Homo habilis

homo habilis

L'essere umano, come altre specie, ha avuto anche altre specie antenate. Uno di questi è il Homo habilis. È considerato il più antico antenato del nostro genere ed è stato scoperto grazie ai primi fossili. L'apparizione di Homos habilis avviene circa 2.4 milioni di anni fa. Rimase sulla terra per quasi 800 mila anni e venne a coincidere con alcuni degli altri antenati come Homo erectus e Homo rudolfensis.

In questo articolo vi parleremo di tutte le caratteristiche, l'origine, il ruolo dell'evoluzione e le curiosità dell'Homo habilis.

caratteristiche principali

volto di homo habilis

I primi resti trovati di questa specie antenata dell'essere umano si sono verificati in Africa. Grazie alla capacità che questo esemplare ha sviluppato per manipolare oggetti è il motivo per cui ha guadagnato questo nome. Ha presentato un'intelligenza superiore agli altri antenati noti come Australopithecus. Gran parte dello sviluppo evolutivo di questa specie è dovuto al fatto che ha iniziato a includere la carne nella sua dieta. La maggior parte dei micronutrienti presenti nella carne ha contribuito a generare nuove capacità cognitive. I maschi erano molto più grandi delle femmine ed erano bipedi.

Nonostante fosse bipede, manteneva comunque una certa morfologia separata dall'attuale umana. Le sue braccia erano molto più lunghe e servivano anche da supporto per alcuni movimenti più bruschi. Avevano una forma simile alle grandi scimmie odierne. D'altra parte, avevano ancora le dita che li aiutavano a arrampicarsi sugli alberi più facilmente. Nonostante quello che pensi, vVivevano in gruppi e avevano una struttura abbastanza gerarchica.

Origine dell'Homo habilis

avanzamento umano

Il nome di Homo habilis deriva dal fatto che sono stati ritrovati resti di utensili in pietra realizzati da individui di questa specie. Apparve circa 2.6 milioni di anni fa e visse fino a circa 1.6 milioni di anni fa. Questa specie vive sin dal Pleistocene in età gelasiana e calabrese. Questa era preistorica in cui si sviluppò questa parte dell'essere umano era caratterizzata principalmente da una diminuzione delle precipitazioni. Tale era la siccità che c'erano abbastanza problemi per lo sviluppo della flora e della fauna.

A differenza di quanto accaduto con Homo erectus, questa specie non ha lasciato il continente. Tutti i resti ritrovati sono avvenuti in Africa. Questo rende l'intera area della Tanzania considerata la culla dell'umanità. Nel 1964 si iniziò a scoprirne una serie di possibili e furono analizzati i resti sia delle ossa che di altri elementi. È qui che hanno realizzato la scoperta. Questa specie è stata catalogata come Homo habilis ed è stata considerata una nuova specie all'interno del genere umano.

Nella sua distribuzione geografica troviamo il continente africano, sebbene vi siano alcune correnti scientifiche che propongono altre teorie. Ed è che l'ominide ha avuto origine in aree dell'Etiopia, Kenya, Tanzania e Africa orientale. Sebbene ci siano vari reperti in paleontologia, non ci sono prove che questa specie sia mai migrata in altri continenti.

Ruolo dell'Homo habilis nell'evoluzione

Homo erectus

Questa specie di essere umano ha avuto una grande rilevanza ed evoluzione. Fino ad allora si pensava che la linea evolutiva che portava all'essere umano fosse molto semplice. Si pensava che provenisse dall'Australopiteco, dall'Homo erectus e successivamente dall'uomo di Neanderthal. È allora che l'Homo sapiens sembrava già. Ciò che non si sapeva fino ad allora era se ci fosse un'altra specie intermedia tra questi esseri umani. I fossili uniti trovati di Homo erectus erano stati trovati nel continente asiatico e nulla era stato collegato all'Africa.

Grazie alla scoperta fatta in Tanzania, si sono potute colmare diverse lacune esistenti nella conoscenza dell'evoluzione umana. I ricercatori hanno concluso che i resti trovati sembravano una nuova specie del genere Homo. Ed è che questi resti soddisfacevano tutti i requisiti necessari per essere di questo genere. Tra questi requisiti troviamo una postura eretta, bipede e abilità per poter maneggiare alcuni strumenti. Tutte queste capacità hanno portato alla conclusione che apparteneva a una nuova specie del genere Homo. Ciò che era più lontano dalle altre specie successive era la sua capacità cranica, che a quel tempo era piuttosto piccola.

Le differenze che esistevano con l'Australopiteco erano parecchie. Questo rende l'Homo habilis il più antico antecedente dell'uomo moderno. Fino a tempi relativamente recenti, si pensava che Homo habilis ed erectus provenissero l'uno dall'altro. Tuttavia, alcuni risultati più moderni realizzati nel 2007 sono riusciti a stabilire alcuni dubbi al riguardo. Questi esperti sottolineano che l'Homo habilis è riuscito a sopravvivere più a lungo di quanto si pensasse. E se facciamo i conti, questo fatto potrebbe fare durante circa 500.000 anni di storia entrambe le specie avrebbero potuto vivere insieme.

Senza dubbio, questa è una grande scoperta degli scienziati. Si crea il dubbio sull'affiliazione esistente tra le due specie in cui si mantiene ancora oggi il dubbio che l'erectus difeso da habilis. La loro convivenza non è esclusa, anche se spesso si fa notare che c'è stata una sorta di lotta incruenta per le risorse. Il risultato della lotta per le risorse è stato l'Homo erectus come vincitore. Per questo motivo, l'Homo habilis stava scomparendo.

Corposo

Sappiamo che tra le caratteristiche del confronto tra Homo habilis e Australopithecus, vediamo una diminuzione in molti dei suoi clienti. I piedi sono simili a quelli attuali e avevano un'andatura quasi totalmente vissuta. Per quanto riguarda il cranio, la forma era più arrotondata rispetto a quella dei predecessori. Il suo volto era segnato da un prognatismo inferiore rispetto all'Australopiteco.

Se lo confrontiamo con l'attuale essere umano, vediamo che non era di taglia particolarmente grande. Gli uomini potevano misurare 1.4 metri e pesare circa 52 centimetri. D'altra parte, le donne erano molto più piccole. Hanno raggiunto solo un metro di altezza e un peso in media di 34 chili. Ciò indicava un dimorfismo sessuale abbastanza marcato.

Spero che con queste informazioni possiate saperne di più sull'Homo habilis e sul suo ruolo nell'evoluzione.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.