelle che si trovano solo tra due segmenti sfalsati della cresta. Sul fondo dell'oceano c'è un segmento della dorsale che si muove nella direzione opposta rispetto al fondo oceanico che viene generato. Quindi tra i due segmenti di cresta le due piastre adiacenti si sfregano mentre viaggiano lungo la faglia.

Se ci allontaniamo dall'area attiva delle creste delle creste, troviamo alcune zone inattive. In queste zone le fratture si conservano come se fossero cicatrici topografiche. L'orientamento delle aree fratturate è parallelo alla direzione di movimento della placca nel momento in cui è stata formata. Pertanto, queste strutture sono importanti per la mappatura della direzione del movimento della placca.

Un altro ruolo della trasformazione delle faglie è quello di fornire i mezzi attraverso i quali il taglio oceanico, che è stato creato sulle creste della dorsale, viene trasportato nelle aree di distruzione. Queste aree in cui le placche vengono distrutte e vengono reintrodotte nel mantello terrestre sono chiamate trincee oceaniche o zone di subduzione.

Dove sono questi difetti?

Taglia la colpa di San Andrés

La maggior parte delle faglie di trasformazione si trovano all'interno dei bacini oceanici. Tuttavia, come accennato prima. ci sono diversi bordi della piastra. Pertanto, alcune faglie attraversano la crosta continentale. L'esempio più famoso è la faglia di San Andreas in California. Questa faglia provoca numerosi terremoti nella città. Tale è la sua consapevolezza che è stato realizzato un film che simula la distruzione causata dal fallimento.

Un altro esempio è la faglia alpina in Nuova Zelanda. La faglia di San Andreas collega un centro di espansione situato nel Golfo della California con la Cascade Subduction Zone e la Mendocino Transforming Fault, situata lungo la costa nord-occidentale degli Stati Uniti. La placca del Pacifico si muove in direzione nord-ovest lungo l'intera faglia di San Andreas. A seguire questo continuo movimento, negli anni l'area della Bassa California potrebbe diventare un'isola separata dall'intera costa occidentale degli Stati Uniti e del Canada.

Poiché questo accadrà su scala geologica, non è troppo importante preoccuparsi in questo momento. Quello che dovrebbe essere la preoccupazione assoluta è l'attività sismica che fa scattare la faglia. Numerosi sono i movimenti sismici che avvengono in queste zone. I terremoti sono determinanti dei disastri, della perdita di proprietà e di vite umane. Gli edifici di San Andrés sono preparati per resistere ai terremoti. Tuttavia, a seconda della gravità della situazione, può causare vere e proprie catastrofi.

Come puoi vedere, la nostra crosta terrestre e oceanica è difficile da capire. Il suo funzionamento è piuttosto complesso e la sua rilevazione diventa più necessaria. Con queste informazioni è possibile saperne di più sulle faglie trasformanti e le ripercussioni sui rilievi terrestri e marini.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.